Le compagnie aeree affermano che i volantini stanno tornando in massa, nonostante i prezzi dei biglietti più elevati

Le compagnie aeree hanno affermato che la domanda di viaggio sta tornando ruggendo e ritengono che i volantini pagheranno per coprire le crescenti bollette del carburante dei vettori.

Dopo che l’ondata di infezioni da Covid-19 causata dalla variante Omicron ha rallentato le prenotazioni di viaggi all’inizio del 2022, i dirigenti delle compagnie aeree hanno affermato che la domanda è rimbalzata più rapidamente di quanto previsto. Di conseguenza, i vettori hanno affermato che si aspettano di essere in grado di assorbire i costi più elevati del carburante degli aerei riducendo la capacità di volo e trasferendo i costi ai clienti.

“Stiamo assistendo a un aumento della domanda davvero senza precedenti”, ha affermato Delta Air Lines Inc.

DAL 8,70%

Lo ha detto il presidente Glen Hauenstein in una conferenza con gli investitori martedì. “Quell’ondata non potrebbe arrivare in un momento migliore”.

L’invasione russa dell’Ucraina ha spinto l’Occidente a imporre sanzioni e l’industria aeronautica è stata presa nel fuoco incrociato. Mentre le compagnie aeree affrontano rotte più lunghe per evitare lo spazio aereo chiuso e l’aumento dei costi del carburante, George Downs del WSJ scopre come intendono rimanere in volo. Illustrazione: George Downs

L’invasione russa dell’Ucraina ha suscitato timori per l’approvvigionamento energetico globale, spingendo la scorsa settimana i prezzi del carburante degli aerei ai livelli più alti dal 2008. I prezzi del petrolio sono diminuiti negli ultimi giorni e i dirigenti delle compagnie aeree hanno affermato che la domanda è abbastanza forte che i costi volatili del carburante non comprometteranno la loro ripresa .

Per i consumatori, ciò significa una cosa: prezzi dei biglietti più alti.

Il carburante è in genere la seconda spesa più grande delle compagnie aeree dopo la manodopera, rappresentando circa il 20% dei loro costi. Questo può saltare al 30% o più quando i prezzi aumentano, secondo i dati del governo. Con poche eccezioni, la maggior parte delle principali compagnie aeree statunitensi non utilizza più contratti future e altri strumenti finanziari per proteggersi dalle oscillazioni dei prezzi e acquista carburante con poche settimane di anticipo.

Per coprire l’aumento dei prezzi del carburante, le compagnie aeree in genere cercano di aumentare le tariffe e ridurre i voli meno redditizi, il che si traduce in un minor numero di voli e, a sua volta, in prezzi più elevati per i viaggiatori. Alcuni analisti del settore si sono chiesti se queste mosse funzioneranno questa volta, con i viaggiatori di piacere sensibili al prezzo che rappresentano la parte del leone dei viaggiatori ora e in mezzo a un rimbalzo che rimane fragile e incline a improvvise inversioni.

Ma i dirigenti delle compagnie aeree hanno dichiarato martedì di essere fiduciosi che il playbook funzioni ancora. I viaggiatori sono disposti a pagare tariffe più alte, hanno affermato i dirigenti, consentendo ai vettori di aumentare le tariffe per tenere conto dei costi del petrolio più elevati senza minare la domanda.

“Possiamo fare soldi a prezzi del petrolio di $ 100 al barile o superiori, e lo faremo”, ha affermato l’American Airlines Group Inc.

AAL 9,26%

Lo ha detto l’amministratore delegato Doug Parker.

Le principali compagnie aeree statunitensi hanno dichiarato martedì che i loro ricavi nel primo trimestre del 2022 saranno probabilmente nella fascia alta di quanto si aspettavano all’inizio dell’anno, o meglio. Martedì le azioni delle compagnie aeree sono aumentate: American e United Airlines Holdings Inc.

UAL 9,19%

guadagnato più del 9%. Delta è salito dell’8,7% e Southwest Airlines co.

LUV 4,89%

che ha ribadito la sua aspettativa di registrare utili dopo il primo trimestre, è aumentata del 4,9%.

Delta non avrà problemi a recuperare gli ulteriori $ 15 a $ 20 a tratta per il biglietto medio di cui ha bisogno per compensare i maggiori costi del carburante, un importo che la compagnia aerea ritiene che i suoi clienti saranno disposti a farsi carico, Mr. ha detto Hauenstein.

“Siamo molto, molto fiduciosi della nostra capacità di riconquistare oltre il 100% del prezzo del carburante aumentato nel secondo trimestre e probabilmente fino alla fine dell’estate”, ha affermato martedì.

Le compagnie aeree tra cui United e American hanno detto che avrebbero ridotto alcuni voli. Lo United ha dichiarato di aver ridotto i suoi piani di volo e ora prevede di volare leggermente meno quest’anno rispetto al 2019. American ha affermato che ora si aspetta che la sua capacità sia in calo dal 10% al 12% rispetto ai livelli del 2019 nel primo trimestre, rispetto alla sua precedente aspettativa di una riduzione dall’8% al 10%.

“A questo punto non c’è richiesta di distruzione, anzi è il contrario”, ha affermato Andrew Nocella, chief commercial officer dello United. La compagnia aerea sta catturando una “grande percentuale” dell’aumento dei prezzi del petrolio, ha affermato – dopo aver lasciato molti posti invenduti per la prossima estate, lo United è ora in grado di venderli a prezzi più alti.

CONDIVIDI I TUOI PENSIERI

Stai andando avanti con la prenotazione di piani di viaggio nonostante l’aumento dei prezzi e la guerra in Ucraina? Partecipa alla conversazione qui sotto.

Southwest, uno dei pochi vettori che si protegge dagli aumenti dei prezzi del carburante, ha affermato di aver aumentato le tariffe su tutta la sua rete a febbraio. 1.

“L’ambiente dei prezzi è stato sano poiché la domanda è tornata dopo la variante Omicron”, ha affermato martedì Tammy Romo, chief financial officer di Southwest.

L’aumento dei prezzi dei biglietti non ha finora intaccato la domanda, che ha raggiunto nuove pietre miliari dell’era della pandemia. Secondo l’Adobe Digital Economy Index, a febbraio, per la prima volta da marzo 2020, le prenotazioni di biglietti nazionali e le entrate sono aumentate al di sopra dei livelli del 2019. Le spese di viaggio giornaliere per le carte di credito Chase hanno eclissato i livelli del 2019 per la prima volta dalla fine di gennaio 2020, JPMorgan Chase & Co. gli analisti hanno detto questo mese. Delta e American hanno entrambi affermato di aver registrato giorni di vendite record la scorsa settimana.

Le compagnie aeree hanno affermato di vedere anche segnali incoraggianti per i viaggi d’affari, un settore redditizio che è stato più lento a riprendersi poiché le aziende hanno ritardato il ritorno dei lavoratori negli uffici. Le prenotazioni di viaggi aziendali hanno raggiunto il 70% dei livelli del 2019, ha affermato United, i livelli più alti dall’inizio della pandemia.

Alcuni dirigenti delle compagnie aeree e osservatori del settore hanno espresso preoccupazioni sul fatto che l’aumento vertiginoso dei prezzi della benzina alla pompa e l’aumento dei prezzi di cibo e altri servizi potrebbero indebolire l’economia, danneggiando i consumatori e minando il loro appetito di spendere per i viaggi.

JetBlue Airways corporativo

JBLU 7,22%

L’amministratore delegato Robin Hayes ha affermato martedì che la domanda di viaggi repressa potrebbe far volare i clienti durante l’estate, ma ha avvertito che potrebbe non durare.

“Penso che dobbiamo essere un po’ cauti nella seconda metà dell’anno: cosa pensiamo farà l’economia?”

Scrivere a Alison Sider su alison.sider@wsj.com

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. Tutti i diritti riservati. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

.

Leave a Comment