Nuovi dati mostrano il rischio di inondazioni nel tuo sobborgo in Australia

Nuovi dati scioccanti hanno identificato i sobborghi australiani in cui ogni casa è a rischio di inondazione da moderato ad alto – e ce ne sono centinaia.

Una nuova analisi mostra che tutte le proprietà in alcune periferie sarebbero a rischio da moderato ad alto di allagamento, rendendole potenzialmente non assicurabili.

La società di analisi del rischio climatico Climate Valuation ritiene che il peggioramento delle inondazioni fluviali influenzerà i valori delle proprietà in media di $ 45.000 in tutta l’Australia, poiché gli acquirenti tengono conto degli elevati costi assicurativi.

La valutazione climatica ha fornito a news.com.au informazioni sui rischi di inondazione per i singoli sobborghi e ha identificato 398 aree in cui almeno la metà delle proprietà era a rischio di inondazione entro il 2025. Questo numero cresce a 431 entro il 2050, con il rischio di inondazione in 103 periferie interessando oltre il 90 per cento degli immobili.

Nelle periferie del NSW come Ballina e West Ballina, nel 2025 circa il 99% delle proprietà sarebbe a rischio moderato o alto di inondazioni e questa cifra non include le proprietà a basso rischio.

Quasi tutte le case e le imprese in città come Bourke e Nyngan sarebbero interessate.

Anche nei nuovi sobborghi come il lungomare Barangaroo di Sydney, il 90% delle 331 proprietà potrebbe subire inondazioni.

Nel Victoria, il 92% delle 16.740 proprietà di Shepparton potrebbe essere colpito.

Le inondazioni fluviali si verificano quando la pioggia fa sì che un fiume superi la sua capacità, provocando inondazioni nelle aree vicine. Le cifre non includono le proprietà a rischio di allagamento superficiale, noto anche come “allagamento flash”, quando la pioggia provoca scompiglio nelle aree locali.

“Tutti nelle periferie ad alto rischio di inondazioni devono riconoscere che potrebbero dover affrontare scenari simili a quelli che abbiamo visto questa settimana nel Queensland costiero e nel New South Wales”, ha affermato Karl Mallon, amministratore delegato della valutazione del clima.

“È ingiusto e inaccettabile lasciare le persone in pericolo quando conosciamo gli indirizzi ad alto rischio e sappiamo quali possono essere protetti e quali dovranno essere spostati.

“Proprio come i governi devono affrontare la riduzione delle emissioni, devono fornire leadership e supporto finanziario alle comunità per prepararsi agli impatti climatici che sono qui e stanno peggiorando”.

Trasmetti in streaming più notizie sull’ambiente con Flash. Oltre 25 canali di notizie in 1 posto. Nuovo su Flash? Prova 1 mese gratis. L’offerta scade il 31 ottobre 2022>

Puoi controllare il rischio per il tuo sobborgo nelle tabelle seguenti.

Climate Valuation offre anche un servizio online gratuito per consentire alle persone di eseguire un controllo di base del proprio indirizzo e del rischio per tutti gli impatti legati al clima, inclusi incendi boschivi, inondazioni costiere, cedimento del suolo (esclusa l’erosione costiera), vento estremo, inclusi cicloni e inondazioni (acque fluviali e superficiali).

Rischi nelle aree del governo locale

La valutazione climatica ha identificato 30 aree del governo locale che avevano il maggior numero di proprietà esposte, sommando fino a un milione di proprietà a rischio di inondazioni nel 2025. In totale 3,8 milioni di proprietà sono a rischio in tutta l’Australia.

Il maggior numero di proprietà potenzialmente interessate si trova a Brisbane con 211.866 (30,61%) identificate come esposte a un certo rischio e 47.091 (6,80%) ad alto rischio, il che le renderebbe potenzialmente non assicurabili o inaccessibili da assicurare.

Brisbane è stata una delle aree pesantemente colpite dalle recenti inondazioni e anche altre aree che hanno subito inondazioni come Tweed, Ballina e Lismore figuravano tra le prime 30 LGA.

A Lismore, circa il 30 per cento degli immobili era esposto a rischi di inondazione, a Tweed il 46 per cento ea Ballina il 48 per cento.

Si prevedeva che anche la metà delle proprietà di Melbourne sarebbe stata esposta alle inondazioni, sebbene solo l’1,69% fosse ad alto rischio.

L’area più colpita è stata Greater Shepparton, dove il 56,39% delle 37.294 proprietà era considerato ad alto rischio. In totale, il 77,92% ha affrontato un certo rischio di inondazioni, a rischio basso, moderato o alto.

Anche Wangaratta è stato gravemente colpito con il 45,44% ad alto rischio e un totale del 67,15% ad un certo rischio.

Il dottor Mallon ha affermato che le inondazioni fluviali alimentate dai cambiamenti climatici dovrebbero causare una perdita relativa del valore delle proprietà intorno all’Australia di $ 170 miliardi entro il 2050, in parte dovuta all’aumento dei costi assicurativi.

“Questo è un fallimento nel mercato immobiliare se consente alle persone vulnerabili di trasferirsi in proprietà vulnerabili in luoghi ad alto rischio”, ha affermato.

“Invece di guardare le proprietà crollare di valore, avrebbe più senso investire il denaro equivalente nell’adattamento e nella prevenzione delle perdite.

“I codici di pianificazione devono essere modificati, i codici edilizi devono essere aggiornati e sarà necessario un massiccio programma di sovvenzioni per rivedere gli alloggi ad alto rischio dell’Australia in modo che sia pronta ad affrontare la realtà del cambiamento climatico”.

“Se non puoi assicurarti, le persone non possono costruire case”

L’Insurance Council of Australia ha anche chiesto di spendere più soldi per la mitigazione del rischio, per ridurre l’impatto di eventi meteorologici estremi.

Ha evidenziato Lismore come una delle nove località che necessitano di infrastrutture urgenti per la mitigazione delle inondazioni e ha chiesto 200 dollari un milione all’anno in finanziamenti federali – abbinati a stati e territori – da investire in progetti per rendere più resilienti le comunità intorno all’Australia.

“Questo investimento in infrastrutture e mitigazione è di vitale importanza per prevenire futuri danni e devastazioni a queste comunità, poiché sappiamo che gli eventi alluvionali si ripeteranno inevitabilmente”, ha affermato l’amministratore delegato Andrew Hall.

Il primo ministro Scott Morrison ha segnalato gli investimenti in lavori di mitigazione delle inondazioni nei fiumi del nord e ha affermato che il Fondo di risposta alle emergenze del Commonwealth sarebbe stato utilizzato per sostenere tali lavori.

“Non sto parlando di decine di milioni. Sto parlando di più “, ha detto ai giornalisti questo mese.

“Questi costi saranno saldati tra il Commonwealth e il governo statale e i governi locali… perché dobbiamo farlo.

“L’ho visto nel North Queensland, così come in altre parti dell’Australia settentrionale. Se non puoi assicurarti, le persone non possono costruire case lì.

“Se non puoi assicurare, le persone non possono gestire attività lì, le persone non possono ricostruire e rifornire i loro allevamenti se non possono assicurare.

“E affinché le compagnie assicurative siano in grado di assicurare, dobbiamo essere in grado di aumentare la certezza che hanno su come questi tipi di inondazioni devastanti possono avere un impatto su questa regione.

“Questo è il futuro che voglio per Northern Rivers. Questa è la speranza che voglio dare e posso darvi un impegno assoluto a nome del mio governo affinché finanzieremo quelle opere, insieme al governo statale e al governo locale, per garantire che le persone possano avere fiducia nella ricostruzione qui nel Fiumi del Nord. ”

.

Leave a Comment