Pixel 7 e 7 Pro dall’aspetto familiare di Google “potrebbero” essere rilasciati prima di quanto ti aspetteresti:


Per un paio di smartphone di fascia alta che dovrebbero uscire non prima di ottobre, il: Pixel 7 e: 7 Pro ha sicuramente fatto un sacco di titoli ultimamente, molto probabilmente già rivelando i loro design in modo abbastanza dettagliato.

Ma mentre Google ha una lunga storia nel lasciar sfuggire grandi segreti molti mesi prima dei suoi annunci ufficiali di prodotto, uno dei motivi per cui (presumibilmente) sappiamo così tanto sui dispositivi Next Hero dell’azienda potrebbe in realtà essere un lancio anticipato … per cambiare.

La famiglia iPhone 14 avrà una concorrenza diretta a settembre?

Ovviamente, la risposta breve alla prima parte di quella domanda è sì. È altrettanto chiaro che la seconda parte è praticamente impossibile da anticipare in questo momento, ma se Big G dovesse mai realizzare una mossa così audace da rivaleggiare con Apple, il 2022 potrebbe essere l’anno perfetto per provarlo.

Naturalmente, tutto questo è una mera congettura da parte nostra, ma non è quello che possiamo dire su: La previsione di Ross Young: di una spedizione di pannelli inizia a maggio. Questo è un esperto del settore che sa molto sui display degli smartphone, quindi puoi essere quasi certo che la sua ultima profezia si avvererà.

Naturalmente, ciò non significa che Pixel 7 e 7 Pro abbiano alcuna possibilità di vedere la luce del giorno a maggio … o giugno, luglio o persino agosto. Ma settembre è una possibilità precisa dato che i due telefoni apparentemente sono circa un mese in anticipo rispetto al programma Pixel 6 e 6 Pro, almeno per ora.

Inoltre, Google potrebbe sempre utilizzare quel tempo extra per provare a perfezionare il processore Tensor di seconda generazione o lucidare: design trapelati di recente prima di svelare e rilasciare il duo Pixel 7 in un tradizionale lasso di tempo di ottobre. Infine, c’è la possibilità che l’azienda cercherà semplicemente di produrre più dispositivi che mai prima del lancio di ottobre per aumentare il suo ancora modesto globale (e USA) numeri di vendita
Mentre un esordio a settembre direttamente contro: L’elenco di iPhone 14 sembra sicuramente … eccitante, anche le altre due teorie dipingono un quadro molto più bello di quello che è successo con la disponibilità di Pixel 6 l’anno scorso, quindi in ogni caso, È probabile che Google diventi una minaccia più grande che mai per Apple (e Samsung) nel 2022.

Nessuna modifica alle dimensioni del grande schermo in cantiere:

L’altra parte della nuova previsione di Ross Young non è tanto sorprendente quanto poco entusiasmante, poiché richiede un Pixel 7 “vaniglia” da 6,3 pollici e un Pixel 7 Pro ultra premium da 6,7 ​​pollici.

Se quei numeri ti suonano familiari, potrebbe essere perché: Pixel 6 Pro sfoggia anche un display da 6,7 ​​pollici, mentre il “normale” Pixel 6 offre in realtà un po’ più di spazio sullo schermo di quanto dovrebbe offrire il suo successore, a 6,4 pollici.

Il minuscolo downgrade delle dimensioni dello schermo del Pixel 7, che difficilmente noterai nel mondo reale, era abbastanza facile da prevedere in base alle dimensioni complessive di 155,6 x 73,1 x 8,7 mm rivelate da Steve Hemmerstoffer insieme ai rendering basati su CAD di fabbrica il mese scorso .

Ciò rende un dispositivo leggermente più corto, più stretto e sì, più sottile del Pixel 6, il che probabilmente significa che anche la batteria settimanale da 4.600 mAh sotto il cofano da 6,4 pollici potrebbe essere ridotta di 100 o 200 mAh.

Nel frattempo, la stessa solida fonte ha fornito misurazioni quasi identiche per Pixel 7 Pro rispetto al suo predecessore da 6,7 ​​pollici, quindi ha perfettamente senso che lo schermo diagonale e la capacità della batteria di 5.000 mAh rimangano invariati.
Anche Ross Young “crede” Pixel 7 Pro supporterà una frequenza di aggiornamento del display di 120 Hz e la tecnologia LTPO, il che sembra suggerire che il modello non Pro potrebbe giocare in modo sicuro quanto il suo predecessore a 90 Hz e non LTPO, molto probabilmente per tenere sotto controllo i costi di produzione e i conseguenti prezzi al dettaglio .

Leave a Comment