I progressi di VA nel trattamento del cancro dal 2016

Ogni anno, VA diagnostica e cura circa 43.000 veterani con nuovi casi di cancro; VA attualmente cura 400.000 veterani malati di cancro. Ecco i progressi di VA nel trattamento del cancro.

Trattamento e screening

VA ha lanciato il National Precision Oncology Program che ci consente di indirizzare i trattamenti ai pazienti giusti al momento giusto attraverso una comprensione molecolare del tumore del paziente. Nel 2016 abbiamo iniziato con una manciata di siti in grado di raccogliere e testare campioni. Da allora, ci siamo espansi a 129 siti, fornendo 24.000 test molecolari a 18.000 veterani.

La crescita del programma è stata particolarmente importante con l’accesso per i veterani perché, nella popolazione generale, queste terapie non sono generalmente rimborsate, sono costose e non sono ampiamente disponibili.

VA ha anche avviato il Servizio nazionale di teleoncologia per fornire a tutti i veterani cure oncologiche sub-specializzate, in particolare quelli in aree remote dove non c’è un oncologo. Questa espansione e capacità di fornire cure oncologiche virtualmente ci ha anche permesso di trattare i veterani in modo equo.

Nella nostra partnership con il National Cancer Institute e il programma NAVIGATE, (National Cancer Institute e VA Interagency Group to Accelerate Trials Enrollment) siamo stati in grado di aumentare l’accesso dei veterani a nuovi studi clinici all’avanguardia del National Cancer Institute in 12 siti all’interno di VA. C’è stata un’enfasi sull’arruolamento di veterani sottorappresentati negli studi clinici. Il vantaggio per i veterani è la possibilità di accedere a più opzioni terapeutiche per estendere e migliorare potenzialmente la qualità della loro vita.

Test

Nell’espansione su NPOP siamo stati in grado di fornire ai nostri veterani l’accesso ai test genetici germinali in più di 85 dei nostri centri medici. Questo test consente ai veterani di guidare il proprio trattamento e di informare i membri della famiglia dei veterani sulle loro mutazioni genetiche ereditarie, che possono predisporre i membri della famiglia a determinati tipi di cancro. Queste informazioni possono essere utilizzate per guidare i membri della famiglia dei veterani verso screening, diagnosi e trattamenti più tempestivi per i tumori a cui potrebbero essere predisposti.

Ricerca

Abbiamo collaborato con il Dipartimento della Difesa e il National Cancer Institute del NIH nello sviluppo del programma Applied Proteogenomics Organizational Learning and Outcomes (APOLLO). APOLLO e Proteogenomics affrontano le scoperte e le caratteristiche uniche dei tumori dei membri del servizio e dei veterani studiando i biomarcatori del cancro a base di proteine, le sue alterazioni e mutazioni e applicando queste conoscenze al trattamento preciso dei nostri veterani e membri del servizio.

Tumori rari ed esposizioni uniche

Circa il 16% di tutti i tumori in VA sono tumori rari e l’effetto delle esposizioni uniche dei veterani non è ben compreso. Alcuni esempi includono tumori ginecologici e neoplasie ematologiche a cellule B.

Per affrontare questo problema, stiamo istituendo un nuovo programma volto a prendere di mira i tumori rari dei veterani e collaboreremo con ed espanderemo le partnership esistenti del Dipartimento della Difesa e di altre agenzie federali per attuare questo programma. Il VA Rare Cancer Program combatterà i tumori rari attraverso un approccio su più fronti utilizzando oncologi sub-specializzati, percorsi clinici, test avanzati e ricerca. Il potenziale impatto per i veterani include una diagnosi rapida, l’accesso a trattamenti di precisione avanzati e studi clinici e una gestione competente della malattia per ridurre le disuguaglianze nelle cure. Inoltre, questo sforzo offre opportunità di ricerca per colmare il divario di conoscenze nella comprensione genetica e molecolare dei tumori rari che possono influenzare la cura dei pazienti, lo sviluppo di farmaci e le disparità nelle popolazioni colpite in modo sproporzionato.

Per aiutarci a comprendere il contributo dell’esposizione a una diagnosi di cancro, VA, CDC, DoD, NCI, National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS), EPA e HHS svilupperanno una coorte di campioni di tumori veterani provenienti da vari registri per condurre il sequenziamento di campioni di tumore e identificare le firme genomiche che possono essere associate a cancerogeni da esposizioni militari e ambientali. Questo approccio è stato tentato in passato, ma a causa dei vincoli di privacy, non c’è stato alcun progresso. Sarebbe utile nell’interpretazione dei dati per i tumori specifici per i membri del servizio militare.

Svilupperemo una raccolta di dati centralizzata e accessibile per comprendere meglio le esposizioni uniche dei veterani e per garantire uno scambio di dati bidirezionale. Attualmente, il VA Cancer Registry System fa sforzi sostanziali per identificare e tenere traccia dei casi di cancro incidenti in tutto il VA e la nostra funzionalità è limitata per automatizzare l’integrazione di tutti i dati rilevanti relativi al cancro. Con questi dati resi accessibili in questo modo, VA, altre agenzie e istituzioni avrebbero la capacità di imparare da più pazienti e ridurre i costi e i tempi di cura dei dati.

Sforzi di screening del cancro

A causa della pandemia, molti veterani e civili hanno rinviato gli screening per il cancro. Inoltre, un quarto di tutti i veterani vive in zone rurali, rendendo più difficile l’accesso allo screening. Il cancro del polmone è la seconda forma più comune di cancro per i nostri veterani, dove a quasi 8.000 viene diagnosticato un cancro ai polmoni. Il cancro del polmone è anche la forma di cancro più mortale tra i veterani, dove muoiono ogni anno 5.000 veterani. Lo screening del cancro differito impedisce la diagnosi e il trattamento tempestivo. VA si è concentrata sulla promozione dello screening del cancro per i tumori della mammella, del colon-retto, del polmone, del collo dell’utero e della prostata per incoraggiare i veterani ad affrontare le cure differite per la pandemia.

Come notato dal recente President’s Cancer Panel, lo screening del cancro del colon-retto può avvenire efficacemente nella comodità della propria casa con test di screening basati sulle feci, come i test immunochimici fecali (FIT). VA sta implementando un programma per fornire screening FIT ai veterani in tutta la nazione. Questo programma garantirà ai veterani l’accesso tempestivo allo screening basato sull’evidenza e questo intervento ha dimostrato di ridurre la mortalità per cancro e migliorare l’equità sanitaria. È in fase di elaborazione una guida del programma nazionale e sono in corso programmi pilota con l’obiettivo di essere dispiegati all’inizio del 2023. Si stima che 1,2 milioni di veterani siano idonei allo screening FIT.

Incoraggeremo gli screening per il cancro ai polmoni ai circa 900.000 veterani che sono a rischio di sviluppare il cancro ai polmoni. Lo screening del cancro del polmone, utilizzando scansioni di tomografia computerizzata (TC) annuale, riduce sostanzialmente il numero di persone che muoiono di cancro ai polmoni. Sfortunatamente, degli 1-2 milioni di veterani idonei, meno del 10% attualmente ha ricevuto anche una sola TAC per lo screening del cancro del polmone.

Nel 2021, VA ha istituito il National Center for Lung Cancer Screening per affrontare questo problema. La sua missione è aumentare l’accesso sistematico ed equo a processi di screening del cancro del polmone di alta qualità. Il Centro sfrutterà il sistema sanitario di apprendimento di VA per aumentare in modo sostenibile l’accesso a processi di screening del cancro del polmone basati sull’evidenza che siano efficaci, equi, sicuri ed efficienti. Con l’aiuto del Centro, VA è pronta a crescere bruciando veterani per accedere allo screening del cancro ai polmoni e alla fine ridurre il numero di morti per cancro ai polmoni.

Il Centro sostiene e sostiene i veterani implementando processi di assistenza centrati sul paziente per il processo decisionale condiviso, interventi per smettere di fumare e collegando i pazienti ad altissimo rischio di avere un cancro ai polmoni a livelli di assistenza aggiuntivi. Collabora con le strutture VA per fornire dati e consulenza politica alla leadership centrale in merito a problemi relativi allo screening del cancro del polmone.

Leave a Comment