Il genoma di Dodo viene sequenziato per la prima volta, suscitando speranze che possa essere riportato in vita dall’estinzione

La speranza è che il dodo possa essere riportato in vita dall’estinzione dopo che gli scienziati hanno sequenziato per la prima volta l’intero genoma dell’uccello.

Hanno passato anni a lottare per trovare un DNA sufficientemente ben conservato prima di riuscire a prelevare un campione da un “fantastico esemplare” in Danimarca, ma hanno avvertito che non sarebbe stato facile trasformarlo in un “animale vivo, che respira e reale”.

Il dodo incapace di volare alto 3 piedi (un metro) fu spazzato via nel 17° secolo, appena 100 anni dopo essere stato scoperto sull’isola di Mauritius.

Fu cacciato dagli umani e divenne anche preda di gatti, cani e maiali che erano stati portati con i marinai che esploravano l’Oceano Indiano.

Poiché la specie ha vissuto in isolamento a Mauritius per centinaia di anni, l’uccello era senza paura e la sua incapacità di volare lo rendeva una facile preda.

Il suo ultimo avvistamento confermato risale al 1662 dopo che i marinai olandesi avvistarono per la prima volta la specie solo 64 anni prima, nel 1598.

La speranza è che il dodo possa essere riportato in vita dall’estinzione dopo che gli scienziati hanno sequenziato per la prima volta l’intero genoma dell’uccello

Nella foto è lo scheletro fossilizzato di un dodo che è stato trovato a Mauritius nel 19° secolo

Nella foto è lo scheletro fossilizzato di un dodo che è stato trovato a Mauritius nel 19° secolo

PERCHE’ IL DODO SI E’ ESTINTO?

Poco si sa della vita del dodo, nonostante la notorietà che deriva dall’essere una delle specie estinte più famose al mondo nella storia.

L’uccello prende il nome dalla parola portoghese per “sciocco” dopo che i colonialisti hanno deriso la sua apparente mancanza di paura dei cacciatori umani.

L’uccello alto 3 piedi (un metro) fu spazzato via dai marinai in visita e dai cani, gatti, maiali e scimmie che portarono sull’isola nel 17° secolo.

Poiché la specie ha vissuto in isolamento a Mauritius per centinaia di anni, l’uccello era senza paura e la sua incapacità di volare lo rendeva una facile preda.

Il suo ultimo avvistamento confermato risale al 1662 dopo che i marinai olandesi avvistarono per la prima volta la specie solo 64 anni prima, nel 1598.

Poiché si era evoluto senza predatori, è sopravvissuto in beatitudine per secoli.

L’arrivo di coloni umani sulle isole ha significato che il suo numero è diminuito rapidamente poiché è stato mangiato dalle nuove specie che hanno invaso il suo habitat: gli umani.

Marinai e coloni hanno devastato il docile uccello ed è passato da un animale di successo che occupava una nicchia ambientale senza predatori all’estinzione in una sola vita.

La professoressa Beth Shapiro, dell’Università della California, a Santa Cruz, ha detto che il suo team pubblicherà presto il DNA completo dell’esemplare di dodo nel Museo di Storia Naturale di Copenaghen.

“Il genoma del dodo è interamente sequenziato perché lo abbiamo sequenziato”, ha detto a un webinar.

“Non è stato ancora pubblicato, ma esiste e ci stiamo lavorando proprio ora.”

Il professor Shapiro ha aggiunto: “Ho cercato a lungo di ottenere il DNA da un campione che si trova a Oxford.

“Abbiamo un po’ di DNA… ma quel particolare campione non aveva un DNA sufficientemente ben conservato.”

Ha detto che il suo team ha invece utilizzato il DNA di un esemplare in Danimarca, ma avverte che sarebbe difficile riportare in vita l’uccello.

“I mammiferi sono più semplici”, ha detto.

‘Se ho una cellula che vive in un piatto in laboratorio e la modifico in modo che contenga un po’ di DNA di Dodo, come posso trasformare quella cellula in un intero animale vivente, che respira?

“Il modo in cui possiamo farlo è clonarlo, lo stesso approccio utilizzato per creare Dolly the Sheep, ma non sappiamo come farlo con gli uccelli a causa della complessità dei loro percorsi riproduttivi”.

Il professor Shapiro ha aggiunto: “Quindi deve esserci un altro approccio per gli uccelli e questo è un ostacolo tecnologico davvero fondamentale per l’estinzione.

“Ci sono gruppi che lavorano su approcci diversi per farlo e ho pochi dubbi sul fatto che ci arriveremo, ma è un ulteriore ostacolo per gli uccelli che non abbiamo per i mammiferi”.

Il dodo prende il nome dalla parola portoghese per “sciocco” dopo che i colonialisti hanno deriso la sua apparente mancanza di paura dei cacciatori umani.

C'è stata molta eccitazione per il fatto che anche i mammut lanosi possano essere creati in laboratorio

C’è stata molta eccitazione per il fatto che anche i mammut lanosi possano essere creati in laboratorio

GENI, GENOMI E DNA

Gene: una breve sezione del DNA

Cromosoma: un pacchetto di geni e altri frammenti di DNA e proteine

Genoma: l’insieme completo di DNA di un organismo

DNA: Acido desossiribonucleico – una lunga molecola che contiene un codice genetico unico

Il tuo genoma è le istruzioni per crearti e mantenerti. È scritto in un codice chimico chiamato DNA. Tutti gli esseri viventi – piante, batteri, virus e animali – hanno un genoma.

Il tuo genoma è composto da 3,2 miliardi di lettere del tuo DNA. Contiene 20.000 geni.

I geni sono le istruzioni per produrre le proteine ​​di cui sono costituiti i nostri corpi, dalla cheratina nei capelli e nelle unghie alle proteine ​​anticorpali che combattono le infezioni.

Fonte: Genomics England/Your Genome/Cancer Research

Più grande di un tacchino, pesava circa 50 libbre (23 kg) e aveva un piumaggio grigio-azzurro, una grande testa, piccole ali inutili e robuste zampe gialle.

Poiché è strettamente correlato geneticamente al piccione delle Nicobare, è probabile che gli scienziati modifichino il DNA del piccione per includere il DNA del dodo al fine di riportare la specie.

Secondo Mike Benton, professore di paleontologia dei vertebrati all’Università di Bristol, la “de-estinzione” del dodo sarebbe preferibile a un animale proveniente da più indietro nel tempo, perché sarebbe più probabile che sopravvivesse nell’ambiente odierno.

Tuttavia, ha avvertito che potrebbe non assomigliare completamente all’aspetto dell’uccello incapace di volare.

Durante il sequenziamento del genoma di una specie estinta, gli scienziati affrontano la sfida di lavorare con il DNA degradato che non fornisce tutte le informazioni genetiche necessarie per ricostruire un genoma completo dell’animale estinto.

Fortunatamente, con la specie di dodo danese, la professoressa Shapiro e il suo team sono stati in grado di ottenere l’intero genoma dell’uccello, il suo set completo di informazioni genetiche.

Non è la prima volta che gli scienziati parlano di riportare in vita un animale dall’estinzione.

All’inizio di questo mese gli esperti hanno rivelato i piani per riportare in vita l’estinto topo dell’isola di Natale, 119 anni dopo che è stato spazzato via, mentre c’è stata molta eccitazione per il fatto che anche i mammut lanosi possano essere creati in laboratorio.

Rappresentazione artistica del ratto dell'isola di Natale (Rattus macleari), portato all'estinzione tra il 1898 e il 1908. Gli scienziati sperano di riportarlo in vita

Rappresentazione artistica del ratto dell’isola di Natale (Rattus macleari), portato all’estinzione tra il 1898 e il 1908. Gli scienziati sperano di riportarlo in vita

Un progetto scientifico ha affermato che potrebbero essere riportati dall’estinzione entro sei anni sotto forma di ibridi elefante-mammut.

Avendo vissuto in gran parte dell’Europa, del Nord America e dell’Asia settentrionale, le specie iconiche dell’era glaciale hanno subito un declino terminale circa 10.000 anni fa.

La scomparsa delle creature – che potrebbero crescere fino a circa 11-12 piedi di altezza e pesare fino a 6 tonnellate – è stata collegata al riscaldamento dei climi e alla caccia dei nostri antenati.

Ora, una società di bioscienze e genetica con sede negli Stati Uniti, Colossal, è riuscita a raccogliere 15 milioni di dollari (10,8 milioni di sterline) in finanziamenti per riportare in vita questo gigante preistorico.

Il programma – non il primo a immaginare la “de-estinzione” mastodontica – viene presentato come un modo per aiutare a preservare gli elefanti asiatici modificandoli per adattarli alla vita nell’Artico.

Il team ha anche affermato che l’introduzione degli ibridi nella steppa artica potrebbe aiutare a ripristinare l’habitat degradato e combattere alcuni degli impatti dei cambiamenti climatici.

In particolare, hanno affermato, le miscele di elefante e mammut abbatterebbero gli alberi, aiutando così a ripristinare le praterie artiche, il che mantiene il terreno fresco.

CHE COS’È LA CLONAZIONE E POSSIAMO UN GIORNO CLONARE GLI UMANI?

Cos’è la clonazione?

La clonazione descrive diversi processi che possono essere utilizzati per produrre copie geneticamente identiche di una pianta o di un animale.

Nella sua forma più elementare, la clonazione funziona prendendo il DNA di un organismo e copiandolo in un altro posto.

Esistono tre diversi tipi di clonazione artificiale: clonazione genica, clonazione riproduttiva e clonazione terapeutica.

La clonazione genica crea copie di geni o parti di DNA. La clonazione riproduttiva crea copie di animali interi.

La clonazione terapeutica produce cellule staminali embrionali per test volti a creare tessuti per sostituire i tessuti feriti o malati.

Per creare cloni di trasferimento nucleare di cellule somatiche (SCNT), gli scienziati prelevano il DNA (cerchio rosso) dal tessuto e lo inseriscono negli ovociti (giallo) con il loro DNA (verde) rimosso.  Gli scienziati quindi attivano o disattivano determinati geni per aiutare le cellule a replicarsi (a destra)

Per creare cloni di trasferimento nucleare di cellule somatiche (SCNT), gli scienziati prelevano il DNA (cerchio rosso) dal tessuto e lo inseriscono negli ovociti (giallo) con il loro DNA (verde) rimosso. Gli scienziati quindi attivano o disattivano determinati geni per aiutare le cellule a replicarsi (a destra)

Dolly the Sheep è stata clonata nel 1996 utilizzando un processo di clonazione riproduttiva noto come trasferimento nucleare di cellule somatiche (SCNT).

Questo prende una cellula somatica, come una cellula della pelle, e sposta il suo DNA in una cellula uovo con il suo nucleo rimosso.

Un altro metodo più recente di clonazione utilizza le cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC).

Le iPSC sono cellule della pelle o del sangue che sono state riprogrammate in uno stato simile all’embrione.

Ciò consente agli scienziati di progettarli in qualsiasi tipo di cellula necessaria.

Potremmo mai clonare un essere umano?

Attualmente non ci sono prove scientifiche che gli embrioni umani possano essere clonati.

Nel 1998, gli scienziati sudcoreani hanno affermato di aver clonato con successo un embrione di un essere umano, ma hanno affermato che l’esperimento è stato interrotto quando il clone era solo un gruppo di quattro cellule.

Nel 2002, Clonaid, parte di un gruppo religioso che crede che gli esseri umani siano stati creati da extraterrestri, ha tenuto una conferenza stampa per annunciare la nascita di quello che ha affermato di essere il primo essere umano clonato, una ragazza di nome Eve.

Questo è stato ampiamente respinto come una trovata pubblicitaria.

Nel 2004, un gruppo guidato da Woo-Suk Hwang della Seoul National University in Corea del Sud ha pubblicato un articolo sulla rivista Science in cui affermava di aver creato un embrione umano clonato in una provetta.

La clonazione genica crea copie di geni o parti di DNA.  La clonazione riproduttiva crea copie di animali interi (immagine d'archivio)

La clonazione genica crea copie di geni o parti di DNA. La clonazione riproduttiva crea copie di animali interi (immagine d’archivio)

Nel 2006 quel documento è stato ritirato.

Secondo il National Human Genome Research Institute, da un punto di vista tecnico la clonazione degli esseri umani è estremamente difficile.

“Uno dei motivi è che due proteine ​​essenziali per la divisione cellulare, note come proteine ​​del fuso, si trovano molto vicino ai cromosomi nelle uova dei primati”, scrive.

“Di conseguenza, la rimozione del nucleo dell’uovo per fare spazio al nucleo del donatore rimuove anche le proteine ​​​​del fuso, interferendo con la divisione cellulare”.

Il gruppo spiega che in altri mammiferi, come gatti, conigli e topi, le due proteine ​​del fuso sono sparse in tutto l’uovo.

.

Leave a Comment