Il gestore della fauna selvatica lascia il FWP preoccupato per la mancanza di ascolto | Notizie locali

Essere invitati a sedersi al tavolo di qualcuno e ad ascoltare è stata la parte migliore del lavoro di Mike Thompson.

Il fatto che qualcuno avesse opinioni forti sulla gestione della fauna selvatica e che Thompson fosse il responsabile della fauna selvatica per Montana Fish, Wildlife & Parks Region 2, potrebbe sembrare una combinazione stressante.

Eppure, dopo 42 anni alla guida del benessere biologico della selvaggina e delle specie non selvaggie del Montana occidentale, Thompson ha detto che è ciò che gli mancherà di più.

Con una mossa senza preavviso, si è ritirato mercoledì.

“Se hai intenzione di avere quelle conversazioni, devi essere accettato come una persona che vuole ascoltare e stare zitto”, ha detto Thompson. “È stato più difficile nel lavoro farlo. Ci sono più politiche coinvolte in questo ora, più forze che cercano di controllare i Montanani e costruire tribù a sé stanti di quanto non fossi consapevole quando sono venuto qui per la prima volta. Penso che questo sia nel nostro modo e penso che sarebbe un grande vantaggio per le risorse e lo stile di vita del Montana se potessimo staccare quello strato”.

Anche le persone stanno leggendo

La partenza di Thompson arriva un mese prima che FWP completi la revisione pubblica dei grandi cambiamenti alle sue regole del grande gioco. Includono la semplificazione dei tipi di licenza, il consolidamento dei distretti di caccia, lo spostamento delle date della stagione e altri cambiamenti che si sono rivelati controversi nella Regione 2.

“Ero alla chiamata Zoom con molte persone nella Bitterroot Valley che erano molto critiche e non amavano il modo in cui venivano fatte senza alcun background biologico”, ha detto Tim Aldrich, ambientalista di Missoula ed ex commissario per la pesca e la fauna selvatica del FWP.

Alla fine Mike ha detto: “Penso che siamo a un bivio: vogliamo continuare con ciò che viene proposto o basarci su ciò che già sappiamo?” Ha sentito quelle persone dire che non ci piace e perché dovremmo privare le persone delle opportunità che hanno, e ha ascoltato”.

Il supervisore della regione 2 del FWP, Randy Arnold, ha affermato che la capacità di Thompson di adattarsi a quelle chiamate pubbliche ha reso il processo funzionante.

“Mike è stato fantastico nel guidare questo cambiamento e questo processo, ed è rispettato da me e dall’ufficio del direttore”, ha detto Arnold. “Penso che il suo ritiro non abbia nulla a che fare con l’impostazione della stagione. È stata una grande richiesta dei nostri biologi e Mike l’ha gestita meravigliosamente”.

Arnold ha affermato che il ruolo di Thompson era interpretare e comprendere le richieste del quartier generale del FWP e della Fish and Wildlife Commission, quindi esaminare i distretti della regione 2 e vedere come queste proposte potrebbero adattarsi. Ciò ha comportato un complicato mix di ciò che i cacciatori volevano, ciò di cui i proprietari terrieri hanno bisogno e ciò che è biologicamente possibile.

“Pensavamo di essere abbastanza vicini a qualcosa con cui potevamo lavorare, e l’abbiamo presentato al pubblico per una risposta e abbiamo ottenuto un forte impegno”, ha detto Arnold. “Il sentimento prevalente era che ci piacciono (le regole) così come sono, e non sono così complicate. Quindi abbiamo affilato le nostre matite e abbiamo esaminato una seconda serie di proposte che soddisfacessero i bisogni biologici con una migliore corrispondenza degli interessi pubblici”.

Thompson ha svolto un lavoro pionieristico sulle capre di montagna all’inizio della sua carriera, incluso lo sviluppo di un aggeggio a rete lanciato da un razzo per catturare gli abitanti delle scogliere illesi.

La sua inventiva è stata mostrata anche negli incontri pubblici, dove la sua abilità nel riconoscere opinioni difficili senza infiammare un dibattito era notevole.

“L’ho visto in numerosi incontri pubblici, dove si occupava di domande stimolanti e persone sfidanti”, ha affermato Gary Wolfe, ex commissario del FWP e leader di un gruppo di conservazione. “Era molto disposto ad ascoltare i commenti e i suggerimenti del pubblico e quindi a modificare tali regolamenti sulla base del contributo pubblico coerente con le pratiche sane della fauna selvatica”.

Ma Wolfe ha affermato che l’abilità è stata messa a dura prova nell’ultimo anno dopo che la legislatura del 2021 e il nuovo direttore del FWP Hank Worsech ha chiesto importanti modifiche alle pratiche di caccia di lunga data.

“C’è molta legislazione che è davvero scoraggiante e difficile da attuare”, ha affermato Wolfe, che ha firmato una lettera questa settimana con 35 altri esperti di fauna selvatica che si oppongono al Gov. La petizione di Greg Gianforte per rimuovere gli orsi grizzly dal Federal Endangered Species Act. “Lo troverei estremamente scoraggiante dal punto di vista morale, e sono preoccupato per un esodo di brave persone di talento da FWP”.

Thompson ha detto che non c’era alcun motivo o evento specifico che guidasse la sua decisione di ritiro, anche se ha riconosciuto che l’ultimo anno è stato particolarmente difficile.

“L’enfasi del lavoro internamente, all’interno del dipartimento, per informare, rispondere, comprendere nuovi ordini e stare al passo con i cambiamenti – tutto quel tempo ora dedicato ad affrontare internamente – ha significato il tempo per affrontare esternamente la risorsa ed è stato ridotto quasi a zero “, ha detto Thompson. “Ho difficoltà a pensare che sia un ottimo modello.”

Dopo decenni di ascolto di ciò che gli abitanti del Montana vogliono per la loro fauna selvatica, Thompson ha anche avuto difficoltà a dire chi sta parlando per cosa.

“Sembra essere più difficile capire cos’è il Montana e cosa pensa la gente di essere qui – cosa significa essere nel Montana”, ha detto Thompson. “Quello che vedo sono molte persone individuali, piccoli gruppi e interessi acquisiti, che lavorano duramente per definirlo per noi. Ci sono sempre meno persone che escono e parlano con le persone, vivono la vita, fanno le loro cose, cercano di capire cosa conta e cosa no. E molte più persone cercano di trarre vantaggio dal Montana e di utilizzare il Montana per i propri fini”.

Un modo in cui Thompson ha cercato di avvicinare gli abitanti del Montana alle loro relazioni selvagge è stato attraverso i bollettini Wildlife Quarterly che ha iniziato a pubblicare fuori dalla regione FWP 2. Il trimestrale ha compilato tutte le ultime ricerche e il lavoro sul campo svolto da biologi locali, guardie forestali e altro personale in modi che ha illuminato la complessità tecnica della scienza pur facendo appello a un pubblico generale.

Il fascino per la vita e i mezzi di sussistenza di quegli animali può trascendere tutti i tipi di altre divisioni sociali, ha detto Thompson, purché le persone siano disposte a condividere l’esperienza.

“Vedo che dimentichiamo, o ci comportiamo come se avessimo dimenticato, che cacciatori, pescatori e osservatori della fauna selvatica hanno una cosa in comune”, ha detto Thompson. “Possono tollerare le reciproche differenze, la politica e la religione abbastanza a lungo da condividere quelle esperienze con tolleranza e amicizia.

“Siamo arrivati ​​al punto di aver dimenticato che le persone lo fanno per divertimento, per svago e per ringiovanimento, non per essere disturbati dal governo. La gente non vuole che roviniamo tutto”.

Devi essere loggato per reagire.
Fare clic su qualsiasi reazione per accedere.

.

Leave a Comment