Saranno i germogli di Saturno i punti in questa stagione di osservazione? – Cielo e telescopio

Will Hay, un amato comico e intrattenitore britannico, era anche un ardente astronomo dilettante. Hay scoprì indipendentemente un focolaio di macchie bianche su Saturno con il suo rifrattore Cooke da 6 pollici da Londra il 3 agosto 1933. Gli osservatori dovrebbero tenere gli occhi aperti per il ritorno di un’attività simile durante l’attuale apparizione.
Will Hay, per gentile concessione della Royal Astronomical Society (RAS) e Martin Mobberley

I pianeti luminosi hanno abbandonato il tramonto in questa stagione e invece si sono riversati come pettirossi nel cielo dell’alba. Venere e Marte sono stati compagni fissi per settimane, con Saturno che è appena entrato in scena. Ho dato la mia prima occhiata al re dell’anello il 3 marzo in coppia con Mercury 45 minuti prima del tramonto. Dal mio punto di vista, Saturno era una massa tremante. Ma ho resistito fino a quando il pianeta non è salito abbastanza in alto da consentire agli anelli di stabilizzarsi e affinarsi, segnando (per me) l’inizio ufficiale dell’apparizione del 2022.

Saturno e Mercurio all'alba del 3 marzo
Ho dato il mio primo sguardo a Saturno in questa stagione il 3 marzo 2022, abbinato a Mercurio più luminoso 1,3° a sud-est. La bassa quota e il luminoso crepuscolo hanno reso difficile fotografare il duo. Saturno sale più in alto e diventa in una posizione migliore per l’osservazione con l’avanzare del mese.
Bob Re

Ogni apparizione planetaria è un’opportunità per ricominciare da capo e stabilire nuovi obiettivi di osservazione. Con Marte, questo potrebbe essere l’anno per individuare entrambe le calotte polari o identificare una caratteristica di albedo scuro che non hai mai visto prima. Mentre gli anelli di Saturno sono innegabilmente accattivanti, permettetemi di suggerire di distogliere parte della vostra attenzione su questa apparizione sul suo globo in previsione del prossimo Grande macchia bianca scoppio.

Saturno 13 marzo 2022
Lucca Schwingel Viola di Matupa, Brasile, ha catturato la sua prima immagine di Saturno in questa stagione il 13 marzo con un riflettore GSO da 8 pollici f / 5. Il piano dell’anello è stato inclinato di 14,3° con la parete nord in vista. Il sud è alto.
Lucca Schwingel Viola

Saturno sembra piuttosto insipido rispetto al suo fratello maggiore, Giove. Essendo più massiccio, Giove comprime la sua atmosfera in uno strato di circa 75 chilometri di spessore, quindi le nuvole di ghiaccio di ammoniaca si formano più vicino alla parte superiore del suo involucro arioso, dove sono un gioco leale per gli osservatori visivi. A causa della minore gravità di Saturno, la sua atmosfera è più densa: le nuvole si formano a un livello più profondo sotto uno strato di foschia fotochimica, rendendole più difficili da vedere. Le immagini migliorate mostrano chiaramente numerose fasce scure, zone luminose e punti occasionali che ricordano le caratteristiche gioviane, ma sono così attenuate che il globo di Saturno appare sterile in contrasto.

Caratteristiche di Saturno
Le principali caratteristiche telescopiche di Saturno sono etichettate in questa foto scattata da Robert English il 7 febbraio 2012, con un riflettore newtoniano da 20 pollici. All’epoca gli anelli erano inclinati di 15°, in modo simile al loro attuale orientamento.

Come molti dilettanti, la mia visione di Saturno ricorda lo schizzo di Will Hay (sopra): un globo pallido e giallo pallido circondato da una cintura equatoriale grigio-marrone, una zona equatoriale più luminosa e sormontata da un cappuccio grigio. In rare occasioni di visibilità eccellente ho intravisto le componenti nord e sud della cintura equatoriale settentrionale e sospettato una o due bande e zone aggiuntive.

Will Hay (a destra), accompagnato dal suo amico WH Steavenson della British Astronomical Association (BAA), parla della sua scoperta di una macchia bianca su Saturno in questo notiziario dell’agosto 1933.
Per gentile concessione di Martin Mobberley

Ma ogni 20 o 30 anni, Saturno si risveglia dalla sua dormienza visiva e scatena una potente tempesta che solleva acqua e altre alte molecole nell’atmosfera dove si congelano per formare una grande nuvola bianca. Questi Grande macchia biancas sono apparse a intervalli piuttosto regolari dalla prima osservazione registrata dall’astronomo americano Asaph Hall il 7 dicembre 1876. Hall, meglio conosciuto come lo scopritore della luna marziana Deimos e Phobos, osservò una macchia rotonda molto luminosa di 2-3 pollici di diametro nella zona equatoriale di Saturno che è rimasta visibile per quasi un mese.

Saturno di Will Hay
La prima osservazione di Will Hay della Great White Spot del 1933 appare a sinistra. Sei notti dopo ne registrò l’allungamento.
Will Hay, per gentile concessione della RAS e Martin Mobberley

Ulteriori grandi eruzioni si sono verificate nel 1903, 1933, 1960, 1990 e 2010, con un numero di punti più piccoli registrati fotograficamente (a terra e dallo spazio) negli ultimi anni, inclusa una tempesta di dimensioni moderate nel 1994. Intrattenitore britannico e appassionato dilettante Will Hay fece uno degli avvistamenti più celebri nel 1933. Notò una grande e luminosa macchia ellittica nella zona equatoriale del pianeta attraverso il suo rifrattore da 6 pollici la notte del 3 agosto. Ha immediatamente chiamato il suo amico e collega dilettante WH Steavenson, che ha confermato l’osservazione. Hay ha utilizzato i successivi transiti del punto per misurare il periodo di rotazione equatoriale di Saturno a circa 10 ore e 17 minuti. Il valore moderno è più vicino a 10 ore e 14 minuti.

Saturno 1994 macchia bianca HST
Una macchia bianca moderatamente grande è sbocciata nella regione equatoriale di Saturno nell’ottobre 1994, qui catturata dal telescopio spaziale Hubble il 1° dicembre quando era cresciuta tanto quanto il diametro della Terra.
NASA / JPL / STScl

Le apparizioni della Grande Macchia Bianca si sono alternate tra la regione equatoriale e le latitudini medio-settentrionali e possono essere collegate ai cambiamenti stagionali che Saturno sperimenta durante il suo periodo orbitale di 29,5 anni. . . o no. Le recenti eruzioni del 1994 e del 2010 rompono questo schema, rendendo ancora più importante tenere d’occhio il pianeta durante questo e altre apparizioni fuori anno.

Tempesta di Saturno 1990
Questa serie di tre esposizioni dall’Osservatorio La Silla dell’ESO traccia l’espansione della Grande Macchia Bianca del 1990 nell’emisfero settentrionale di Saturno per un periodo di due settimane in ottobre. Segnalato per la prima volta il 25 settembre, è cresciuto a circa 20.000 chilometri entro il 2 ottobre. Dopo il 16 ottobre, si espanse rapidamente fino a raggiungere tutta la zona equatoriale del pianeta. Le immagini sono state realizzate con luce blu in condizioni di visibilità mediocri con tre diversi strumenti.
Osservatorio Europeo Meridionale

Il Great White Spot del 1990 è stato ampiamente osservato dai dilettanti, me compreso. Il 12 ottobre di quell’anno, utilizzando un Dob da 8 pollici f / 6, “la macchia bianca era la caratteristica più luminosa su Saturno, altrettanto luminosa o forse più luminosa dell’anello B esterno”, secondo le mie note di osservazione. Ricordo di essere stato incollato all’oculare mentre il nucleo della tempesta attraversava il meridiano centrale del pianeta, rendendola “la prima volta che vedevo muoversi qualcosa su Saturno (il suo globo)!” Spesso diamo per scontata la parata di curiosità meteorologiche da est a ovest di Giove. Saturno richiede la pazienza di Yoda, ma la ricompensa è grande.

Tempesta di Saturno 2011
Don Parker in Florida ha scattato queste foto della massiccia tempesta del 2010-2011 con un riflettore da 16 pollici il 2 gennaio 2011, alle 10:09 e alle 11:30 UT. Il sud è alto.

I dilettanti sono stati determinanti nello scoprire e allertare i professionisti dell’apparizione di queste enormi tempeste. A partire dal 1933, furono i primi a individuare e segnalare tutti i principali focolai. Ciò include la tempesta mostruosa del 2010, scoperta dai dilettanti Sadegh Ghomizadeh e Teruaki Kumamori l’8 e il 9 dicembre nella zona tropicale settentrionale di Saturno (NTrZ). Entro il 5 gennaio 2011, si era diffuso su più di 100 ° di longitudine e somigliava a uno spesso pennacchio di fumo che fluttuava da una locomotiva a vapore.

La grande tempesta del 2010-2011 si supera in questa foto realizzata il 25 febbraio 2011 dalla sonda Cassini. La testa luminosa della tempesta appare in alto, con la coda più debole in basso. Pioggia e grandine che cadevano più in profondità all’interno delle nuvole d’acqua generavano potenti fulmini. Il nord è alto. Guarda altre immagini della tempesta Cassini.
NASA/JPL-Caltech/SSI

Meno male che è apparso con 10 anni di anticipo. Come è successo, la sonda Cassini della NASA aveva un posto in prima fila sul pianeta e ha inviato immagini spettacolari e ravvicinate di nuvole in tempesta e della tempesta che “insegue la coda” in tutto il mondo. Con il suo strumento per la scienza delle onde radio e plasma, la sonda ha rilevato 10 fulmini al secondo al culmine della tempesta che erano 10.000 volte più potenti di quelli sulla Terra.

Cosa c’è alla base di questi singhiozzi atmosferici? La colonna d’aria di Saturno è composta da strati, con l’atmosfera esterna che poggia su un’aria più densa fatta di idrogeno, elio e molecole d’acqua. Lo strato esterno agisce come un coperchio che impedisce all’aria più calda sottostante di salire, raffreddarsi e condensarsi in turbolente nuvole temporalesche. Nel corso del tempo, quello strato irradia il suo calore nello spazio fino a quando non diventa finalmente freddo e denso abbastanza da affondare, permettendo all’aria calda e ricca di acqua sequestrata al di sotto di penetrare verso l’alto e esplodere in un temporale titanico.

Localizzatore di Saturno marzo 2022
Saturno è ancora immerso nel crepuscolo per gli osservatori del centro-nord, ma diventa in una posizione migliore per la visualizzazione ogni giorno.
Stellario

Le molecole d’acqua più pesanti alla fine piovono di nuovo, la tempesta si calma e la quiescenza ritorna finché l’equilibrio non cambia di nuovo. Non si sa se e quando potrebbe apparire il prossimo Great White Spot, ma se ti iscrivi all’ipotesi della periodicità di ~ 30 anni, dovrebbe essersi verificato nel 2020 o lo farà di nuovo nel 2040. Non importa quando accadrà, metterò i miei soldi su dilettanti come te che lo individuano per primi.

Risorse per saperne di più sullo stato attuale di Saturno:

Sezione Saturno dell’Associazione degli osservatori lunari e planetari (ALPO).
Sezione Saturno di ALPO – Giappone: Questa è un’ottima fonte di immagini recenti da confrontare con le tue osservazioni.



Annuncio

Leave a Comment