I pignoramenti sono in aumento. Ecco cosa si dice sul mercato immobiliare

L’aumento della preclusione indica che la ripresa economica – e soprattutto occupazionale – non è completa, afferma un esperto.

Getty Images

A gennaio c’è stato un aumento di sette volte dell’inizio della preclusione rispetto a dicembre, con circa 33.000 prestiti riferiti alla preclusione, secondo un rapporto della società di dati sui mutui e analisi Black Knight. Inoltre, i dati della società di analisi dei dati immobiliari ATTOM Data Solutions hanno rivelato che i prestatori hanno ripreso possesso di 2.634 proprietà statunitensi attraverso pignoramenti completati nel febbraio 2022, con un aumento del 70% rispetto allo scorso anno (sebbene sia ancora in calo del 45% rispetto al mese scorso).

Cosa dicono questi pignoramenti sul mercato immobiliare?

L’economista senior di Realtor.com George Ratiu afferma che l’aumento dei pignoramenti durante gennaio è un segnale precoce che molte delle protezioni normative implementate durante la pandemia per aiutare gli americani a rimanere nelle loro case stanno iniziando a svanire. In effetti, milioni di persone hanno ottenuto concessioni sui mutui durante la pandemia che hanno sospeso le rate del mutuo. La maggior parte di loro si è rialzata e ha posto fine alla tolleranza nel 2020 e nel 2021, dicono i professionisti.

Le persone che sono rimaste in tolleranza nel 2022 potrebbero avere maggiori probabilità di soffrire di difficoltà finanziarie permanenti. “Quando i loro pignoramenti finiscono, è meno probabile che riescano a riprendere i loro pagamenti e più probabilità che finiscano in pignoramento”, afferma Holden Lewis, esperto di case e mutui presso NerdWallet. Inoltre, per molti, il periodo di concessione dovrebbe concludersi presto e c’è un arretrato di prestiti che sono in attenuazione delle perdite o scaduti anche dopo essere usciti dalla mitigazione che potrebbero ancora entrare in preclusione nei prossimi mesi “, dice Ratù.

L’aumento dei pignoramenti “indica anche che la ripresa economica, e soprattutto occupazionale, non è completa. Abbiamo perso 20,2 milioni di posti di lavoro solo nell’aprile 2020 quando il governo ha imposto blocchi ad ampio raggio e da allora l’economia ha aggiunto 18,8 milioni di posti di lavoro, ma siamo ancora al di sotto del livello pre-pandemia “, afferma Ratiu.

Detto questo, “il lato positivo per i mercati immobiliari e i proprietari di case è che il tasso di preclusione di gennaio rimane del 40% inferiore al valore registrato prima della pandemia”, afferma Ratiu. In effetti, affermano i professionisti, il mercato immobiliare sta ancora andando forte, grazie in parte ai tassi di interesse sui mutui che sono ancora vicini ai minimi storici (sebbene siano aumentati di recente). “Con la domanda di case che supera di così tanto l’offerta, nessuno otterrà un pignoramento per un furto. Gli acquirenti concorrenti stanno facendo offerte per tutte le case, compresi i pignoramenti “, afferma Lewis.

Dovrei comprare un pignoramento?

Anche se nessuno vuole guadagnare dalla sfortuna di un altro, potresti imbatterti in proprietà pignorate nella tua ricerca di una casa. Ecco cosa devi sapere sul potenziale acquisto.

In primo luogo, è importante comprendere i diversi tipi di pignoramenti in vendita. A seconda della fase del processo di delinquenza, potresti trovare pre-preclusioni in cui un prestatore notifica al proprietario della casa che è inadempiente; vendite allo scoperto in cui un proprietario di casa cerca di vendere la casa a un valore inferiore al valore del mutuo a causa di difficoltà finanziarie; asta di vendita dello sceriffo in cui le proprietà inadempienti vengono vendute nei tribunali; pignoramenti bancari noti come proprietà immobiliari (REO); e pignoramenti del governo in cui le proprietà vengono acquistate con prestiti dalla Federal Housing Finance Agency o dall’Amministrazione dei veterani.

Le proprietà in preclusione possono essere trovate sul servizio di quotazione multipla (MLS), tra gli altri punti. Sono “elencati anche su giornali, banche e siti web. Per gli acquirenti che considerano una proprietà pignorata, le aste sono un altro luogo per trovare case disponibili “, afferma Ratiu.

Ma, nel mercato odierno, dove la carenza di case in vendita mantiene i prezzi elevati, gli acquirenti potrebbero non trovare necessariamente un furto quando cercano proprietà pignorate. “Le banche che possiedono case REO hanno un incentivo a venderle rapidamente, ma sono consapevoli dei prezzi di mercato e sono anche impegnate a recuperare il valore della casa. Per gli acquirenti che considerano una proprietà pignorata, è importante sottoporsi a un’ispezione per determinare le condizioni fisiche della casa. Ottenere un preventivo per il costo delle riparazioni, che dovrebbe anche determinare il prezzo di offerta che potrebbero voler fare “, afferma Ratiu. Aggiunge Lawrence Yun, capo economista presso la National Association of Realtors: “Molti investitori immobiliari sono alla ricerca di un accordo di preclusione profonda, ma è ancora un mercato di venditori”.

.

Leave a Comment