Il progetto di ripristino del lago Utah deve completare la dichiarazione sull’impatto ambientale | Notizie, Sport, Lavoro


1/2

Un rendering di una delle isole comunitarie proposte nello Utah Lake Restoration Project.

Soluzioni per il restauro del lago di cortesia

2/2

Un rendering di una delle isole ricreative proposte nello Utah Lake Restoration Project.

Soluzioni per il restauro del lago di cortesia

❮ ❯















Lake Restoration Solutions, il proponente dello Utah Lake Restoration Project, ha annunciato mercoledì che il Corpo degli ingegneri dell’esercito degli Stati Uniti ha ritenuto necessaria una dichiarazione di impatto ambientale affinché il progetto avanzi nel processo NEPA.

Lo Utah Lake Restoration Project è una proposta per dragare il lago Utah al fine di creare isole, che secondo LRS aiuteranno a ripulire il lago creando opportunità ricreative e aree residenziali per i residenti. Il progetto ha ricevuto una feroce opposizione da parte di gruppi di difesa locali e vari enti governativi nella contea dello Utah.

L’Agenzia per la protezione ambientale richiede un EIS nel processo NEPA, quando è stato determinato che un’importante azione federale proposta influirà in modo significativo sulla qualità dell’ambiente umano.

LRS ha presentato la domanda di autorizzazione per il progetto, che è stata preparata da Geosyntec Consultants, all’USACE nel dicembre 2021. Per questo passaggio successivo nel processo NEPA, LRS utilizzerà un appaltatore di terze parti indipendente per preparare la dichiarazione.

“Questo è il prossimo passo naturale nel processo di revisione ambientale”, ha affermato Jon Benson, presidente di LRS in un comunicato stampa. “È un passo positivo che il Corpo d’Armata abbia ufficialmente stabilito che il progetto richiederà un EIS, che consentirà un esame approfondito e pubblico dei meriti scientifici e ambientali del progetto di restauro, compreso il contributo pubblico e le risposte alle domande poste”.

Al fine di preparare un EIS, LRS pubblicherà ora pubblicamente una richiesta di proposte EIS da appaltatori di terze parti e tutte le parti interessate potranno presentare le proprie proposte e qualifiche per la revisione. L’azienda deve quindi selezionare i tre candidati che ritiene più qualificati e fornire un elenco di tali candidati all’USACE entro 60 giorni dal 10 marzo – in particolare, la scadenza è il 9 maggio.

L’USACE selezionerà infine l’appaltatore per creare la dichiarazione d’impatto, che riterrà abbia un’esperienza adeguata con la NEPA e il programma di regolamentazione.

“In qualità di principale agenzia federale, il Corpo è responsabile della preparazione e del contenuto dell’EIS per garantire una revisione indipendente”, si legge sul sito Web del distretto di Sacramento dell’USACE. “Sebbene il richiedente sostenga il costo della preparazione dell’EIS, l’appaltatore è sotto la sola direzione del Corpo e avrà un’interazione limitata con il richiedente”.

Benson spera che il fatto che l’EIS sarà preparato da un appaltatore di terze parti darà tranquillità alle parti interessate nel progetto.

“In base alla progettazione, il processo di revisione ambientale è una valutazione metodica e indipendente. L’aggiunta di un appaltatore di terze parti il ​​cui lavoro sarà diretto dal Corpo dell’esercito dà fiducia a tutte le parti interessate che questo processo di revisione sarà imparziale “, ha affermato Benson.

Dopo che un appaltatore è stato scelto per completare l’EIS, l’USACE pubblicherà un avviso di intenti per preparare un EIS nel registro federale ed emettere un avviso pubblico. Questo avviso di intenti sarà un invito all’azione per i membri del pubblico a presentare fattori che dovrebbero essere considerati nell’EIS. Sia la bozza iniziale che quella finale dell’EIS saranno rese pubbliche per un commento pubblico attraverso un avviso di disponibilità che sarà pubblicato nel Registro Federale.

Anche se il progetto Utah Lake Restoration avanza a questo passaggio successivo nel processo NEPA, il processo richiederà almeno altri due anni.



Notiziario

Unisciti a migliaia di persone che già ricevono la nostra newsletter quotidiana.






.

Leave a Comment