Modalità di blocco provata con focolai di influenza aviaria in Mississippi e Central Flyways

Un avvertimento per rafforzare la biosicurezza e ridurre i movimenti in entrata e in uscita dai pollai.


18 marzo 2022

icona dell'orologio
3 minuti di lettura

Un avvertimento per rafforzare la biosicurezza e ridurre i movimenti dentro e fuori i pollai è stato emesso da Terry Conger, DVM, epidemiologo della salute del pollame con il servizio di ispezione sanitaria degli animali e delle piante (APHIS) dell’USDA.

L’avvertimento è arrivato quando un focolaio di influenza aviaria ad alta patogenicità (HPAI) si è verificato lungo la Mississippi Flyway per gli uccelli acquatici migratori. Precedenti focolai di HPAI sono stati segnalati lungo la Atlantic Flyway, che può mescolarsi con la Mississippi Flyway. I focolai in entrambe le aree hanno coinvolto operazioni di pollame commerciali e non commerciali. E recentemente, sono stati segnalati focolai nelle rotte aeree del centro e del Pacifico.

“Gli uccelli acquatici migratori e altri uccelli selvatici svolgono un ruolo importante nell’introduzione del [HPAI] infezione negli stormi e, una volta in una struttura, può diffondersi a macchia d’olio attraverso il movimento dei fomiti”, ha detto Conger. Ha parlato durante un recente webinar di ricerca ed estensione dell’Università dell’Arkansas sull’HPAI.

Ceppo H5N1 coinvolto

Gli ultimi focolai di HPAI negli Stati Uniti sono causati dal sierotipo H5N1, noto come ceppo Eurasia. Conger ha affermato che l’H5N1 è un ceppo in corso e a rapida diffusione che è stato prominente in Europa, Asia e Africa. Il primo focolaio di HPAI H5N1 nell’emisfero occidentale si è verificato il 12 dicembre 23, 2021, a Terranova e ha continuato a diffondersi negli Stati Uniti.

“A causa del rischio perpetuo di HPAI causato dagli uccelli acquatici, l’unico strumento preventivo su cui possiamo riporre le nostre speranze è una rigorosa biosicurezza”, ha affermato Conger.

“I coltivatori a contratto e i proprietari di greggi non commerciali devono acquistare la biosicurezza per proteggere i loro singoli greggi perché l’HPAI è qui”, ha aggiunto. “La biosicurezza deve diventare parte della vita se si supervisiona un gregge commerciale o in cortile. Deve essere automatico come mangiare e dormire».

Crolli di biosicurezza

Mentre gli uccelli acquatici migratori sono la fonte iniziale più comune di infezione da HPAI, l’errore umano è anche responsabile della sua diffusione negli stormi attraverso interruzioni della biosicurezza.

“L’infezione può verificarsi attraverso il movimento di attrezzature, veicoli, personale di servizio, visitatori e parassiti contaminati, inclusi roditori e insetti”, ha affermato Conger. “Meno comuni sono i maiali domestici e gli uccelli da compagnia.

“Una volta che il virus è in una struttura, può spostarsi molto rapidamente su attrezzature condivise e indumenti contaminati”, ha affermato. “È così che è esploso in Minnesota e Iowa nel 2015”.

Il personale degli allevamenti commerciali che adotta misure per rafforzare la biosicurezza ha maggiori probabilità di tenere fuori il virus. Durante i precedenti focolai di HPAI, la diffusione laterale della malattia non si è verificata in diversi stati dopo un focolaio iniziale, ha osservato Conger. La speranza per le operazioni di pollame è che forti programmi di biosicurezza possano fornire una barriera contro questa malattia devastante.

Percorso dei focolai precedenti

Conger è stato coinvolto in focolai di HPAI negli Stati Uniti dal 1988, quando 443 stormi con 17 milioni di uccelli, principalmente in Pennsylvania, sono stati spopolati per un costo di 63 milioni di dollari. Ma questo focolaio sembra minore rispetto a quello scoppiato diversi anni fa.

“L’epidemia del 2014-15 è la più notevole perché è la più grave incursione di malattie degli animali estranei nella storia degli Stati Uniti, inclusi bovini, suini e pollame”, ha affermato Conger. “Quasi 50 milioni di pollame commerciale sono stati spopolati, inclusi 42 milioni di galline ovaiole. Ha inciso profondamente nell’industria delle uova da tavola”.

L’epidemia è iniziata con un focolaio del ceppo H5N2 alla fine del 2014 nella Pacific Flyway. Entro la prima settimana di marzo 2015, H5N2 si è presentato al Central Flyway in uno stormo di tacchini commerciali del Minnesota. Il ceppo HPAI si è poi diffuso rapidamente con 110 focolai in Minnesota e 77 focolai in Iowa. Anche gli stati vicini hanno sperimentato focolai, ma in numero molto inferiore.

L’ultimo focolaio del ceppo H5N2 si è verificato a metà giugno dopo aver infettato un totale di 211 allevamenti commerciali e 21 da cortile in 21 stati degli Stati Uniti.

“Un miliardo di dollari è stato speso dall’USDA APHIS e dal Congresso degli Stati Uniti in quella risposta”, ha detto Conger. “È stata un’infezione devastante e non vogliamo rivisitare di nuovo quello scenario. Ecco perché la biosicurezza è così importante per proteggere i tuoi singoli greggi”.

Leave a Comment