Russian Astronauts Board ISS in colori simili alla bandiera dell’Ucraina

Tre astronauti russi sono stati lanciati verso la Stazione Spaziale Internazionale all’inizio di venerdì. Poche ore dopo, la loro navicella spaziale Soyuz è attraccata alla stazione spaziale e, quando sono saliti a bordo dell’avamposto orbitante, indossavano tute da volo di colori sorprendenti: giallo e blu, simili ai colori della bandiera ucraina.

Gli astronauti russi non hanno detto nulla che suggerisse che il loro abbigliamento fosse una dichiarazione politica. Eppure sembrava difficile credere che fosse un caso. Gli abiti indossati quotidianamente dagli astronauti in orbita tendono ad essere sommessi. Ma i recenti equipaggi provenienti dalla Russia hanno indossato vivaci tute da volo di vari colori durante il loro arrivo, tra cui Yulia Peresild, un’attrice arrivata alla stazione a novembre con un’audace tuta rossa.

Eric Berger, un reporter spaziale del sito web di Ars Technica, ha affermato che le tute di volo vengono solitamente preparate e imballate con mesi di anticipo, ma che potrebbero essere stati aggiunti dei sostituti tra gli ultimi oggetti da caricare sul veicolo spaziale.

Jonathan McDowell, uno scienziato dell’Harvard Center for Astrophysics che segue da vicino le missioni spaziali, ha suggerito che i colori potrebbero essere effettivamente quelli della Bauman Moscow State Technical University, a cui hanno partecipato tutti e tre gli astronauti – Oleg Artemyev, Denis Matveev e Sergey Korsakov. Un funzionario dell’università è intervenuto come ospite nel live streaming russo del lancio venerdì.

Sig. Berger, tuttavia, ha notato che i colori della tuta di volo corrispondevano di più a quelli della bandiera ucraina.

Il programma spaziale spaziale e alcuni dei suoi partner e clienti sono stati danni collaterali della guerra in Ucraina e delle sanzioni che ne sono seguite. Giovedì l’Agenzia spaziale europea ha sospeso una missione su Marte che doveva essere lanciata su un razzo russo. All’inizio di questo mese, OneWeb, una società satellitare britannica parzialmente di proprietà del governo britannico, ha annullato i lanci dei suoi satelliti Internet che avrebbero dovuto viaggiare sui razzi russi Soyuz.

Dmitry Rogozin, il capo dell’agenzia spaziale russa, Roscosmos, ha risposto con una serie di messaggi provocatori su Twitter, incluso il retweet di un video parodia che suggeriva che la Russia avrebbe lasciato Mark Vande Hei, un astronauta della NASA che dovrebbe tornare sulla Terra in un Russian Soyuz a fine mese. Sig. Rogozin ha litigato pubblicamente con Scott Kelly, un astronauta in pensione che ha detenuto il record per giorni consecutivi nello spazio da un americano fino a quando Mr. Vande Hei l’ha superato di recente.

In dichiarazioni pubbliche, i funzionari della NASA hanno ignorato Mr. Le dichiarazioni di Rogozin e ha insistito sul fatto che le operazioni continuano come al solito con le loro controparti russe. Dissero che non c’era stato alcun cambiamento nei piani per Mr. Il ritorno di Vande Hei.

Un paio di equipaggi faranno volare la navicella spaziale Crew Dragon di SpaceX verso la stazione nel prossimo mese: uno un equipaggio privato di turisti con la compagnia Axiom, l’altro un mix di astronauti della NASA e dell’ESA.

Leave a Comment