La coppia reale britannica inizia il tour dei Caraibi perseguitata dalle proteste in Belize

BELIZE CITY, 19 marzo (Reuters) – Il principe William e sua moglie Kate sono arrivati ​​in Belize sabato per un tour caraibico di una settimana che è stato segnato da una protesta locale prima ancora che iniziasse in mezzo al crescente controllo dei legami coloniali dell’Impero britannico con la regione.

L’arrivo del duca e della duchessa di Cambridge coincide con la celebrazione del 70° anno al trono della regina Elisabetta e arriva quasi quattro mesi dopo che le Barbados hanno votato per diventare una repubblica, tagliando i legami con la monarchia ma rimanendo parte del Commonwealth di Nazioni.

Tre cannoni in miniatura hanno sparato un saluto alla coppia mentre il loro aereo è atterrato a Belize City prima che una banda militare suonasse gli inni nazionali del Belize e della Gran Bretagna durante una cerimonia di benvenuto che ha tenuto a distanza la folla dei media.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

William ispezionò una guardia d’onore mentre la band suonava la canzone creola locale “Ding Ding Wala”, quindi partì con sua moglie per incontrare il primo ministro John Briceno.

In seguito, Briceno ha detto a Reuters che il duca e la duchessa erano “eccitati di essere qui in Belize perché siamo lieti di averli”, aggiungendo: “Auguriamo loro una visita fruttuosa e memorabile”.

La coppia dovrebbe rimanere in Belize, ex Honduras britannico, fino a martedì mattina. Alla vigilia della loro partenza, un evento programmato per domenica è stato cancellato quando alcune dozzine di abitanti del villaggio hanno organizzato una protesta.

I residenti di Indian Creek, un villaggio indigeno Maya nel sud del Belize, hanno affermato di essere sconvolti dal fatto che all’elicottero della coppia reale fosse stato concesso il permesso di atterrare su un campo di calcio locale senza previa consultazione. Per saperne di più

Il villaggio è in una disputa sulla terra con Fauna & Flora International (FFI), un gruppo di conservazione sostenuto dalla famiglia reale, che suscita malcontento per gli insediamenti territoriali dell’era coloniale ancora contestati dai gruppi indigeni.

È invece in programma una visita a un sito diverso, ha affermato il governo del Belize. In una dichiarazione, Kensington Palace ha confermato che il programma sarebbe stato modificato a causa di “questioni delicate” che coinvolgono la comunità di Indian Creek.

In una dichiarazione, la FFI ha affermato di aver acquistato terreni nel vicino Boden Creek da proprietari privati ​​nel dicembre 2021 e che avrebbe preservato e protetto la fauna selvatica dell’area, sostenendo i mezzi di sussistenza e i diritti tradizionali della popolazione locale.

Senza affrontare direttamente la controversia, FFI ha affermato di aver acquistato il terreno a beneficio dell’integrità ecologica dell’area, delle comunità residenti e del Belize nel suo insieme e si è impegnata a mantenere un “dialogo aperto e continuo” con la comunità locale.

Dopo il Belize, il duca e la duchessa visiteranno la Giamaica e le Bahamas. Sono previsti incontri e una serie di eventi con politici e una serie di leader civici.

Dickie Arbiter, addetto stampa della regina Elisabetta dal 1988 al 2000, ha descritto il tour come una visita di buona volontà che dovrebbe dare un temporaneo aumento alla popolarità della famiglia.

Oggi, molte persone nelle ex colonie vedono la monarchia come un anacronismo che dovrebbe essere lasciato andare, ha detto. Ma si aspettava che poco sarebbe cambiato mentre Elisabetta sarebbe rimasta sul trono.

“La famiglia reale è pragmatica”, ha detto. “Sa che non può guardare a questi paesi come stati del regno per sempre e un giorno”.

OPINIONE POPOLARE

I dibattiti sull’oppressione dell’era coloniale, comprese le possibili riparazioni per i discendenti degli schiavi in ​​Giamaica, potrebbero spingere più paesi a emulare la recente mossa delle Barbados. Per saperne di più

Carolyn Cooper, professoressa emerita presso l’Università delle Indie occidentali, ha affermato che è improbabile che la visita della coppia reale scoraggi la Giamaica dall’optare per lo status di repubblica.

“Penso che ci sia un’ondata di opinione popolare contro la monarchia”, ha detto.

Alcuni in Belize, che ha ottenuto l’indipendenza dalla Gran Bretagna solo nel 1981, parlano calorosamente di rimanere nell’ovile.

“Credo che sia una meravigliosa opportunità per loro di apprezzare il multiculturalismo del paese, le attrazioni naturali e di godersi le nostre pratiche culinarie”, ha affermato Joseline Ramirez, manager del distretto di Cayo, nel Belize occidentale.

Altri sono meno entusiasti.

Alan Mckoy, un meccanico di Belize City, ha detto che “non gli potrebbe importare di meno” della famiglia reale.

“Non sono migliori di nessuno di noi”, ha detto.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazioni di Jose Sanchez a Belize City Segnalazioni aggiuntive di Dave Graham, Kate Chappell e Cassandra Garrison Montaggio di David Alire Garcia, Edmund Klamann, Frances Kerry, Diane Craft e Jonathan Oatis

I nostri standard: i principi di fiducia di Thomson Reuters.

.

Leave a Comment