Una “storia d’amore” con il Quebec francese che ha portato a una vita radiofonica: Jeanette Kelly muore a 70 anni

Jeanette Kelly si sentiva a suo agio tra le mura piene di libri della Quebec Literary and Historical Society – fondata nel 1824 dal conte di Dalhousie e sede del vecchio stabilimento anglo di Quebec City – mentre intervistava il cantante pop del Quebec Coeur de Pirate, l’attore Rémy Girard o lo stilista francese Jean Paul Gaultier.

Ha persuaso le storie di artisti circensi, videogiocatori, icone culturali del Quebec come i registi Denys Arcand e Denis Villeneuve e chitarristi squallidi come Lance, un senzatetto che ha incontrato in un laboratorio d’arte in un centro di accoglienza nel seminterrato di una chiesa nel centro di Montreal.

Dalla fine degli anni ’70, quando ha lasciato il suo programma di dottorato in letteratura francese alla Laval University per accettare un lavoro come ricercatrice alla CBC Radio di Quebec City, fino al suo ritiro come giornalista artistica alla CBC Montreal nel 2016, Kelly ha fatto della sua missione di condividi la ricca scena culturale del Quebec con i canadesi di lingua inglese.

Kelly, 70 anni, è morta giovedì nella sua casa di Montreal, con le figlie Jessica, Elsa e Paule e le loro famiglie al suo fianco.

“Era davvero parte della storia della CBC Radio in questa provincia”, ha detto venerdì il manager regionale della CBC Meredith Dellandrea al CBC Montreal’s Alba.

Jeanette Kelly, a sinistra, era la lettrice di notizie del mattino e Jennifer Fry è stata l’ospite di Quebec AM dal 1980 al 1983. (Inviato da Jennifer Fry / CBC)

Kelly è diventata la prima conduttrice del programma radiofonico pomeridiano di Quebec City Staccarsi nel 1985.

“È stata davvero una pioniera nel portare la ricchezza della cultura francofona del Quebec al pubblico anglofono”, ha affermato Barbara Uteck, la produttrice esecutiva della CBC che ha assunto Kelly per ospitare Staccarsi, così come Radio attiva, un programma settimanale sulla musica che i Quebec stavano ascoltando, andato in onda in tutto il Canada.

Lo spettacolo, con il suo budget da pochi soldi, è stato registrato in una sala di controllo angusta nel seminterrato dell’Auberge des Gouverneurs di Quebec City.

“Uno dei miei ricordi preferiti è di essermi seduto accanto a Rocky [a CBC technician] Guardare e guardare e ascoltare mentre Jeanette registrava Radio attiva“ricorda il produttore di lunga data Robert Renaud.

“Era uno di quegli spettacoli che la CBC non ha sostenuto in alcun modo, ma che per Jeanette è stata una storia d’amore – e la sua possibilità di condividere le gioie della musica francese con gli ascoltatori inglesi da costa a costa”.

A Montebello, in Quebec, nel 2017, Jeanette Kelly si è riunita con alcune delle persone con cui ha lavorato alla CBC di Quebec City negli anni ’80. Sono, da sinistra a destra, Jennifer Fry, Marion Scott, Mary Hagerman, Martin Stringer, Jeanette Kelly e Stephen Hendrie. (Inviato da Mary Hagerman)

“Ha capito in punta di piedi cosa fosse il Canada francofono”, ha detto David Gutnick, che ha lavorato con Kelly come ricercatore su Staccarsi a Quebec City a metà degli anni ’80.

“Era in grado, come emittente, di raccontare le storie, di trasmettere le emozioni dei francofoni agli ascoltatori anglofoni. Questa era una novità. Il Quebec anglofono stava cambiando, si stava aprendo ai loro vicini di lingua francese, e Jeanette era una delle forze dietro Quello. ”

“Regalità radiofonica”

Jeanette Kelly è nata a Lambeth, Ontario, appena fuori Londra, la maggiore di sei figli. Ha visitato il Quebec per la prima volta durante una gita scolastica.

“Fu allora che si innamorò della lingua francese e voleva solo starci intorno”, ha detto sua figlia Paule Kelly-Rhéaume.

Jeanette Kelly ha lavorato alla CBC di Quebec City negli anni ’80, quindi è tornata alla CBC a Montreal un decennio dopo fino al suo ritiro nel 2016. (CBC)

“In pratica ha fatto del Quebec la sua casa”, ha detto la sua amica Mary Hagerman. “Sapeva tutto sulla scena culturale di Quebec City”.

Hagerman ha ricordato i suoi primi incontri con Kelly quando si è unita a lei alla stazione di Quebec City negli anni ’80. Kelly era chic, bella, con il suo senso dello stile.

“La intravedevo mentre fluttuava per la redazione vestita con abiti che tutti volevamo indossare, seguita da un simpatico giovane francese che trasportava pile di album. Sembrava un re della radio”.

Nel 1986 Kelly diede alla luce la figlia maggiore, Jessica, e due anni dopo arrivarono i suoi gemelli. È rimasta a casa con i bambini in età prescolare, hanno detto le sue figlie. Quegli anni furono pieni di musica, teatro e sforzi artistici.

“Cuceva i nostri costumi di Halloween ei nostri vestiti”, ha detto Elsa Kelly-Rhéaume. “Ci ha portato a vedere I misteri quando avevamo, forse, cinque anni. Lei suonava il piano e noi cantavamo con lei”.

Nel 1989, la famiglia si trasferì a Chelsea, in Quebec, e Kelly lavorò per il Ministero degli Affari Intergovernativi dell’Ontario come analista politico a Quebec City e Ottawa. “Il suo compito era quello di collegare queste due culture”, ha detto Elsa.

Jeanette Kelly della CBC prova l’attrezzatura Oculus Rift nel 2015, per visitare la Biblioteca di Alexandrina. (CBC)

Kelly tornò alla CBC quando la famiglia si trasferì a Montreal alla fine degli anni ’90. Si è lanciata nel suo lavoro come reporter di arte e cultura, prima alla radio e poi, coprendo storie d’arte in televisione e scrivendo per CBC.ca.

“Era un gioco per qualsiasi cosa”, ha detto Dellandrea, allora senior Alba produttore. “Una volta l’abbiamo avuta e [sports columnist] Doug Gelevan cambia ritmo. Ha portato Doug a seguire l’opera e Jeanette è andata a coprire una partita di Habs”.

“Che si trattasse di nuove tecnologie in tessuti intelligenti alla Concordia University o di parlare con Arcade Fire o Oliver Jones, era semplicemente felice di ogni persona con cui sarebbe andata a parlare”, ha detto Dellandrea.

“Era genuinamente curiosa delle persone e credeva fondamentalmente che la creatività e la passione fossero gli ingredienti di una vita ricca, di una cultura e di una società ricche, e voleva portarlo a tutti noi”.

“Un professionista di un altro livello”

“Aveva questa capacità quasi sovrumana di empatia, di connettersi con le persone”, ha detto Dimitri Katadotis, che ha prodotto Kelly quando ha ospitato lo spettacolo del fine settimana, Tutto in un fine settimana.

C’erano volte in cui ero lì, a guardarla e ad ascoltarla condurre un’intervista, con una cantante d’opera, un noto attore, un gentile autore statunitense, uno scienziato, un organizzatore di comunità, ed era come assistere a una conversazione intima.

“Le persone si aprivano con lei, volevano, non potevano fare a meno di farlo. Questa capacità l’ha resa una giornalista superlativa, una professionista di un altro livello… Ero sbalordito di lei”.

Jeanette Kelly, conduttrice di Cinq à Six della CBC, intervista il romanziere Trevor Ferguson sul suo ultimo libro, Seven Days Dead, scritto sotto il nome di John Farrow. (Frank Opolko / CBC)

Le sue figlie ricordano come, quando erano giovani, la madre le portava alla CBC, in modo che potessero intravedere un musicista o qualche altra star che avrebbe dovuto intervistare.

“È così che abbiamo incontrato Corneille e Sam Roberts”, ha detto Elsa. “Una volta, mia madre stava intervistando Chantal Kreviazuk e io e la mia amica Francesca eravamo grandi fan. Siamo entrati in studio e le abbiamo fatto delle domande. Frammenti della nostra intervista sono andati in onda”.

“Nostra madre ci ha dato accesso alle stelle! Questo ci ha reso molto fighi, da adolescenti”.

Jeanette Kelly, vista qui con le sue figlie, da sinistra a destra, Jessica, Paule ed Elsa nel 2016. (Inviato da Elsa Kelly-Rhéaume)

Per anni, Kelly ha avuto una fascia oraria delle 17:10 su CBC Montreal’s Fuori campoospitato da Bernard St-Laurent, che aveva anche lavorato con lei nei suoi giorni a Quebec City.

“È stata una gioia essere in onda con lei”, ha detto St-Laurent. “Lo spettacolo era un veicolo per lei per condividere le sue storie, e poiché ci conoscevamo così bene, stavamo solo conversando. Avremmo avuto problemi con il produttore, andando oltre il giorno”.

GUARDA | “Un intervistatore ispirato” che ha dato vita a “argomenti stimolanti”:

Uno sguardo all’eredità della giornalista della CBC Jeanette Kelly

Tra le voci che condividono i loro ricordi della giornalista di lunga data della CBC Jeanette Kelly ci sono quelle che ha intervistato e trattato nella scena artistica e culturale. Kelly è morta giovedì. 2:03

A partire dalla fine del 2010, Kelly ha ospitato il suo spettacolo settimanale su arte e cultura, Cinque a seiintervistando romanzieri e burattinai, curatori d’arte e architetti, poeti e star del cinema, e coprendo in profondità e con passione la gamma delle storie culturali.

Non ha evitato le polemiche. Molto prima che la legge sul secolarismo del Quebec, Bill 21, fosse promulgata, Kelly ha approfondito il dibattito sull’hijab musulmano.

“Stavamo facendo uno spettacolo chiamato Vivi in ​​un turbine“ha ricordato la drammaturga Rahul Varma, direttrice artistica del Teesri Duniya Theatre. Piuttosto che precipitarsi con il microfono per fare alcune domande e poi precipitarsi di nuovo fuori dalla porta, Kelly è rimasta in giro a guardare l’intera commedia, sulla lotta delle donne sfollate da guerra.

“È rimasta a teatro non solo per una conversazione sull’hijab o la controversia sulla sciarpa, ma per capire l’intera faccenda”, ha detto Varma. Con Jeanette Kelly, ha detto, l’obiettivo era sempre “avere quell’analisi più profonda, avere una domanda più profonda. E con il suo senso dell’umorismo – mai editorializzare”.

La conduttrice di Cinq à Six Jeanette Kelly parla con Kosi Nnebe, a sinistra, Keithy Antoine e Stefan Verna degli ostacoli che i giovani creatori incontrano nel raccontare le loro storie sui media mainstream. (Nantali Indongo / CBC)

A Kelly è stato diagnosticato un cancro al seno nel 2005 e per gran parte dei 17 anni successivi è stata curata per una forma o l’altra di cancro. Sebbene si rifiutasse di farsi definire dalla sua malattia o caratterizzata come una “combattente”, sua figlia Paule si è detta aperta, onesta e generosa nel condividere la sua esperienza con altre donne a cui è stata diagnosticata la malattia.

Nel 2012 ha posato per il fotografo di Montreal Phil Carpenter per il suo libro di ritratti, Storie del seno: i sopravvissuti al cancro parlano.

Nella foto, si siede al suo amato pianoforte a coda, ha rivelato il suo seno ricostruito.

“Era come se il suo sorriso fosse permanentemente inciso sul suo viso”, ricorda Carpenter di quel giorno in cui si sedette per lui.

“Era gentile, gentile, accogliente e così aperta – su se stessa, i suoi pensieri, le sue preoccupazioni. E così, così gentile. Tuttavia, c’era un’intensità nel suo sguardo che ho letto come determinazione, convinzione, speranza. Da allora ogni volta che ho pensa alla cara Jeanette, anche adesso sorrido”.

Jeanette Kelly ha continuato a vivere la vita al massimo dopo il suo ritiro dalla CBC nel 2016, giocando a tennis, prendendo lezioni di pianoforte jazz e dipingendo. Questa è stata scattata nel cortile di un amico nell’estate del 2021. (Inviato da Mary Hagerman)

Jeanette Kelly lascia le sue figlie, Jessica, Paule ed Elsa, i suoi nipoti Louise, tre anni e mezzo, Blaise e Henri, entrambi due, così come i suoi generi, Jean-Marcel e Antoine.

Leave a Comment