Elettricità rinnovabile + motori elettrici decarbonizzeranno i trasporti in Europa

L’elettricità rinnovabile farà il lavoro pesante per decarbonizzare i trasporti, ma abbiamo ancora bisogno delle politiche per farlo accadere, afferma T&E in una presentazione al Transport Select Committee del Regno Unito.

La decarbonizzazione dei trasporti può essere raggiunta solo ponendo fine all’uso di tutti i combustibili fossili, che deve essere completato entro il 2050 se si vogliono raggiungere gli obiettivi climatici. La disponibilità di terra e l’offerta di rifiuti per la produzione di biocarburanti sono limitate e presentano un’enorme domanda globale e possono quindi fornire solo un contributo limitato. Di conseguenza, l’elettricità rinnovabile farà il lavoro pesante per decarbonizzare i trasporti.

Se il Regno Unito sceglierà le opzioni più efficienti per l’utilizzo dell’energia rinnovabile nei trasporti (comprese le batterie per tutti i veicoli stradali), entro il 2050 saranno necessari 369 TWh di energia rinnovabile, un po’ più della quantità totale di elettricità fornita oggi nel Regno Unito. La generazione di questa potenza richiede 92 GW di capacità eolica offshore: equivalenti a oltre 13.000 turbine offshore. La scelta di percorsi meno efficienti, compreso l’uso non necessario di idrogeno e combustibili sintetici nei veicoli, potrebbe comportare una domanda di elettricità rinnovabile superiore di oltre il 50%. Il trasporto non può quindi essere decarbonizzato una modalità alla volta, ma richiede invece un approccio olistico che dia la priorità ai percorsi più efficienti per l’uso dell’energia che sono anche i più economici a lungo termine.

I veicoli saranno elettrificati in modo schiacciante con le batterie – e per le auto questo sta avanzando bene. Le sovvenzioni all’acquisto anticipato sul mercato possono ora essere sostituite con aliquote fiscali interessanti (ma non pari a zero) insieme a regolamenti (il mandato per veicoli a emissioni zero) per garantire l’approvvigionamento. Un approccio sistematico alla tariffazione può affrontare l’attuale lotteria del codice postale, compresa la richiesta e la fornitura alle autorità locali di sviluppare e implementare piani di tariffazione locali insieme agli operatori dei punti di ricarica. I regolamenti dovrebbero richiedere una quota crescente di parcheggi per l’installazione di caricabatterie.

Il mercato dei furgoni e degli autocarri è molto meno sviluppato e le sovvenzioni all’acquisto e altre forme di sostegno anticipato al mercato restano necessarie fino a quando non saranno in vigore normative e il mercato non sarà più maturo.

Le politiche di successo per le auto elettriche sono state inquadrate attorno al supporto iniziale seguito da regolamenti per eliminare gradualmente i veicoli convenzionali. Lo stesso approccio può essere adottato nei settori aeronautico e marittimo. Fissare una data di fine 2040 per l’uso di combustibili liquidi nell’aviazione nazionale, con obiettivi intermedi per una quota crescente di miglia a emissioni zero percorse sulle rotte del Regno Unito, stimolerà il mercato degli aeromobili a emissioni zero che utilizzano sia batterie che idrogeno. Ciò può consentire al Regno Unito di sviluppare capacità leader a livello mondiale in queste importanti tecnologie emergenti. Dovrebbe essere implementata anche una data di fine 2040 simile per l’uso di combustibili fossili nel trasporto marittimo nazionale.

Per l’aviazione a lungo raggio e la navigazione intercontinentale, rispettivamente l’e-kerosene e l’ammoniaca (prodotti da idrogeno verde e CO2 o azoto catturato dall’aria) competeranno con i biocarburanti avanzati per produrre carburanti sostenibili per l’aviazione e il trasporto marittimo. Per guidare il mercato ci dovrebbe essere un impegno a porre fine all’uso di cherosene fossile e olio combustibile pesante nel Regno Unito entro il 2050 e un mandato sulla fornitura di questi combustibili per aumentare progressivamente la fornitura fino a raggiungere il 100% entro il 2050. Sostegno alla nuova produzione può essere fornito attraverso un approccio di contratto per differenza, garantendo una quota di mercato crescente di e-kerosene, biocarburanti avanzati e ammoniaca.

I percorsi per decarbonizzare i trasporti attraverso l’uso di combustibili rinnovabili sono ora chiari, ciò che ora è necessario è una suite completa di politiche affinché ciò avvenga.

Per saperne di più, scarica la presentazione completa.

Originariamente pubblicato su Trasporti e Ambiente.


 

Apprezzi l’originalità di CleanTechnica? Prendi in considerazione l’idea di diventare un membro, un sostenitore, un tecnico o un ambasciatore CleanTechnica o un sostenitore su Patreon.


 


Annuncio




Hai un consiglio per CleanTechnica, vuoi fare pubblicità o suggerire un ospite per il nostro podcast CleanTech Talk? Contattaci qui.

Leave a Comment