Gli scienziati affermano che potrebbe esserci un anti-universo che corre indietro nel tempo dal Big Bang

Se esiste un ‘anti-universo’ e corre indietro nel tempo, potrebbe spiegare la materia oscura | Immagine: Sigurcamp/iStock

Foto: iStock

PUNTI SALIENTI

  • La teoria CPT postula che carica, parità e tempo siano simmetrici e se li capovolgi in qualsiasi interazione fisica, si comporterà esattamente allo stesso modo.
  • L’esistenza di un universo inverso dovrebbe bilanciare il nostro universo nel preservare la simmetria.
  • L’articolo scientifico è stato recentemente accettato per la pubblicazione sulla rivista Annals of Physics.

Una nuova teoria selvaggia suggerisce che potrebbe esserci un anti-universo che corre indietro nel tempo a partire dal Big Bang. La sua esistenza potrebbe anche spiegare materia oscura nel nostro universo.

Presuppone che l’universo primordiale fosse minuscolo e in uno stato caldo e denso e sarebbe stato così uniforme che il tempo sembrava simmetrico andando avanti e indietro.

La teoria “anti-universo” si basa sul teorema CPT, che postula che carica, parità e tempo sono simmetrici e se li capovolgi in qualsiasi interazione fisica, si comporterà esattamente allo stesso modo. Questa simmetria fondamentale è chiamata simmetria CPT. La maggior parte delle interazioni fisiche obbedisce alla maggior parte di queste simmetrie e non è mai stata osservata una violazione di una combinazione di tutte e tre.

Il loro nuovo articolo, recentemente accettato per la pubblicazione sulla rivista Annals of Fisica, propone di estendere l’applicazione della simmetria dalle interazioni fisiche all’intero universo stesso. Poiché tutte le interazioni fisiche preservano questa simmetria, l’esistenza di un universo inverso che ha tutte le cariche opposte, è capovolto nello specchio e corre indietro nel tempo dovrebbe bilanciare il nostro universo.

Notizie correlate

Eureka Stonehenge era un antico calendario solare secondo la ricerca

Eureka! Stonehenge era un antico calendario solare secondo la ricerca

Calcolo della materia oscura

L’esistenza di questo universo potrebbe aiutare a spiegare la materia oscura, secondo un rapporto di Live Science.

Esistono tre tipi noti di neutrini: il neutrino elettronico, il neutrino muonico e il neutrino tau, che ruotano tutti nella direzione sinistra (rispetto al loro movimento). Poiché è noto che tutte le altre particelle hanno spin sia verso sinistra che verso destra, i fisici si sono chiesti a lungo se potessero esserci neutrini con rotazione a destra.

Un universo a immagine speculare richiederebbe la presenza di questi neutrini teorizzati che ruotano alla loro destra. Sebbene queste oscure particelle subatomiche non sarebbero rilevabili negli esperimenti fisici, interagiranno con il resto del cosmo attraverso la gravità.

Il comportamento sarebbe simile a quello della materia oscura. Quindi, se questo anti-universo esiste, implicherebbe l’esistenza di neutrini che ruotano a destra nel nostro universo e questo sarebbe sufficiente per spiegare la materia oscura.

Le previsioni degli scienziati per l’antiuniverso

Questo universo a immagine speculare sarebbe off-limit per noi perché esiste prima del Big Bang. Beh, almeno, matematicamente. Anche così, gli scienziati possono verificare l’ipotesi.

Predicono che i neutrini che ruotano a sinistra sarebbero anche le loro stesse antiparticelle, in contrasto con gli elettroni, le cui antiparticelle sono positroni. Non è stato ancora scientificamente stabilito se i neutrini abbiano questa caratteristica. Tali particelle sono chiamate particelle di Majorana.

Inoltre, uno di questi nuovi tipi di neutrini dovrebbe essere privo di massa. Se i fisici sono in grado di misurare in modo definitivo le loro masse, che non sono ancora note con precisione, e una delle specie risulta essere priva di massa, sosterrebbe la teoria.

Infine, nel modello dell’universo dello specchio CPT, l’universo si espande da solo e si riempie naturalmente di particelle, invece di subire l’inflazione.

L’inflazione cosmica è una teoria che illustra come l’universo si sia espanso in modo esponenziale, più veloce della velocità della luce ed è stata progettata per spiegare alcuni dei principali enigmi con la teoria del Bang Bang.

I fisici ritengono che l’inflazione abbia avuto un effetto così profondo sullo spazio-tempo da inondare l’universo di onde gravitazionali. Sono in corso diversi esperimenti per dimostrare queste onde gravitazionali primordiali e se le escludono, un universo a immagine speculare otterrà solide basi teoriche.

.

Leave a Comment