L’isola delle Hawaii affronta bollette elettriche più elevate

(BIVN) – Martedì i funzionari della contea hanno ricevuto un aggiornamento dettagliato da un rappresentante di Hawaiian Electric, poiché la Big Island si prepara a un previsto aumento dei costi dell’elettricità.

Due settimane fa la società di servizi pubblici ha avvertito che si stima che le bollette residenziali per i clienti dell’isola delle Hawaii aumenteranno di circa il 20%, a causa del divieto delle importazioni di petrolio russo negli Stati Uniti.

La scorsa settimana, il sindaco della contea delle Hawaii Mitch Roth ha chiesto al governatore David Ige di dichiarare un’emergenza energetica a causa dell’aumento del prezzo del carburante.

Durante una riunione del Comitato del Consiglio della contea delle Hawaii sull’agricoltura rigenerativa, l’acqua, l’energia e la gestione ambientale, i funzionari eletti hanno ascoltato Jennifer Zelko della Hawaiian Electric Company.

Sebbene il 60% dell’energia generata sull’isola delle Hawaii provenga da risorse rinnovabili come eolico, idroelettrico e geotermico, Zelko ha affermato che si prevede ancora che le bollette dell’elettricità aumenteranno.

“Stiamo acquistando energia da quattro produttori di energia indipendenti e parte del contratto è legato al costo evitato del petrolio”, ha affermato Zelko. “Abbiamo Hawi Renewable Development, è un parco eolico al nord. Abbiamo il parco eolico di Tawhiri a sud. E il fiume Wailuku Hydro e Puna Geothermal Venture sul lato est dell’isola di Hawaii. Ma con l’aumento del prezzo del petrolio, aumenta anche l’importo che paghiamo a questi quattro produttori di energia indipendenti”.

Zelko ha affermato che la società di servizi pubblici sta lavorando a nuovi contratti con diversi produttori di energia che non includerebbero i costi evitati legati al petrolio. Gli attuali contratti Tawhiri e Wailuku River Hydro scadono rispettivamente nel 2027 e nel 2023. La Hawaiʻi Public Utilites Commission sta ora esaminando i progetti Hale Kuawehi Solar e Waikoloa Solar e, dal 16 marzo, ha approvato un accordo ampliato per l’acquisto di energia con Puna Geothermal Venture, in attesa dell’approvazione di tutte le revisioni ambientali richieste.

Lo stesso giorno della presentazione di Zelko al consiglio, Hawaiian Electric ha annunciato una richiesta di proposte per progetti solari condivisi che serviranno clienti a reddito basso e moderato. Da elettrico hawaiano:

Il solare condiviso mira a ridurre le bollette energetiche dei partecipanti, contribuendo nel contempo a ridurre l’uso di combustibili fossili importati e a ridurre le emissioni di carbonio. Il programma fornisce un modo per i clienti, come affittuari, residenti di appartamenti, proprietari di piccole imprese e organizzazioni che non sono in grado di installare pannelli solari sui tetti di proprietà privata, di beneficiare dell’elettricità solare generata sulla loro isola.

Come approvato dalla Public Utilities Commission, la richiesta CBRE LMI di proposte per O’ahu, Maui e Hawai’i Island è aperta fino al 17 maggio 2022, alle 14:00 HST. Sviluppatori, aziende, organizzazioni o gruppi autorizzati a fare affari alle Hawaii possono presentare proposte per sviluppare progetti solari condivisi. La proposta dell’organizzazione viene quindi sottoposta a un processo di valutazione per i progetti proposti. Le organizzazioni le cui proposte vengono selezionate sono quindi considerate “organizzazione abbonata”. I dettagli sono su hawaiianelectric.com. Le informazioni sulla domanda per diventare un’organizzazione abbonata sono disponibili su hawaiianelectric.com/sharedsolar.

Quando un’organizzazione di abbonati che propone un impianto solare condiviso viene approvata, i clienti dell’isola in cui sarà situato il progetto possono diventare “abbonati” a tale impianto rivolgendosi direttamente all’organizzazione di abbonati. Una volta che il progetto è realizzato e online, gli abbonati possono ricevere crediti sulla bolletta elettrica mensile in base all’output del progetto e al loro livello di partecipazione.

Lo sviluppo della RFP solare condivisa LMI ha comportato il feedback delle comunità e delle parti interessate a O’ahu, Maui e Hawai’i Island. Ciò includeva riunioni della comunità che hanno portato Hawaiian Electric ad aggiungere nuovi criteri che assegnano un punteggio più alto ai progetti proposti su terreni commerciali o industriali suddivisi in zone, dando priorità agli abbonati residenziali in base alla vicinanza al progetto solare condiviso e aggiornando i criteri per incoraggiare le organizzazioni di abbonati a utilizzare la manodopera locale e pagare il salario prevalente. Le proposte devono includere anche ulteriori attività post-selezione per qualsiasi impatto sulle risorse culturali e requisiti per la continua sensibilizzazione e coinvolgimento della comunità.

Una richiesta separata di proposte per ulteriori progetti solari condivisi su O’ahu, Maui e Hawai’i Island (Tranche 1) sarà aperta il 14 aprile 2022. Sebbene nella Tranche 1 non saranno richiesti componenti a basso e moderato reddito, sarà incentivato. Gli aggiornamenti saranno disponibili su hawaiianelectric.com.

“Anche se non abbiamo una sfera di cristallo, penso che la speranza fosse che entro l’estate avremmo visto un po’ di sollievo”, ha detto Zelko. “In un certo senso, la scorsa settimana, c’erano buone notizie. Avevamo visto il petrolio salire a 120 dollari al barile, e poi era sceso sotto i cento. Quindi è stata davvero una previsione che abbiamo pubblicato. Non eravamo davvero sicuri di cosa avremmo visto. In genere acquisti carburante 30 giorni dopo, motivo per cui non abbiamo visto l’impatto prima, anche se potresti vedere il gas salire più in alto. “

Leave a Comment