‘This Is Us’ Stagione 6, Episodio 9 Recap: The Hill

Questi siamo noi

La collina

Stagione 6

Episodio 9

Valutazione dell’editore

3 stelle

Foto: NBC / Ron Batzdorff / NBC

Ovviamente, sappiamo da tempo che il matrimonio di Kate e Toby non è lungo per questo mondo, ma “The Hill” – l’ingresso del Numero Due nella trilogia finale dei Tre Grandi, co-scritta dalla stessa Kate, Chrissy Metz, con David Windsor e Casey Johnson, e diretto da Mandy Moore, nientemeno, lascia la relazione DOA e non siamo nemmeno arrivati ​​all’esplosione di Green Egg che ci era stato promesso. Non si torna indietro dalle cose che Kate e Toby dicono e dalle realizzazioni che hanno mentre Kate si dirige a San Francisco per il fine settimana nel tentativo di riparare ciò che è rotto tra di loro. Né dovrebbero voler tornare indietro – è chiaro che sono persone diverse da quando si sono incontrati per la prima volta e vogliono cose per le loro vite che semplicemente non stanno insieme. Oh, anche Toby fa schifo. Quindi c’è quello.

Lasciando la cabina dopo “Un Ringraziamento da ricordare”, Kate decide che la loro situazione attuale, con Toby che viaggia avanti e indietro per San Francisco per lavoro e che è via quattro giorni alla settimana, è semplicemente “non sostenibile”. Tutto quello che fanno è combattere, e non è salutare o divertente, e ha anche davvero rovinato il cappello di Pilgrim Rick. Pensa che sia giunto il momento per lei di trascorrere un fine settimana a San Francisco, vedere com’è la sua vita lassù e iniziare a pensare se forse potrebbero avere tutti una vita lì, insieme. Ma siamo tutti realisti con noi stessi: Kate non vuole trasferirsi a San Francisco. Ama la sua vita a Los Angeles. Ama il suo lavoro. Jack è a suo agio nella loro casa lì. Hanno una routine che include una canzone per aiutare Jack ad arrivare al parco. Il vicino Gregory è… lì, suppongo. Buon Dio, faranno di più con Timothy Omundson, giusto? Inoltre, Kate è ora la numero due di Rebecca e non vuole essere così lontana da sua madre. È un peccato che non si renda pienamente conto che fino a quando non sarà a San Francisco o un sacco di cose cattive che queste persone si dicono a vicenda avrebbero potuto essere evitate!

Anche se Kate pensa di considerare una vita a San Francisco, non è affatto vicina a dove si trova Toby e questo diventa un problema immediato. Tra un sacco di chiamate e cose di lavoro, quando Toby ha il tempo di caricare quegli AirPods? – Toby vuole mostrare a Kate tutto ciò che San Fran ha da offrire… e anche mostrarle una casa su cui è pronto a fare un’offerta. Tutto è travolgente, dalla pianificazione eccessiva alla presunzione che si stiano sicuramente trasferendo qui. Ma Kate per lo più lo segue nel tentativo di dimostrare che ci sta provando. È solo quando a un cocktail party con i colleghi di lavoro di Toby, Kate scopre che suo marito ha recentemente rifiutato un’offerta di lavoro a Los Angeles che finalmente ne ha abbastanza.

Il fatto è che Kate non ha solo un problema con lo sradicamento delle loro vite e il trasferimento a San Francisco, ma ha un problema sempre più crescente con chi è diventato suo marito negli ultimi tempi. Non è più l’adorabile idiota di cui si è innamorata. È molto più serio e nel suo lavoro e status. La cosa più importante, a quanto pare, non sarebbe stato catturato morto con una camicia hawaiana. Potrebbe essere un professionista per la maggior parte, ma non per Kate Pearson. Le manca questo vecchio Toby (da non confondere con Old Toby nel flash-forward, Jesus Christ, questo spettacolo) così tanto che a quanto pare ha Tyler Durden, ed è lui. Kate è una fan di Club di Lotta, e ha immaginato di uscire con la versione di suo marito che ha sposato. Non credo sia quello Club di Lotta è circa, ma non abbiamo il tempo. È una delle cose più bizzarre Questi siamo noi ha fatto, e vorrei rispedirlo, per favore. Ad esempio, stiamo davvero facendo “Fat Guy in a Little Coat” proprio ora? Se il punto era mostrarci che la vecchia versione di Toby era fastidiosa da morire e la nuova versione è una specie di cazzo, missione compiuta, immagino.

La lotta che segue dopo il cocktail party è piuttosto brutale. Chrissy Metz e Chris Sullivan hanno ha vissuto in questi personaggi, sai? Ad esempio, sì, capisco perché Toby si offenderebbe quando Kate dice che le manca il vecchio lui, soprattutto perché gli piace chi sta diventando – sta ottenendo tutto ciò che ha sempre voluto. Le dice che prima era infelice e che tutte le stupidaggini erano autodifesa. “Ti innamori di un meccanismo di coping!” le urla contro e, onestamente, quello è il momento in cui entrambi dovrebbero sapere che non c’è niente per cui valga la pena combattere qui. La persona che ama non esiste. Naturalmente, supponiamo che quel momento non ti metta abbastanza l’unghia nella bara. In quel caso, c’è anche la parte in cui Toby rivolge le cose a Kate per farle riconoscere che è più felice ora di quanto non lo sia mai stata, che ha la vita che ha sempre voluto – Signore, quest’uomo deve dare un’occhiata vivere con suo fratello, eh? – e tutto ciò di cui aveva bisogno perché ciò accadesse era sbarazzarsi di lui. È vero che Kate è felice e che sente di avere finalmente uno scopo, ma il modo in cui lo dice è semplicemente crudele. Immagino che sappiamo che la prima regola di Fight Club è scacciare la persona che presumibilmente ami dicendo cose inutilmente cattive. Voglio dire, forse? (Sarò onesto, non l’ho mai visto Club di Lotta.)

Dopo un po’ di tempo per respirare, Toby dice di essere felice che entrambi abbiano capito cosa vogliono e si siano “evoluti”. Quindi segue con un ultimatum: non pensa che ci sia altra opzione se non che Kate e i bambini si trasferiscano a San Francisco. Il problema con questo è che quello che intende è che non c’è altra opzione per lui. Avrebbe potuto accettare quel lavoro a Los Angeles, o potrebbe cercarne altri, ma non vuole. Kate va a fare una passeggiata perché sa cosa vuole fare – cosa deve fare – e ha solo bisogno di una piccola spinta.

Durante l’episodio, abbiamo anche rivisitato gli stessi punti della sequenza temporale di Pearson come abbiamo fatto con Kevin: il primo giorno in cui la piscina del quartiere apre, la notte del Ringraziamento quando Kevin, Randall e Kate vanno nella piscina vuota prima che si chiuda . La prima storia riguarda la piccola Kate che non vuole entrare in piscina. Ha paura e non pensa di saper nuotare. Ha una presa mortale sul collo di Jack. Le dice che ce la può fare, che lui crede in lei, deve solo provarci. Ha bisogno di credere in se stessa di potercela fare. Ma no, perché mai avrebbe dovuto lasciar andare suo padre? “Oggi non è il giorno”, dice Jack a Rebecca quando li trova fuori dall’acqua e di nuovo sulle sedie a sdraio.

Nella storia della piscina del Ringraziamento, Kate e Randall hanno appena convinto Kevin a scendere dalla sporgenza e lo hanno convinto ad accettare di tornare a casa, ma quando Randall e Kate sono entrati nella piscina, non hanno lasciato il mattone che stava appoggiando la porta per aprire. Sono intrappolati dentro. Dà a Kate il tempo di parlare di come si sente intrappolata a Pittsburgh, di quanto sia triste la sua vita, ma di come non abbia idea di cosa vuole fare o di chi vuole essere. I suoi fratelli cercano di assicurarle che lo capirà, ma è persa. Randall e Kevin decidono che l’unico modo per uscire dalla piscina è scavalcare la recinzione. Kate è spaventata, ma i ragazzi vanno per primi e, ancora una volta, le assicurano che può farcela. Kate decide di fare un tentativo. Poi lei cade. Non ci proverà più. Lei non può farlo, e basta.

E poi a San Francisco, beh, dobbiamo parlare della situazione della “collina” titolare. Quando Kate e Toby stanno andando al cocktail party, si trovano ad aspettare il loro Lyft in un angolo vicino a casa di Toby. Kate sa che il posto in cui stanno andando è nelle vicinanze, quindi suggerisce di camminare, ma Toby la spara. Spinge ancora un po’ finché lui non spiega che sarebbe tutto in salita. Kate sa immediatamente che quello che intende è che non pensa che lei possa fare fisicamente la passeggiata. Questo mi fa venire voglia di sfondare un muro con un pugno per due ragioni. In primo luogo, ovviamente, è solo il sentimento stesso che fa infuriare; rende ancora più ovvio che Toby, che non crede in Kate come crede la sua famiglia nelle altre trame, non è più la persona giusta per lei. Quelle colline di San Fran non sono uno scherzo, ma almeno le danno la possibilità! Lascia che sia lei a decidere cosa può e cosa non può fare. Il secondo motivo è che rimane irritante vedere questo spettacolo continuamente non permettere a Kate di essere più del suo peso. Lei è più del suo corpo, eppure, Questi siamo noi torna lì più e più volte. Lascia vivere Kate!!

Torniamo su quella collina dopo il litigio di Kate e Toby, e lei è determinata a salirci sopra, anche se è difficile e ha paura. Come ci hanno mostrato gli archi narrativi delle altre due linee temporali, tutto ciò che Kate doveva fare per avere successo era credere in se stessa. La sua famiglia crede già in lei. Devono esserci tanti altri modi per mostrare a Kate che crede in se stessa oltre a questo. È pensato per essere un momento di potenziamento quando raggiunge la vetta, ma si aggiunge alla mia confusione generale su cosa sta facendo questo spettacolo con le sue opportunità di rappresentazione grassa positiva. Kate è più del suo peso e del suo corpo!! Comunque, in cima alla collina, chiama Phillip e gli chiede di prenderla in considerazione per un posto di insegnante a tempo pieno disponibile presso la scuola. Quindi, sembra che Kate abbia fatto la sua scelta quando si tratta dell’ultimatum di Toby.

Leave a Comment