William e Kate affrontano le proteste durante il tour reale dei Caraibi

Il principe William e Kate sono in tournée di una settimana nella regione, visitando il Belize, la Giamaica e le Bahamas per una serie di impegni per celebrare l’anno del giubileo di platino della regina Elisabetta, che segna i 70 anni sul trono.

Tuttavia, le proteste hanno iniziato a mettere in ombra il viaggio dopo che un piccolo gruppo di manifestanti si è riunito martedì davanti all’Alto Commissariato britannico nella capitale giamaicana Kingston per chiedere scuse alla Gran Bretagna.

Alcuni cantavano “Scuse ora, riparazioni ora” mentre altri portavano poster e cartelloni con la scritta “Scusa” e “Andiamo al passo. Liberiamoci dal governo della regina”.

Anche un fidanzamento reale sabato in Belize è stato annullato a causa dell’opposizione segnalata dai residenti locali.

Il rapporto tra Gran Bretagna e Giamaica risale a secoli fa. L’isola fu conquistata dagli inglesi nel 1655 e rimase sotto il suo dominio fino a quando non ottenne l’indipendenza nel 1962, ma è rimasta un regno del Commonwealth con la regina come capo di stato. La maggior parte dei giamaicani è di origine africana e sono i discendenti degli schiavi trafficati nel paese dai coloni europei.

William e Kate avrebbero dovuto incontrarsi mercoledì con il Primo Ministro della Giamaica prima di visitare una scuola, un ospedale e un progetto che aiuta i giovani a rischio, prima di una cena organizzata dal Governatore Generale della Giamaica in cui William terrà un discorso.

La Giamaica celebrerà i 60 anni di indipendenza dalla Gran Bretagna nell’agosto di quest’anno, ma ci sono alcuni nel paese che sperano di cogliere l’attimo per passare a una repubblica.

Dibattito sulla repubblica in crescita

Alla protesta di martedì, l’attivista per i diritti umani Kay Osborne ha detto a Reuters: “È un insulto da usare per questi giovani (il duca e la duchessa di Cambridge) essere qui per cercare di persuaderci a mantenere lo status quo in vigore quando il nostro l’obiettivo è allentare e rimuovere le mani, le mani guantate della Regina dal nostro collo in modo che possiamo respirare”.

Nel frattempo, l’ex senatrice della Giamaica Imani Duncan-Price ha detto all’agenzia di stampa che stava partecipando alla protesta “perché abbiamo iniziato la nostra indipendenza economicamente deboli dopo essere stati saccheggiati dalla monarchia; che oggi vive dei benefici di quella ricchezza”.

“Sessant’anni di indipendenza, non abbiamo dimenticato e chiediamo scuse e riparazioni”, ha detto una donna non identificata ai manifestanti attraverso un megafono, secondo il video di Reuters.

Il dibattito sull’opportunità di troncare i legami del paese con Londra è cresciuto nell’ultimo anno da quando il suo vicino regionale Barbados ha rimosso la regina Elisabetta II da capo di stato e l’ha sostituita con il suo primo presidente in assoluto, Sandra Mason.
Non tutti nella nazione insulare erano contrari alla visita reale.  William e Kate sono stati accolti calorosamente dai sostenitori durante una visita a Trench Town, la culla della musica reggae.

Domenica, due giorni prima dell’arrivo dei Cambridge in Giamaica, una coalizione di 100 importanti individui e organizzazioni giamaicane ha firmato una lettera aperta indirizzata alla coppia, esortandoli ad assumersi la responsabilità e ad “iniziare un processo di giustizia riparatoria”.

“Non vediamo alcun motivo per celebrare i 70 anni dell’ascesa di tua nonna al trono britannico perché la sua leadership, e quella dei suoi predecessori, hanno perpetuato la più grande tragedia dei diritti umani nella storia dell’umanità”, si legge in parte della lettera.

“La sua ascesa al trono, nel febbraio 1952, avvenne 14 anni dopo le rivolte sindacali del 1938 contro le condizioni di lavoro/vita disumane e il trattamento dei lavoratori; dolorose eredità della schiavitù nelle piantagioni, che persistono ancora oggi”, ha continuato.

“Durante i suoi 70 anni sul trono, tua nonna non ha fatto nulla per riparare ed espiare le sofferenze dei nostri antenati che hanno avuto luogo durante il suo regno e/o durante l’intero periodo del traffico britannico di africani, della riduzione in schiavitù, del contratto e della colonializzazione”.

Alcuni membri dei media britannici che viaggiano con la coppia reale hanno riferito che William affronterà questi capitoli della storia della Gran Bretagna quando parlerà più tardi mercoledì.

Il 29 novembre 2021 il principe Carlo ha visto le Barbados insediare il suo primo presidente a Bridgetown, nelle Barbados.

Il fidanzamento del Belize è stato annullato

Il padre di William, il principe Carlo, aveva precedentemente riconosciuto la “terribile atrocità della schiavitù” durante un discorso che segnava il passaggio delle Barbados alla repubblica lo scorso novembre, 55 anni dopo che le Barbados avevano dichiarato l’indipendenza dalla Gran Bretagna.

“Dai giorni più bui del nostro passato e dalla spaventosa atrocità della schiavitù, che macchia per sempre la nostra storia, la gente di quest’isola ha forgiato il proprio cammino con straordinaria forza d’animo. Emancipazione, autogoverno e indipendenza sono stati i tuoi punti di riferimento. Libertà, giustizia e l’autodeterminazione sono state le tue guide “, ha detto.

Le dimostrazioni sui tour reali non sono rare e questo viaggio non ha fatto eccezione.

Le cose sembravano iniziare male quando gli organizzatori hanno dovuto interrompere un impegno in Belize sabato, il primo giorno intero del tour di William e Kate.

La coppia avrebbe dovuto visitare la fattoria di cacao Akte ‘il Ha ai piedi delle montagne Maya, ma la fermata è stata annullata venerdì, secondo quanto riferito, per l’opposizione dei residenti nel villaggio di Indian Creek. Un impegno con un produttore simile è stato programmato più tardi.

Prima del viaggio, Kensington Palace ha dichiarato in una dichiarazione che il Duca e la Duchessa “non vedevano l’ora” del loro tour dei Caraibi e “l’opportunità di ringraziare le comunità del Belize, della Giamaica e delle Bahamas per il supporto che le hanno mostrato Maestà per tutto il suo regno di settant’anni.”

Iscriviti a Royal News della CNNun dispaccio settimanale che ti offre informazioni dettagliate sulla famiglia reale, cosa stanno facendo in pubblico e cosa sta succedendo dietro le mura del palazzo.

.

Leave a Comment