I ricercatori dell’Alabama si concentrano sul genoma delle arachidi per migliorare i raccolti

Tali marcatori sono utili per gli allevatori, che si trovano principalmente nelle università, inclusa la Auburn University, perché accelerano il processo di sviluppo di nuove varietà vegetali.

“Se disponiamo di un marcatore molecolare che possiamo selezionare in laboratorio, possiamo accelerare significativamente il processo di riproduzione, passando potenzialmente da 10 anni a tre anni”, ha affermato Clevenger.

E come aiuta i coltivatori di arachidi? Clevenger indica l’Alabama sudorientale, il centro della produzione di arachidi dello stato, e il suo clima caldo e umido come esempio.

“Il Wiregrass ha il clima perfetto per le malattie fungine e gli agricoltori devono spruzzare molto per questo”, ha detto.

“Se gli agricoltori hanno piante di arachidi da una linea che, all’interno della sua genetica ha un particolare insieme di parole che lo aiutano a resistere a quelle malattie fungine, allora devono spruzzarlo solo tre volte, ad esempio, sette o otto volte.”

COLTURA IMPORTANTE

“Questo lavoro ha implicazioni significative per il futuro dell’agricoltura nel nostro stato”.

L’Alabama è al n. 2 negli Stati Uniti per la produzione di arachidi, dietro la Georgia.

L’industria contribuisce con oltre 210 milioni di dollari all’anno all’economia statale e rappresenta 3.000 posti di lavoro.

Le arachidi vengono coltivate in 37 delle 67 contee dell’Alabama, comprese molte contee rurali. Le prime 10 contee produttrici di arachidi sono Houston, Baldwin, Ginevra, Escambia, Henry, Monroe, Coffee, Dale, Covington e Mobile.

“HudsonAlpha ha un ruolo di leadership nella genomica delle piante e i suoi scienziati collaborano con ricercatori in Alabama e altrove per fare scoperte che possono portare al miglioramento delle colture”, ha affermato Greg Canfield, Segretario del Dipartimento del Commercio dell’Alabama.

“Questo lavoro ha implicazioni significative per il futuro dell’agricoltura nel nostro stato”.

Progetti di ricerca come quelli di HudsonAlpha sono particolarmente importanti per i coltivatori di arachidi, poiché il prezzo di vendita delle arachidi è relativamente stabile ma il costo di produzione è in aumento.

“Il costo degli input – fertilizzanti, prodotti chimici, trattori, mietitrebbie e tutte le altre attrezzature necessarie per crescere, produrre e raccogliere – continua a salire, quindi l’unico modo in cui un agricoltore può rimanere redditizio è aumentare i raccolti”, ha affermato Jacob Davis , direttore esecutivo della Associazione dei produttori di arachidi dell’Alabama.

Lo sviluppo di nuove varietà vegetali che sono più resistenti alla siccità e alle malattie e producono più arachidi per acro aiuterà ad aumentare quei raccolti, ha affermato.

Nel frattempo, se gli agricoltori devono utilizzare meno input, come pesticidi e fungicidi, ciò aiuta anche i loro profitti. È anche più rispettoso dell’ambiente.

Uno spray costa da $ 10 a $ 40 per acro, ha detto Davis. Se gli agricoltori non devono presentare tante applicazioni, ciò li aiuta a essere più redditizi.

“L’obiettivo è quello di sviluppare varietà che non siano suscettibili ai parassiti e alle malattie che affliggono il raccolto di arachidi, quindi non devi spruzzare tanto, e forse un giorno per niente”, ha detto.

Davis ha aggiunto che le arachidi non sono OGM (organismi geneticamente modificati).

“Non lo vogliamo”, ha detto. “Non prenderemo il DNA da una soia e lo metteremo in un’arachide. Quello di cui stiamo parlando qui è solo la selezione naturale e solo il tentativo di accelerare quel processo di selezione naturale”.

RUOLO DI RICERCA

Sebbene tutto il lavoro di Clevenger si svolga in un laboratorio e nelle serre, ha come priorità l’interazione regolare con i gruppi di coltivatori, dove parla del suo lavoro e impara cosa stanno vivendo gli agricoltori nei loro campi.

“Ci affidiamo a programmi di sovvenzione guidati e finanziati dai coltivatori”, ha affermato. “Sono molto favorevoli al nostro lavoro”.

Di recente si è recato al Wiregrass e ha visitato i coltivatori di arachidi che gli hanno detto che i fungicidi rappresentano il 30 percento del loro input nelle colture in crescita. E questo è un numero che spera che la sua ricerca aiuti a ridurre.

Clevenger fa parte dello staff di HudsonAlpha da due anni, ma il suo lavoro con le arachidi risale a otto anni fa. Il suo precedente lavoro con il conglomerato di caramelle Mars Inc. lo ha portato in giro per il mondo a progettare e implementare progetti di miglioramento genetico che coinvolgono le arachidi.

“Mars compra noccioline da tutto il mondo per inserire M&M, Snickers e altri prodotti. In ogni luogo, ci sono sfide che gli agricoltori devono affrontare, con diversi livelli di serietà e diversi livelli di competenza agronomica”, ha affermato.

“Ho imparato attraverso questo, che quando parliamo di allevamento e miglioramento delle varietà per i coltivatori, loro sono le parti interessate”.

Il ruolo di Clevenger con Marte includeva progetti in Australia, Africa, Sud America e altrove, e la sua prospettiva di essere uno scienziato è stata colorata da quell’esperienza.

“Mi permette davvero di capire il grande divario tra noi genetisti e le parti interessate, chi sono le persone che coltivano e si guadagnano da vivere coltivando semi”, ha detto. “Il mio intero ruolo nella mia ricerca è di sostenerli”.

Leave a Comment