Messaggio dell’artista Kangaroo Island Lara Tilbrook a “Rallentare” per il pianeta Terra | L’isolano

L’artista di Kangaroo Island Lara Tilbrook ha un messaggio per tutti noi: rallentare per il bene del pianeta.

È tra i cinque artisti di SA presenti nella mostra “HARBINGERS: Care or Catastrophe” in corso alla Murray Bridge Regional Gallery, in collaborazione con Country Arts SA.

La mostra che durerà fino al 10 aprile riunisce cinque diversi artisti contemporanei con forti legami con l’Australia meridionale regionale, le cui pratiche attirano l’attenzione sulla nostra intrinseca interconnessione con il mondo naturale e sulla complessità delle influenze dell’umanità sui nostri ambienti.

Il titolo della mostra presenta un ultimatum: prendersi cura del nostro pianeta o affrontare il collasso ambientale. Questa proposta, tratta dalle pratiche degli artisti e dalle loro nuove opere, presenta sia un senso di urgenza che il potenziale di speranza.

Questi lavori recentemente commissionati affrontano problemi di (cattiva) gestione sistematica delle risorse naturali, perdita endemica di biodiversità, innalzamento del livello del mare, politiche migratorie, incendi catastrofici e colonialismo in corso.

Chiedono un movimento collettivo fondato sull’ascolto e sulla cura profondi, per contrastare il caos della disconnessione e muoversi verso la generazione di un futuro sostenibile per tutti noi.

Segnalano anche speranza nelle possibilità di modi più praticabili ed equilibrati di essere e di appartenere.

“HARBINGERS: Care of Catastrophe” è in corso presso la Murray Bridge Regional Gallery fino al 10 aprile 2022. Foto fornita

Puntando alla catastrofe ma non senza speranza, gli altri artisti della mostra sono Chris De Rosa di Port Elliot, Ellen Trevorrow di Meningie / Coorong, Clancy Warner di Sellicks Beach e Laura Wills di Adelaide.

La mostra inaugurale, HARBINGERS: Care or Catastrophe, è il risultato dell’iniziativa Country Arts SA SPUR: Regional Curatorial Mentorship.

L’iniziativa ha commissionato tutte le nuove opere dei cinque artisti, facilitando al contempo due allievi, Wes Maselli con sede a Hayborough e Michelle Dohnt con sede a Murray Bridge, a partecipare allo sviluppo di una mostra attraverso il processo di coinvolgimento diretto dei curatori.

Lauren Mustillo, Visual Arts Manager, Country Arts SA, ha affermato che le opere presentate in HARBINGERS erano incredibilmente ambiziose, sia tecnicamente che concettualmente.

“La diversità dei materiali è impressionante, con sculture, installazioni, intrecci, tessuti, illustrazioni e assemblaggi su larga scala”, ha detto Lauren.

“Gli artisti sono stati senza paura nel loro approccio, affrontando questioni critiche e avvincenti relative all’ambiente che evidenziano sia la necessità di un’azione urgente che il potenziale di speranza.

“Essere al corrente di questo processo creativo è una prospettiva unica ed eccitante per qualsiasi professionista artistico, e in particolare per coloro che si trovano nelle fasi emergenti e iniziali della loro carriera.

“Wes e Michelle hanno colto l’opportunità con entusiasmo e sono stati preziosi per lo sviluppo della mostra.

“Sappiamo che questa esperienza li aiuterà a far progredire la loro carriera nelle arti”.

Fulvia Mantelli, Direttore, Murray Bridge Regional Gallery + Team Leader Arts Development, Rural City of Murray Bridge, ha affermato che esiste una relazione forte e ricca tra le due organizzazioni.

“Al centro di questa grande partnership c’è una visione condivisa per promuovere e coltivare le pratiche di arte visiva regionale del Sud Australia, oltre a portare esperienze artistiche riconosciute a livello nazionale, concettualmente e culturalmente diverse alle comunità regionali”, ha affermato Fulvia.

In quanto organizzazioni artistiche, siamo in una buona posizione per trasformare il modo in cui le arti sono coinvolte nell’Australia meridionale regionale.

“SPUR è uno di questi modelli progettato per ispirare un modo diverso di creare e collaborare nel futuro.”

L’amministratore delegato di Country Arts SA Anthony Peluso ha affermato che il sostegno agli artisti regionali non è stato solo di beneficio per l’artista, ma anche per lo spirito nazionale australiano.

“Alla Country Arts SA siamo entusiasti di supportare gli artisti nella creazione di nuovi lavori, riconoscendoli come preziosi contributori alla voce culturale della nostra nazione. HARBINGERS: Care or Catastrophe, il prodotto dello SPUR: Regional Curatorial Mentorship è una mostra tempestiva che ci collega con il nostro ambiente e ci mostra che l’arte è un grande canale per illuminare ciò che è vitale e importante nel nostro mondo oggi”, ha affermato.

Congratulazioni ai mentori e agli artisti per questa mostra bella, intrigante e vitale.”

Mentees Michelle e Wes hanno detto che l’esperienza è stata un’opportunità insostituibile nel loro sviluppo professionale.

“Il tutoraggio SPUR Project Management è stata una meravigliosa opportunità per sviluppare ulteriormente ed espandere il mio apprendimento”, ha affermato Michelle.

Mentre continuo a lavorare verso i miei obiettivi personali e le aspirazioni professionali di assumere ruoli più ampi nelle mostre, l’opportunità di lavorare a stretto contatto con curatori e artisti mentre acquisisco esperienza pratica nello sviluppo di mostre di arti visive è stata un’esperienza di apprendimento straordinaria e inestimabile, ”

Mentee Wes Maselli ha aggiunto: “È stato un privilegio essere selezionato come allievo curatoriale inaugurale dello SPUR, perché è importante avere la fiducia e l’incoraggiamento della comunità artistica, o è industria?

“Le linee sono sfocate, ma non ho mai sentito di essere nel profondo. Al contrario, era uno spazio supportato, con spazio per muoversi ed esplorare idee con Fulvia, Lauren e gli artisti.

“Sto davvero iniziando a vedere come la curatela sia un’arte in sé e poiché stai collaborando con più artisti con più visioni, ci sono alcuni cicli di feedback davvero stimolanti”.

“HARBINGERS: Care of Catastrophe” è attivo presso la Murray Bridge Regional Gallery fino al 10 aprile 2022.

Leave a Comment