Pronostici finali degli Oscar 2022: “CODA”, “Belfast” o “Power of the Dog”?

Tutto si riduce a questo. Novantaquattro anni di storia degli Oscar sono stati digeriti e sottoposti a un esame incrociato per aiutare a fornire la risposta critica: quali film e spettacoli vinceranno gli Academy Awards il 27 marzo?

Per la portata del suo conteggio delle nomination, Netflix è il più vicino che sia mai stato a portare a casa la statuetta per il premio più prestigioso dell’Academy. “The Power of the Dog” di Jane Campion ha vinto il maggior numero di premi della critica per il miglior film, e il film è andato via con il massimo onore alle cerimonie BAFTA e DGA, che hanno un crossover tra i votanti Oscar. Tuttavia, in quella che sembra una divisione uniforme, hanno detto alcuni membri dell’Accademia Varietà lo stavano classificando al n. 1 al loro scrutinio preferenziale, mentre altri lo collocavano all’ultimo posto di quella categoria.

Per saperne di più: di varietà Hub delle previsioni del circuito dei premi

“Belfast” di Kenneth Branagh è stato il presunto favorito per mesi dopo il suo debutto al Telluride Film Festival. Ma dopo aver portato a casa un singolo BAFTA per l’eccezionale film britannico, sta operando su un’ala e una preghiera per vincere l’ultimo premio Oscar. La sua migliore speranza potrebbe risiedere nella categoria della sceneggiatura originale, oppure potrebbe seguire la strada di “Spotlight” (2015) e vincere due premi importanti, incluso il film.

Questo ci porta al “CODA” di Sian Heder, il perdente che ha catturato il cuore degli elettori del settore. Dopo aver vinto lo Screen Actors Guild Award per l’ensemble del cast e il PGA Award, ha buone possibilità di vincere tutte e tre le categorie nominate, incluso il miglior film.

Altri risultati previsti includono Will Smith che diventa il quinto attore nero ad essere nominato miglior attore, nel suo caso per “King Richard”. Nel frattempo, Jessica Chastain potrebbe diventare la seconda donna a vincere la migliore attrice per un film che ha anche prodotto: “Gli occhi di Tammy Faye”. La prima a farlo è stata Frances McDormand, premiata lo scorso anno per “Nomadland”.

Troy Kotsur sembra diventare il secondo attore non udente a vincere un Oscar per la recitazione per “CODA”, dopo la vittoria della sua co-protagonista Marlee Matlin per “Children of a Lesser God” (1986). Ariana DeBose potrebbe diventare la seconda latina a vincere un premio per la recitazione, dopo la sua co-protagonista Rita Moreno, per “West Side Story”.

“Encanto” potrebbe tirare fuori uno shock nella canzone originale per accompagnare la sua vittoria nel film d’animazione. Il cantautore Lin-Manuel Miranda sarebbe diventato il diciassettesimo destinatario di EGOT e il terzo più giovane.

Si prevede che “Dune” sarà il più grande vincitore della serata con cinque, ma quel numero potrebbe aumentare o diminuire a seconda dell’amore che viene per “Cruella” nel design dei costumi e “King Richard” nel montaggio.

Il lungometraggio internazionale potrebbe avere un turbamento con “The Worst Person in the World” che ha vinto il premio per la Norvegia, nonostante “Drive My Car” dal Giappone sia stato nominato per il film, il regista e la sceneggiatura adattata.

Le chiavi del documentario sono nelle mani di Questlove per “Summer of Soul” o di Jonas Poher Rasmussen per “Flee”, che ha fatto la storia con nomi di film d’animazione, documentari e internazionali. Il vincitore del DGA a sorpresa Stanley Nelson potrebbe persino intrufolarsi con “Attica”.

Di seguito le previsioni finali.

Nelle singole pagine si trovano i pronostici delle singole categorie con le classifiche complete.

Miglior immagine

Vincerà: “CODA” (Apple Original Films) – Philippe Rousselet, Fabrice Gianfermi e Patrick Wachsberger
Potrebbe vincere: “Belfast” (Focus lungometraggi) – Laura Berwick, Kenneth Branagh, Becca Kovacik e Tamar Thomas
Dovrebbe vincere: “Il potere del cane” (Netflix) – Jane Campion, Tanya Seghatchian, Emile Sherman, Iain Canning e Roger Frappie
Avrebbe dovuto essere qui: “Andiamo, andiamo” (A24) – Chelsea Barnard, Lila Yacoub, Andrea Longacre-White

Miglior regista

Vincerà: Jane Campion, “Il potere del cane” (Netflix)
Potrebbe vincere: Steven Spielberg, “West Side Story” (20th Century Studios)
Dovrebbe vincere: Jane Campion, “Il potere del cane” (Netflix)
Avrebbe dovuto essere qui: Mike Mills, “Andiamo, andiamo” (A24)

Miglior attore

Vincerà: Will Smith, “Re Riccardo” (Warner Bros.)
Potrebbe vincere: Andrew Garfield, “Tick, Tick… Boom!” (Netflix)
Dovrebbe vincere: Andrew Garfield, “Tick, Tick… Boom!” (Netflix)
Avrebbe dovuto essere qui: Simon Rex, “Razzo rosso” (A24)

Migliore attrice

Vincerà: Penélope Cruz, “Madri parallele” (Sony Pictures Classics)
Potrebbe vincere: Jessica Chastain, “Gli occhi di Tammy Faye” (Searchlight Pictures)
Dovrebbe vincere: Olivia Colman, “La figlia perduta” (Netflix)
Avrebbe dovuto essere qui: Tessa Thompson, “Passando” (Netflix)

Miglior attore non protagonista

Vincerà: Troy Kotsur, “CODA” (Apple Original Films)
Potrebbe vincere: Ciarán Hinds, “Belfast” (Caratteristiche principali)
Dovrebbe vincere: Jesse Plemons, “Il potere del cane” (Netflix)
Avrebbe dovuto essere qui: Vincent Lindon, “Titane” (Neon)

Miglior attrice non protagonista

Vincerà: Ariana DeBose, “West Side Story” (20th Century Studios)
Potrebbe vincere: Aunjanue Ellis, “Re Riccardo” (Warner Bros.)
Dovrebbe vincere: Ariana DeBose, “West Side Story” (20th Century Studios)
Avrebbe dovuto essere qui: Olga Merediz, “In the Heights” (Warner Bros.)

Miglior sceneggiatura originale

Vincerà: “Belfast” (Focus) – Kenneth Branagh
Potrebbe vincere: “Licorice Pizza” (MGM / United Artists Releasing) – Paul Thomas Anderson
Dovrebbe vincere: “Belfast” (Focus) – Kenneth Branagh
Avrebbe dovuto essere qui: “Andiamo, andiamo” (A24) – Mike Mills

Miglior sceneggiatura adattata

Vincerà: “CODA” (Apple Original Films) – Sian Heder
Potrebbe vincere: “La figlia perduta” (Netflix) – Maggie Gyllenhaal
Dovrebbe vincere: “Il potere del cane” (Netflix) – Jane Campion
Avrebbe dovuto essere qui: “Tick, tick… Boom!” (Netflix) – Steven Levenson

Miglior film d’animazione

Vincerà: “Encanto” (Walt Disney Pictures) – Jared Bush, Byron Howard, Yvett Merino e Clark Spencer
Potrebbe vincere: “I Mitchell vs. le macchine ”(Netflix) – Mike Rianda, Phil Lord, Christopher Miller e Kurt Albrecht
Dovrebbe vincere: “Encanto” (Walt Disney Pictures) – Jared Bush, Byron Howard, Yvett Merino e Clark Spencer
Avrebbe dovuto essere qui: “Ron’s Gone Wrong” (20th Century Studios) – Sarah Smith, Jean-Philippe Vine

Miglior scenografia

Vincerà: “Dune” (Warner Bros.) – Patrice Vermette (scenografia), Zsuzsanna Sipos (scenografia)
Potrebbe vincere: “The Power of the Dog” (Netflix) – Grant Major (scenografia), Amber Richards (scenografia)
Dovrebbe vincere: “Nightmare Alley” (Searchlight Pictures) – Tamara Deverell (scenografia), Shane Vieau (scenografia)
Avrebbe dovuto essere qui: “Being the Ricardos” (Amazon Studios) – Jon Hutman (scenografia), Ellen Brill (scenografia)

Miglior fotografia

Vincerà: “Dune” (Warner Bros.) – Greig Fraser
Potrebbe vincere: “Il potere del cane” (Netflix) – Ari Wegner
Dovrebbe vincere: “Dune” (Warner Bros.) – Greig Fraser
Avrebbe dovuto essere qui: “In the Heights” (Warner Bros.) – Alice Brooks

Miglior costumista

Vincerà: “Crudelia” (Walt Disney Pictures) – Jenny Beavan
Potrebbe vincere: “West Side Story” (20th Century Studios) – Paul Tazewell
Dovrebbe vincere: “Dune” (Warner Bros.) – Jacqueline West, Robert Morgan
Avrebbe dovuto essere qui: “The Harder They Fall” (Netflix) – Antoinette Messam

Miglior montaggio cinematografico

Vincerà: “Dune” (Warner Bros.) – Joe Walker
Potrebbe vincere: “Re Riccardo” (Warner Bros.) – Pamela Martin
Dovrebbe vincere: “Re Riccardo” (Warner Bros.) – Pamela Martin
Avrebbe dovuto essere qui: “Il colpevole” (Netflix) – Jason Ballantine

Miglior trucco e acconciatura

Vincerà: “Gli occhi di Tammy Faye” (Searchlight Pictures) – Linda Dowds, Stephanie Ingram e Justin Raleigh
Potrebbe vincere: “Coming 2 America” (Amazon Studios) – Mike Marino, Stacey Morris e Carla Farmer
Dovrebbe vincere: “Dune” (Warner Bros.) – Donald Mowat, Love Larson, Eva von Bahr
Avrebbe dovuto essere qui: “Last Night in Soho” (Focus) – Lizzie Yianni Georgiou

Miglior suono

Vincerà: “Dune” (Warner Bros.) – Mac Ruth, Mark Mangini, Theo Green, Doug Hemphill e Ron Bartlett
Potrebbe vincere: “West Side Story” (20th Century Studios) – Tod A. Maitland, Gary Rydstrom, Brian Chumney, Andy Nelson e Shawn Murphy
Dovrebbe vincere: “Dune” (Warner Bros.) – Mac Ruth, Mark Mangini, Theo Green, Doug Hemphill e Ron Bartlett
Avrebbe dovuto essere qui: “The Last Duel” (20th Century Studios) – Oliver Tarney, Paul Massey, David Giammarco, Daniel Birch, Stéphanie Bucher

I migliori effetti visivi

Vincerà: “Dune” (Warner Bros.) – Paul Lambert, Tristan Myles, Brian Connor e Gerd Nefzer
Potrebbe vincere: “Spider-Man: No Way Home” (Sony Pictures) – Kelly Port, Chris Waegner, Scott Edelstein e Dan Sudick
Dovrebbe vincere: “Dune” (Warner Bros.) – Paul Lambert, Tristan Myles, Brian Connor e Gerd Nefzer
Avrebbe dovuto essere qui: “Eterni”

Miglior colonna sonora originale

Vincerà: “Dune” (Warner Bros.) – Hans Zimmer
Potrebbe vincere: “Encanto” (Walt Disney Pictures) – Germaine Franco
Dovrebbe vincere: “Madri parallele” (Sony Pictures Classics) – Alberto Iglesias
Avrebbe dovuto essere qui: “Spencer” (Neon / Topic Studios) – Jonny Greenwood

Miglior canzone originale

Vincerà: “Dos Oruguitas” da “Encanto” (Walt Disney Pictures) – Musica e testi di Lin-Manuel Miranda
Potrebbe vincere: “No Time to Die” da “No Time to Die” (MGM / United Artists Releasing) – Musica e testi di Billie Eilish e Finneas O’Connell
Dovrebbe vincere: “Be Alive” da “King Richard” (Warner Bros.) – Musica e testi di DIXSON e Beyoncé Knowles-Carter
Avrebbe dovuto essere qui: “Non parliamo di Bruno” da “Encanto” (Walt Disney Pictures) – Musica e testi di Lin-Manuel Miranda

Miglior film documentario

Vincerà: “Summer of Soul (O, quando la rivoluzione non poteva essere trasmessa in televisione)” (Hulu / Searchlight Pictures) – Ahmir “Questlove” Thompson, Joseph Patel, Robert Fyvolent e David Dinerstein
Potrebbe vincere: “Flee” (Neon) – Jonas Poher Rasmussen, Monica Hellström, Signe Byrge Sørensen e Charlotte De La Gournerie
Dovrebbe vincere: “Flee” (Neon) – Jonas Poher Rasmussen, Monica Hellström, Signe Byrge Sørensen e Charlotte De La Gournerie
Avrebbe dovuto essere qui: “Il salvataggio”

Miglior film internazionale

Vincerà: “Drive My Car” (Giappone)
Potrebbe vincere: “La persona peggiore del mondo” (Norvegia)
Dovrebbe vincere: “Flee” (Norvegia)
Avrebbe dovuto essere qui: “Titane” (Francia)

Miglior cortometraggio animato

Vincerà: “Robin Robin” (Netflix) – Dan Ojari e Mikey Please
Potrebbe vincere: “The Windshield Wiper” (The Animation Showcase) – Alberto Mielgo e Leo Sanchez
Dovrebbe vincere: “Robin Robin” (Netflix) – Dan Ojari e Mikey Please

Miglior cortometraggio documentario

Vincerà: “Audible” (Netflix) – Matt Ogens, Geoff McLean
Potrebbe vincere: “La regina del basket” (The New York Times) – Ben Proudfoot
Dovrebbe vincere: “Audible” (Netflix) – Matt Ogens, Geoff McLean

Miglior cortometraggio live action

Vincerà: “Il lungo addio” (WePresent) – Aneil Karia, Riz Ahmed
Potrebbe vincere: “On My Mind” (The New Yorker) – Martin Strange-Hansen
Dovrebbe vincere: “Il lungo addio” (WePresent) – Aneil Karia, Riz Ahmed

Leave a Comment