Gli esperti si preoccupano di come gli Stati Uniti vedranno arrivare la prossima ondata di COVID

I vigili del fuoco della Marins-Pompiers di Marsiglia estraggono campioni di acque reflue in una casa di riposo a Marsiglia, nel sud della Francia, giovedì 1 gennaio. 14, 2021, per tracciare le concentrazioni di COVID-19 e la variante altamente contagiosa che è stata scoperta in Gran Bretagna. Con l’aumento delle infezioni da coronavirus in alcune parti del mondo, gli esperti stanno osservando un potenziale nuovo aumento di COVID-19 negli Stati Uniti e si chiedono quanto tempo ci vorrà per rilevarlo. Credito: AP Photo/Daniel Cole

Con l’aumento delle infezioni da coronavirus in alcune parti del mondo, gli esperti stanno osservando un potenziale nuovo aumento di COVID-19 negli Stati Uniti e si chiedono quanto tempo ci vorrà per rilevarlo.

Nonostante i miglioramenti nel monitoraggio delle malattie negli ultimi due anni, affermano, alcuni sviluppi recenti non lasciano presagire nulla di buono:

—Dato che sempre più persone effettuano i test rapidi per il COVID-19 a casa, sempre meno persone ricevono i test standard su cui il governo fa affidamento per il conteggio dei casi.

—I Centers for Disease Control and Prevention utilizzeranno presto meno laboratori per cercare nuove varianti.

—I funzionari sanitari si stanno concentrando sui ricoveri ospedalieri, che aumentano solo dopo l’arrivo di un’impennata.

—Un programma di sorveglianza delle acque reflue rimane un mosaico su cui non si può ancora contare per i dati necessari per comprendere le imminenti ondate.

—I funzionari della Casa Bianca affermano che il governo sta esaurendo i fondi per vaccini, trattamenti e test.

“Non siamo in una grande situazione”, ha detto Jennifer Nuzzo, ricercatrice sulla pandemia della Brown University.

Gli scienziati riconoscono che l’ampia disponibilità di vaccini e trattamenti mette la nazione in un posto migliore rispetto a quando è iniziata la pandemia e che il monitoraggio ha fatto molta strada.

Ad esempio, questa settimana gli scienziati hanno pubblicizzato un programma di 6 mesi che mette alla prova i viaggiatori internazionali che volano in quattro aeroporti statunitensi. Test genetici su un campione il 11 dicembre 14 hanno scoperto una variante del coronavirus, il discendente dell’omcron noto come BA.2, sette giorni prima di qualsiasi altro rilevamento riportato negli Stati Uniti

Gli esperti si preoccupano di come gli Stati Uniti vedranno arrivare la prossima ondata di COVID

Emily Lu, una studentessa del programma di laurea in scienze ambientali presso lo stato dell’Ohio, cerca di estrarre l’acido ribonucleico (RNA) dai campioni di acque reflue per testare i frammenti del coronavirus, il 23 marzo 2022 in un laboratorio scolastico a Columbus, Ohio. Credito: AP Photo/Patrick Orsagos

Altre buone notizie: negli Stati Uniti casi, ricoveri e decessi sono in calo da settimane.

Ma altrove è diverso. L’Organizzazione Mondiale della Sanità questa settimana ha riferito che il numero di nuovi casi di coronavirus è aumentato per due settimane consecutive a livello globale, probabilmente perché le misure di prevenzione del COVID-19 sono state interrotte in numerosi paesi e perché BA.2 si diffonde più facilmente.

Alcuni esperti di salute pubblica non sono sicuri di cosa significhi per gli Stati Uniti

BA.2 rappresenta una quota crescente di casi negli Stati Uniti, ha affermato il CDC, più di un terzo a livello nazionale e più della metà nel nord-est. Sono stati osservati tassi di casi complessivi ridotti a New York e nei ricoveri ospedalieri nel New England.

Alcuni degli stati del nord degli Stati Uniti con i tassi più alti di BA.2, tuttavia, hanno alcuni dei tassi di casi più bassi, ha osservato Katriona Shea della Penn State University.

Dott. James Musser, uno specialista in malattie infettive allo Houston Methodist, ha definito “oscuri” i dati del caso nazionale su BA.2. Ha aggiunto: “Ciò di cui abbiamo veramente bisogno sono quanti più dati possibili in tempo reale… per prendere decisioni informate”.

Ecco cosa stanno guardando i tracker COVID-19 e cosa preoccupa gli scienziati al riguardo.

RISULTATI DEL TEST

I conteggi dei risultati dei test sono stati al centro della comprensione della diffusione del coronavirus sin dall’inizio, ma sono sempre stati imperfetti.

Gli esperti si preoccupano di come gli Stati Uniti vedranno arrivare la prossima ondata di COVID

Uno studente di seconda elementare sta facendo un test COVID-19 a casa presso la HW Harkness Elementary School di Sacramento, in California, venerdì 2 febbraio. 11, 2022. Il distretto scolastico unificato di Sacramento City ha iniziato a distribuire i test agli studenti delle scuole elementari e medie e le famiglie devono presentare i risultati prima di tornare in classe. Credito: AP Photo/Ricco Pedroncelli

Inizialmente, solo le persone malate sono state sottoposte al test, il che significa che i casi hanno perso le persone che non avevano sintomi o non erano in grado di sottoporsi a tamponi.

I kit di test domestici sono diventati ampiamente disponibili lo scorso anno e la domanda è decollata quando l’onda omicron ha colpito. Ma molte persone che portano i test a casa non riportano i risultati a nessuno. Né le agenzie sanitarie tentano di raccoglierli.

Mara Aspinall è l’amministratore delegato di una società di consulenza con sede in Arizona che tiene traccia delle tendenze dei test COVID-19. Stima che a gennaio e febbraio, ogni giorno venivano eseguiti in media da 8 milioni a 9 milioni di test rapidi a casa, da quattro a sei volte il numero di test PCR.

Nuzzo ha detto: “I numeri dei casi non riflettono la realtà come una volta”.

A CACCIA DI VARIANTI

All’inizio del 2021, gli Stati Uniti erano molto indietro rispetto ad altri paesi nell’utilizzo di test genetici per cercare preoccupanti mutazioni del virus.

Un anno fa, l’agenzia ha firmato accordi con 10 grandi laboratori per eseguire il sequenziamento genomico. Il CDC ridurrà quel programma a tre laboratori nei prossimi due mesi.

Il volume settimanale delle sequenze eseguite attraverso i contratti è stato molto più alto durante l’ondata omicron di dicembre e gennaio, quando più persone venivano testate, ed è già sceso a circa 35.000. Entro la fine della primavera, scenderà a 10.000, anche se i funzionari del CDC affermano che i contratti consentono al volume di aumentare fino a oltre 20.000, se necessario.

L’agenzia afferma anche che i tempi di consegna e gli standard di qualità sono stati migliorati nei nuovi contratti e che non si aspetta che il cambiamento danneggerà la sua capacità di trovare nuove varianti.

Gli esperti si preoccupano di come gli Stati Uniti vedranno arrivare la prossima ondata di COVID

Gli studenti del programma di laurea Emma Lancaster, a destra, Emily Lu, al centro, e Fan He, a sinistra, lavorano per estrarre i resti di COVID-19 in campioni di acque reflue, 23 marzo 2022 in un laboratorio scolastico presso la Ohio State University di Columbus, Ohio. Credito: AP Photo/Patrick Orsagos

Esperti esterni esprimono preoccupazione.

“È davvero una riduzione sostanziale del nostro sistema di sorveglianza e intelligence di base per tracciare ciò che c’è là fuori”, ha affermato Bronwyn MacInnis, direttore della sorveglianza genomica dei patogeni presso il Broad Institute of MIT e Harvard.

SORVEGLIANZA DELLE ACQUE REFLUE

Un sistema di monitoraggio in evoluzione è alla ricerca di segni di coronavirus nelle acque reflue, che potrebbero potenzialmente catturare infezioni da birra.

I ricercatori hanno collegato i campioni di acque reflue al numero di test COVID-19 positivi una settimana dopo, suggerendo che i funzionari sanitari potrebbero dare un’occhiata in anticipo alle tendenze delle infezioni.

Alcuni dipartimenti sanitari hanno anche utilizzato le acque reflue per cercare varianti. New York City, ad esempio, ha rilevato segnali della variante omicron in un campione prelevato il 19 novembre. 21—circa 10 giorni prima che il primo caso fosse segnalato negli Stati Uniti

Ma gli esperti notano che il sistema non copre l’intero paese. Inoltre non distingue chi è infetto.

“Si tratta di una strategia davvero importante e promettente, senza dubbio. Ma il valore finale è probabilmente ancora da capire”, ha affermato il dott. Jeff Duchin, l’ufficiale sanitario di Seattle/King County, Washington.

Gli esperti si preoccupano di come gli Stati Uniti vedranno arrivare la prossima ondata di COVID

Sonya Morgan, un’infermiera registrata, lavora con un paziente positivo al COVID-19 all’interno dell’unità di malattie infettive (IDU) dell’Helen Keller Hospital, a Sheffield, in Alabama, venerdì 19 gennaio. 28, 2022. Credito: Dan Busey/The TimesDaily via AP, File

DATI OSPEDALI

Il mese scorso, il CDC ha delineato una nuova serie di misure per decidere se revocare le regole sull’uso delle mascherine, concentrandosi meno sui risultati positivi dei test e più sugli ospedali.

I ricoveri ospedalieri sono un indicatore di ritardo, dato che può passare una settimana o più tra l’infezione e il ricovero. Ma un certo numero di ricercatori ritiene che il cambiamento sia appropriato. Dicono che i dati ospedalieri siano più affidabili e più facilmente interpretabili rispetto al conteggio dei casi.

Anche il ritardo non è lungo come si potrebbe pensare. Alcuni studi hanno suggerito che molte persone aspettano di essere testate. E quando finalmente lo fanno, i risultati non sono sempre immediati.

Spencer Fox, uno scienziato di dati dell’Università del Texas che fa parte di un gruppo che utilizza i dati di ospedali e cellulari per prevedere il COVID-19 ad Austin, ha affermato che “i ricoveri ospedalieri sono stati il ​​segnale migliore” per un’impennata rispetto ai risultati dei test.

Ci sono preoccupazioni, tuttavia, sui futuri dati ospedalieri.

Se il governo federale revoca la sua dichiarazione di emergenza sanitaria, i funzionari perderanno la capacità di costringere gli ospedali a segnalare i dati COVID-19, ha scritto di recente un gruppo di ex direttori del CDC. Hanno esortato il Congresso ad approvare una legge che fornirà autorità durature “in modo da non rischiare di volare alla cieca quando emergeranno minacce per la salute”.


Mentre Omicron infuria, quanto conta più il conteggio dei casi?


© 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

Citazione: Gli esperti si preoccupano di come gli Stati Uniti vedranno arrivare la prossima ondata di COVID (2022, 25 marzo) recuperata il 25 marzo 2022 da https://medicalxpress.com/news/2022-03-experts-covid-surge.html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza il permesso scritto. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

Leave a Comment