La piattaforma di ghiaccio delle dimensioni di New York crolla nell’Antartide orientale

Il crollo, catturato dalle immagini satellitari, ha segnato la prima volta nella storia umana che la gelida regione dell’Antartide orientale ha avuto un crollo della piattaforma di ghiaccio.

Una piattaforma di ghiaccio delle dimensioni di New York City è crollata nell’Antartide orientale, un’area a lungo ritenuta stabile e non molto colpita dai cambiamenti climatici, hanno affermato venerdì gli scienziati preoccupati.

Il crollo, catturato dalle immagini satellitari, ha segnato la prima volta nella storia umana che la regione gelida ha avuto un crollo della piattaforma di ghiaccio. È successo all’inizio di un bizzarro periodo caldo la scorsa settimana, quando le temperature sono aumentate di oltre 70 gradi (40 gradi Celsius) più calde del normale in alcuni punti dell’Antartide orientale. Le foto satellitari mostrano che l’area si è ridotta rapidamente negli ultimi due anni, e ora gli scienziati dicono che si chiedono se abbiano sovrastimato la stabilità e la resistenza dell’Antartide orientale al riscaldamento globale che ha sciolto rapidamente i ghiacci sul lato occidentale più piccolo e sulla penisola vulnerabile .

La piattaforma di ghiaccio, larga circa 460 miglia quadrate che tiene i ghiacciai Conger e Glenzer dall’acqua più calda, è crollata tra il 14 e il 16 marzo, ha affermato la scienziata del ghiaccio Catherine Walker del Woods Hole Oceanographic Institute. Ha detto che gli scienziati non l’hanno mai visto accadere in questa parte del continente e questo lo rende preoccupante.

“La piattaforma di ghiaccio Glenzer Conger presumibilmente esisteva da migliaia di anni e non ci sarà mai più”, ha affermato Peter Neff, scienziato del ghiaccio dell’Università del Minnesota.

Il problema non è la quantità di ghiaccio persa in questo crollo, hanno detto Neff e Walker. È trascurabile. Ma è più su dove è successo.

Neff si è detto preoccupato che le precedenti ipotesi sulla stabilità dell’Antartide orientale potrebbero non essere così corrette. E questo è importante perché l’acqua congelata nell’Antartide orientale se si sciogliesse – e questo è un processo lungo millenni se non di più – solleverebbe i mari in tutto il mondo di oltre 160 piedi. È più di cinque volte il ghiaccio nella più vulnerabile calotta glaciale dell’Antartide occidentale, dove gli scienziati hanno concentrato gran parte della loro ricerca.

Gli scienziati hanno visto la piattaforma di ghiaccio ridursi un po’ dagli anni ’70, ha detto Neff. Poi, nel 2020, la perdita di ghiaccio della piattaforma è aumentata fino a perdere circa la metà di se stessa ogni mese circa, ha detto Walker.

“Probabilmente stiamo vedendo il risultato di un aumento del riscaldamento degli oceani per molto tempo”, ha detto Walker. “Si sta solo sciogliendo e sciogliendo.”

E poi il riscaldamento della scorsa settimana “probabilmente è qualcosa come, sai, l’ultima goccia sul dorso del cammello”.

Leave a Comment