Questi quattro cibi deliziosi sono ancora vietati sulla ISS

Hai sentito la barzelletta sull’astronauta che ha avuto un’intossicazione alimentare? Probabilmente no, e per una buona ragione. È perché un evento del genere onestamente non è mai accaduto. Ad oggi, nessun astronauta ha mai avuto una malattia di origine alimentare nello spazio.

“Alla NASA, abbiamo effettivamente uno standard microbiologico più elevato rispetto alla maggior parte delle aziende dell’industria alimentare in generale”, afferma Xulei Wu, scienziato alimentare della NASA e manager del sistema alimentare per la Stazione Spaziale Internazionale. In altre parole, la NASA è un sostenitore della sicurezza e della conservazione degli alimenti quando si tratta di viaggi nello spazio.

Per ridurre il rischio di potenziali malattie, tutti i prodotti alimentari inviati all’ISS devono essere sottoposti a rigorosi test. Se un alimento non supera il test, quei prodotti vengono immediatamente buttati fuori dalla corsa per diventare un cibo liofilizzato per astronauti. Al contrario, un piatto di successo deve essere sicuro da mangiare e in grado di fornire molti nutrienti in una porzione.

Cosa c’è nella dispensa di un astronauta?

Tuttavia, la dieta di un astronauta, sebbene certamente rigorosa, non è necessariamente blanda.

Ogni giorno, la sala da pranzo in stile dispensa della Stazione Spaziale Internazionale ha circa 200 piatti che un astronauta può scegliere di mangiare. Questo buffet liofilizzato rappresenta circa il 70-75 percento di tutti i pasti dell’equipaggio. Il resto proviene principalmente dal menu del cibo specifico dell’equipaggio: ogni astronauta è in grado di creare una sorta di lista dei desideri culinari e richiedere determinati cibi o bevande che desidera per la durata della sua missione.

Anche così, molti di questi preferiti dai fan potrebbero non arrivare alla stazione in tempo per il soggiorno di un astronauta e, in alcuni casi, del tutto. Dalla produzione fino al trasporto, ci vuole molto tempo prima che il cibo venga approvato e poi caricato su un razzo. Anche allora, una volta che il cibo entra in orbita, potrebbero volerci anni prima che venga consumato da un astronauta affamato che ha voglia del suo spuntino preferito.

[Related: Why space lettuce could be the pharmacy astronauts need]

“Non abbiamo un veicolo cargo per andare lì ogni settimana per inviare ciò che vogliono”, afferma Wu. “Pertanto dobbiamo preconfezionare il loro cibo e caricare tutto il cibo sui veicoli cargo prima ancora che il membro dell’equipaggio si avvii”.

Poiché i viaggi nello spazio diventano ancora meno una realtà lontana, la NASA alla fine vuole lavorare per migliorare le migliori tecnologie di lavorazione e confezionamento per far durare il cibo il più a lungo possibile.

Ma a parte i trasporti, ci sono alcuni cibi che sono attualmente vietati sulla stazione spaziale e i motivi per cui potrebbe sorprenderti.

briciole

Nelle nostre case, questi piccoli frammenti sono spesso classificati come un fastidio e un pasticcio piuttosto che un vero problema. Ma una volta che hai lasciato la sicurezza dell’orbita terrestre, le piccole particelle sono considerate un rischio professionale.

Le briciole sono etichettate come detriti di oggetti estranei (FOD) o qualsiasi oggetto che potrebbe causare danni a un’imbarcazione o un sistema. La NASA afferma che queste particelle ribelli potrebbero interferire con l’equipaggiamento della missione, essere inalate dai membri dell’equipaggio e, in alcuni casi, fluttuare nei loro occhi.

Ma fortunatamente, questo non significa che gli astronauti debbano fare a meno di cibi friabili (ovvero Un sacco di cibo) completamente. Ad esempio, invece dei tipici prodotti a base di pane, come panini o biscotti, che si rompono facilmente e si sbriciolano, il laboratorio alimentare della NASA afferma di aver inviato opzioni alternative alla stazione.

“La tortilla è super popolare. Non è proprio un pane lievitato, ma serve una specie di [similar] scopo “, dice Wu. “È versatile, ma le tortillas non si sbriciolano come la maggior parte del pane”.

Un “cheeseburger spaziale”. Gli astronauti usano abitualmente le tortillas invece del pane a causa della tendenza di quest’ultimo a sbriciolarsi e fluttuare via in condizioni di microgravità. Centro spaziale Johnson della NASA

Ci sono anche altri alimenti che possono creare grossi pasticci friabili, incluso il gelato. In condizioni di microgravità, queste prelibatezze disidratate potrebbero diventare così fragili da rompersi completamente e inviare fiocchi aromatizzati di queste prelibatezze ghiacciate che volano ovunque.

Le collaborazioni tra diversi gruppi e strutture di lancio hanno portato allo sviluppo di altri tipi di dolcetti congelati come i ghiaccioli, che la NASA spera di inviare alla ISS in futuro, afferma Wu.

Sale e pepe

Siamo spiacenti, non ci sono condimenti convenzionali nello spazio. Se dovessi scuotere sale e pepe nello spazio, i grani finirebbero sospesi nell’aria e costituirebbero un pericolo simile alle briciole galleggianti. Per aggiungere un po’ più di sapore ai cibi, gli scienziati della NASA hanno escogitato un’alternativa intelligente: le spezie liquide. Invece di usare sale e pepe, gli astronauti versano soluzioni di sale e pepe preconfezionate come farebbero con condimenti per insalate o salse. Il laboratorio alimentare della NASA scioglie il sale nell’acqua e il pepe nell’olio prima di inviare la spezia liquida nello spazio.

Bevande gassate

Le bevande gassate sono probabilmente il più pericoloso degli alimenti spaziali vietati, semplicemente perché le conseguenze del loro consumo non sono ancora completamente comprese.

Le bevande gassate, per definizione, contengono anidride carbonica disciolta. Per sbarazzarsi di questa anidride carbonica, le persone in genere finiscono per rilasciare il gas con un rutto, ma secondo la NASA, carbonatazione e soda non si separano in microgravità. Senza la gravità che spinge fuori queste bolle, dopo aver ingerito, potrebbero rimanere intrappolate nel sistema digestivo di un astronauta e causare effetti negativi sulla salute.

[Related: There’s a lot we don’t know about the International Space Station’s ocean grave]

“Nell’ambiente di microgravità, potrebbe essere un rutto bagnato perché il gas e il liquido non tendono a separarsi automaticamente”, dice. “Sarà un disagio di sicuro.”

Tuttavia, è difficile definire le esatte conseguenze sulla salute delle bevande frizzanti perché la NASA non è stata in grado di condurre in sicurezza test sugli astronauti per vedere come la carbonatazione in microgravità potrebbe potenzialmente danneggiare l’equipaggio.

vari pacchetti di cibo, condimenti e bevande sono legati su un tavolo rosso.  anche le forbici per tagliare i pacchi sono legate
Cibo, bevande e pacchetti di condimenti assortiti sono fissati sul tavolo del cibo situato nel modulo di servizio russo Zvezda sulla Stazione Spaziale Internazionale. Centro spaziale Johnson della NASA

Alcool

Dopo una lunga giornata o per occasioni celebrative, gli astronauti non possono preparare un cocktail o una bottiglia di champagne. Ma l’alcol non è solo vietato per garantire che i membri dell’equipaggio della ISS rimangano concentrati e vigili. Uno dei motivi principali per cui le libagioni non sono consentite a bordo è perché potrebbero potenzialmente danneggiare l’Environmental Control and Life Support System, o ECLISS.

Una delle molte responsabilità di ECLISS è fornire aria pulita e acqua pulita alla stazione riciclando l’urina, la condensa della cabina e altri prodotti di scarto. Un ingrediente chiave dell’alcol è l’etanolo, un composto che potrebbe anche diventare estremamente volatile nello spazio. Poiché l’acqua riciclata ha standard di purezza rigorosi, qualsiasi cosa interferisca con i processi digestivi naturali di un astronauta, inclusi contaminanti chimici extra come l’etanolo esalato dall’equipaggio, potrebbe mettere in pericolo l’intero sistema vitale.

“Quel sistema è molto sensibile all’etanolo”, afferma Wu. “Pertanto, se l’alcol viene inviato [and consumed]che evaporerà e interferirà con il sistema [ability] per rigenerare aria e acqua. ”

Ma storicamente, mentre alcuni astronauti non hanno certamente problemi a restare senza un drink per alcuni mesi, ci sono stati alcuni casi di membri dell’equipaggio che si sono intrufolati a bordo.

Leave a Comment