Segno dei tempi: il pianeta si sta davvero riscaldando e perché dovresti preoccupartene

I poli si stanno riscaldando, secondo le ultime letture di temperatura.

Negli ultimi 35 milioni di anni, sia l’Artico (dove si trova il Polo Nord) che l’Antartico (Polo Sud) sono sempre stati coperti di ghiaccio. Durante l’ultima era glaciale, chiamata anche periodo del “Pleistocene”, che raggiunse il picco circa 20.000 anni fa, i ghiacciai coprirono vaste parti del globo.

E il livello del mare era 120 metri più basso di quello attuale al picco. Il cambiamento era stato glaciale fino ad allora. Ora sta accelerando, avvertono la maggior parte degli scienziati del clima.

Avanti veloce: cosa dicono 400 stazioni meteorologiche

Avanti veloce agli ultimi sei anni: sono stati i sei anni più caldi “registrati”. E nel 2021, più di 400 stazioni meteorologiche hanno battuto record di calore. Quest’anno, il pianeta si classifica nel 2022 con un gennaio caldo, classificandosi come il sesto gennaio più caldo in 143 anni di record climatici.

Inoltre, secondo gli scienziati dei National Centers for Environmental Information della NOAA, la copertura del ghiaccio marino antartico – denominata anche “estensione del ghiaccio marino” – era vicina al minimo storico per il mese.

Febbraio 2022 è stato anche il settimo più caldo della Terra, poiché la copertura del ghiaccio marino antartico si è ulteriormente ridotta. Pochi mesi prima, a settembre 2021, l’estensione del Mar Glaciale Artico era stata registrata al 23,2% al di sotto della media 1981-2010.

Gli scienziati avvertono che il ghiaccio del Mar Glaciale Artico potrebbe ridursi abbastanza in questo 2022 da battere un record decennale nella sua estensione più bassa, forse anche rendendo verde la parte di terra.

Cosa sta succedendo? Lo analizziamo per te:

I poli si stanno davvero riscaldando?

Nel novembre 2021, a Nuovo scienziato articolo avverte che l’era del ghiaccio che ha attanagliato i poli della Terra per 35 milioni di anni potrebbe finire.

Il motivo: un fenomeno noto come clima estremo, visto come precursore del riscaldamento globale. E questa storia di ghiaccio marino che si allontana non è più solo una storia. Sta davvero cominciando a mordere.

Le recenti letture dell'”estensione del ghiaccio marino” artico, una misura dell’area coperta di ghiaccio, hanno suscitato preoccupazioni da parte dei climatologi nel settembre 2021: è stata registrata al 23,2% al di sotto della media di 30 anni (basata sui record del 1981-2010), secondo NOAA.

Quali sono le prove?

▶ In Europa, ad agosto 2021 le temperature in Sicilia, in Italia, hanno raggiunto i 48,8°C (119,8°F), la temperatura più alta mai registrata nel continente, secondo un Nuovo scienziato rapporto.

▶ Sempre nel 2021, l’Africa ha registrato i mesi di giugno e settembre più caldi di sempre, superando il precedente record del 2017, secondo la US National Oceanographic Administration (NOAA).

Un recente rapporto dell'Associated Press ha affermato che una stazione meteorologica in Antartide ha recentemente battuto il record di tutti i tempi di 15 ° C, mentre un'altra stazione costiera utilizzata per gelate profonde in questo periodo dell'anno era di 7 ° C sopra lo zero.  Nell'Artico, nel frattempo, alcune parti erano 30 °C più calde della media.

Un recente rapporto dell’Associated Press ha affermato che una stazione meteorologica in Antartide ha recentemente battuto il record di tutti i tempi di 15 ° C, mentre un’altra stazione costiera utilizzata per gelate profonde in questo periodo dell’anno era di 7 ° C sopra lo zero. Nell’Artico, nel frattempo, alcune parti erano 30 °C più calde della media.

▶ Le letture dell'”estensione del ghiaccio” del Mar Glaciale Artico, una misura dell’area ricoperta di ghiaccio, hanno destato preoccupazione dai climatologi a settembre 2021: è stata registrata al 23,2% al di sotto della media di 30 anni (ripresa dal 1981 al 2010) – ed è stata l’estensione più piccola del 12 settembre dall’inizio delle registrazioni satellitari nel 1979, secondo NOAA.

▶ In tutto il Nord America, settembre 2021 è stato il terzo settembre più caldo mai registrato nel continente. Solo settembre 1998 e 2019 sono stati più caldi.

Recenti Un recente rapporto dell’Associated Press ha affermato che una stazione meteorologica in Antartide ha recentemente battuto il suo record assoluto di 15 ° C, mentre un’altra stazione costiera utilizzata per gelate profonde in questo periodo dell’anno era di 7 ° C sopra lo zero. Nell’Artico, nel frattempo, alcune parti erano 30 °C più calde della media.

Anomalie climatiche

Credito immagine: Seyyed dela Llata ​​/ NOAA

Maximiliano Herrera, climatologo e specialista in condizioni meteorologiche estreme, ha dichiarato in un tweet che il 2021 sarebbe probabilmente tra i primi cinque o sei più caldi della storia.

Herrera ha compilato record meteorologici per oltre 30 anni, tenendo sotto controllo le condizioni meteorologiche estreme in tutto il mondo e pubblica un elenco annuale di record battuti nell’anno precedente.

Parco Nazionale della Valle della Morte

DEATH VALLEY: Una vista del Parco Nazionale della Valle della Morte in California. Negli Stati Uniti, luglio 2021 ha portato 54,4 ° C (130 ° F) a Furnace Creek nella Death Valley degli Stati Uniti “- la temperatura più alta registrata in modo affidabile sulla Terra, secondo il National Park Service degli Stati Uniti.

Qual è la prova più convincente del cambiamento climatico?

Molte persone pensano che il cambiamento climatico sia una previsione fatta da complicati modelli informatici. Ma gli scienziati hanno dimostrato che questi modelli sono sorprendentemente accurati.

Sappiamo che il cambiamento climatico sta avvenendo perché ne vediamo gli effetti ovunque. Le temperature medie globali sono aumentate di 1,2 gradi C dal 1880. Le aree terrestri si sono riscaldate più della superficie del mare e l’Artico si è riscaldato di più dagli anni ’60.

Il livello del mare sta aumentando, le calotte glaciali e i ghiacciai si stanno riducendo e il ghiaccio marino artico sta scomparendo. La neve si scioglie più velocemente in primavera e le piante fioriscono prima. Gli animali si stanno spostando verso aree più elevate per trovare condizioni più fresche. Insieme a questo, siccità, inondazioni e incendi sono diventati più gravi.

L’oceano ha assorbito il 90% del calore intrappolato dai gas serra con il riscaldamento di ogni strato dell’oceano, distruggendo i coralli e la vita marina.

scogliera2-1647597153593

Questa foto scattata il 7 marzo 2022 mostra un subacqueo che nuota tra i coralli della Grande Barriera Corallina australiana, poiché è stato nuovamente colpito da uno sbiancamento “diffuso”, hanno affermato le autorità il 18 marzo 2022.
Credito immagine: AFP

Cosa mostrano i dati del secolo scorso?

Gli scienziati del clima in genere si limitano al 21° secolo quando prevedono come l’attività umana influenzerà le temperature globali.

Ora è chiaro che fonti di feedback precedentemente sconosciute – incluso l'”iperriscaldamento” che è stato visto l’ultima volta sulla Terra mezzo miliardo di anni fa – potrebbero spingere le temperature globali abbastanza alte da mandare la Terra in uno “stato serra” con foreste tropicali che crescono vicino ai poli .

Nonostante i dati limitati, le ultime previsioni sono più audaci. Cominciano ad arrivare le prime previsioni sistematiche, abilitate da AI, per tutto l’anno 2300.

Cosa c’è di nuovo nella storia del cambiamento climatico?

Venerdì (18 marzo 2022) le stazioni meteorologiche in Antartide hanno infranto i record. La stazione Concordia alta due miglia (quota: 3.234 metri) era a -12,2 ° C (10 ° F). Era di circa 21 ° C (70 ° F) più caldo della media.

Nella stazione ancora più alta di Vostok (quota: 3.489 metri) la temperatura del 18 marzo 2022 ha raggiunto un’ombra sopra i -17,7°C (0°F), battendo il record di tutti i tempi di circa 15°C (27°F), secondo a un tweet di Herrera, uno scienziato di dati meteorologici estremi.

Nuovi record di calore sono stati battuti. Herrera ha sottolineato che 107 paesi hanno battuto il record mensile di alta temperatura e cinque hanno battuto il record mensile di bassa temperatura.

Anche i funzionari del National Snow and Ice Data Center (NSID) a Boulder, in Colorado, sono rimasti sorpresi. I ricercatori dell’NSID erano impegnati a tracciare l’Artico dove era 10 ° C (50 ° F) più caldo della media e le aree intorno al Polo Nord si stavano avvicinando o erano al punto di fusione (0 ° C), il che è davvero insolito per metà marzo, il ghiaccio Lo scienziato Walt Meier ha detto in un rapporto pubblicato sulla rivista di fisica online, phys.org.

Era glaciale

Credito immagine: Seyyed dela Llata ​​/ Gulf News

Perché è insolito?

“Sono stagioni opposte. Non vedi il nord e il sud (poli) che si sciolgono entrambi allo stesso tempo “, ha detto Meier all’Associated Press venerdì sera. “È sicuramente un evento insolito.”

“Wow. Non ho mai visto niente di simile in Antartide”, ha detto lo scienziato del ghiaccio dell’Università del Colorado Ted Scambos, che è tornato di recente da una spedizione nel continente.

Il meteorologo dell’Università del Wisconsin Matthew Lazzara ha detto: “Non è un buon segno quando vedi succedere questo genere di cose”.

Lazzara monitora le temperature al Dome C-ii dell’Antartide orientale e ha registrato -10 °C (14 °F) venerdì, dove la temperatura normale è -43 °C (-45 °F) in questo periodo dell’anno: “Questa è una temperatura che dovresti vedere a gennaio, non a marzo. Gennaio è estate lì. È drammatico”.

CAMBIAMENTI CLIMATICI: UNA CRONOLOGIA

1760: inizio di quella che è conosciuta come la prima rivoluzione industriale, l’uso del vapore e dell’acqua per meccanizzare il lavoro.

1830: Primo avvio del riscaldamento globale in alcune parti del mondo raggiunto dalla rivoluzione industriale.

18 maggio 1859: il fisico irlandese John Tyndall scrisse nel suo diario ciò che ha posto le basi per la nostra moderna comprensione dell’effetto serra, del cambiamento climatico, della meteorologia e del tempo.

Anni ’50: gli scienziati iniziarono a preoccuparsi del cambiamento climatico verso la fine degli anni ’50.

Fonti: Natura/rigb.org

Naturale, casuale o qualcos’altro?

Lazzara e Meier hanno detto che quello che è successo in Antartide è probabilmente solo un evento meteorologico “casuale” e non necessariamente un segno del cambiamento climatico. È una dichiarazione di speranza. Se accade di nuovo, o ripetutamente, allora questa “anomalia” potrebbe far parte del riscaldamento globale.

GAS SERRA

L’anidride carbonica (CO2) e il metano sono due esempi di gas serra che contribuiscono al cambiamento climatico. Questi sono prodotti, ad esempio, utilizzando benzina per guidare un’auto o carbone per riscaldare un edificio.

La CO2 viene rilasciata quando la terra e le foreste vengono bonificate. Le discariche di rifiuti sono una delle principali fonti di emissioni di metano. I principali emettitori includono energia, industria, trasporti, edifici, agricoltura e uso del suolo.

Risultato Il risultato: la Terra è ora di circa 1,1 °C più calda di quanto non fosse alla fine del 1800. L’ultimo decennio (2011-2020) è stato il più caldo mai registrato.

Cambiamenti climatici e riscaldamento globale: qual è la differenza?

Il cambiamento climatico non significa solo temperature più calde. Questa è solo una parte della storia. Poiché tutto è connesso sulla Terra, i cambiamenti in un’area possono influenzare i cambiamenti in tutte le altre.

I fattori scatenanti del cambiamento climatico

▶ Il cambiamento climatico si riferisce ai cambiamenti a lungo termine delle temperature e dei modelli meteorologici. Alcuni di questi cambiamenti possono essere naturali, ad esempio attraverso variazioni nel ciclo solare.

▶ Tuttavia, le attività umane dovute principalmente alla combustione di combustibili fossili come carbone, petrolio e gas hanno stimolato il cambiamento climatico sin dal 1800.

▶ La combustione di combustibili fossili genera emissioni di gas serra che agiscono come una coperta avvolta intorno alla Terra, intrappolando il calore del sole e aumentando le temperature, che portano al riscaldamento globale.

Siccità intensa, scarsità d’acqua, gravi incendi, innalzamento del livello del mare, inondazioni, scioglimento dei ghiacci polari, tempeste catastrofiche e calo della biodiversità sono tutte conseguenze del cambiamento climatico. Può avere effetti sulla nostra salute, agricoltura, sicurezza e lavoro.

Leave a Comment