Aggiornamenti in tempo reale degli Oscar 2022: moda sul tappeto rosso, analisi e ultime novità

KYIV, Ucraina – Ha parlato con due star del cinema in videochiamata dalla città bombardata e accerchiata di Kiev.

I suoi aiutanti hanno fatto pressioni sull’Academy of Motion Picture Arts and Sciences per uno spettacolo di sostegno per la notte degli Oscar. Ha ripubblicato il suo programma televisivo su Netflix nel mezzo della guerra.

Il presidente Volodymyr Zelensky, l’attore diventato leader dell’Ucraina in tempo di guerra, ha dedicato la maggior parte delle sue apparizioni pubbliche agli appelli alle nazioni occidentali per armi letali per combattere i russi: carri armati, jet e missili.

Ma il sig. Zelensky, che prima di diventare presidente aveva recitato in commedie romantiche e recitato in spettacoli di cabaret, ha anche insistito affinché celebrità e artisti parlassero a favore del suo paese, in quello che gli assistenti dicono sia uno sforzo utile per consolidare il vantaggio globale del soft power dell’Ucraina sulla Russia .

“Viviamo nel mondo moderno e sappiamo che gli opinionisti e le celebrità sono importanti”, ha affermato Ekaterine Zguladze, ex viceministro degli interni ora coinvolta negli sforzi del governo ucraino per ottenere il sostegno di artisti, musicisti e celebrità. “Non solo i politici modellano il mondo”.

SM. Zguladze ha aggiunto: “In questo momento, esiste una vera solidarietà in tutto il mondo per l’Ucraina. E questa solidarietà non è dovuta alle immagini strazianti delle città distrutte e della tragedia umana, ma a causa dei valori che tutti condividiamo”.

Ma l’appello dell’Ucraina all’accademia, l’organizzazione che assegna gli Oscar, ha incontrato un dramma tutto suo.

Prima dello spettacolo, gli organizzatori hanno detto che la guerra sarebbe stata notata e il bilancio umano onorato, ma non si erano impegnati in un’apparizione video di Mr. Zelensky, ha detto Brian Keith Etheridge, uno scrittore di sitcom con sede a Los Angeles. Ha aiutato a coordinare la sensibilizzazione del governo ucraino all’accademia, con l’aiuto di Mila Kunis, un’attrice di origine ucraina, e di suo marito, Ashton Kutcher.

“La preoccupazione che ci è stata detta è che non vogliono politicizzare eccessivamente lo spettacolo”, ha detto il sig. disse Etheridge. “Se Zelensky dice semplicemente ‘grazie’ lo ricorderà alle persone e potrebbe raccogliere milioni di dollari. È una piattaforma così gigantesca solo per mostrare la sua faccia. ”

Credito…Angelos Tzortzinis / Agence France-Presse – Getty Images

Sean Penn, che stava girando un documentario in Ucraina quando è scoppiata la guerra, ha chiesto il boicottaggio degli Oscar se Mr. Zelensky non può apparire in video e ha promesso di sciogliere i propri premi se l’accademia snobba il leader ucraino. Le statue del premio sono realizzate in bronzo dorato.

Se i produttori dell’Oscar non consentono un’apparizione per “la leadership in Ucraina, che sta prendendo proiettili e bombe per noi, insieme ai bambini ucraini che stanno cercando di proteggere, allora penso che ognuna di quelle persone, e ogni parte di quella decisione, sarà stato il momento più osceno di tutta la storia di Hollywood, “Mr. Penn ha detto alla CNN in un’intervista.

Parlando in una conferenza stampa giovedì, i produttori hanno detto che intendevano commemorare il tributo della guerra ma non si sono impegnati in un’apparizione video di Mr. Zelensky.

“Saremo molto premurosi su come riconoscere dove siamo nel mondo”, ha detto giovedì Will Packer, un produttore della cerimonia degli Oscar, in una conferenza stampa.

Di una possibile apparizione del sig. Zelensky, ha detto: “Lo spettacolo è in lavorazione, quindi non è qualcosa che diremmo definitivamente in un modo o nell’altro a questo punto. Come ho detto prima, vogliamo essere divertenti e celebrativi, ma sicuramente lo faremo in modo rispettoso”.

Credito…Ruth Fremson/The New York Times

L’attrice comica Wanda Sykes, una delle co-conduttori della cerimonia, ha notato che Mr. Zelensky, “Non è impegnato in questo momento?”

Mentre il sig. Gli assistenti di Zelensky hanno sollecitato il sostegno durante lo spettacolo in qualsiasi forma, cercando qualsiasi strada per ottenere il sostegno del pubblico in Occidente, il valore del sostegno delle celebrità in una sparatoria non è universalmente riconosciuto in Ucraina.

“In definitiva, è importante ciò che sta accadendo sul campo”, ha affermato Oleksandr Danylyuk, ex segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale ucraino. “Ognuno sta facendo quello che può. Non so se un altro discorso di Zelensky farà la differenza. Ma è bene che chi l’inizia voglia farlo. Tutti vogliono aiutare in ogni modo possibile”.

Ma il sig. Danylyuk ha affermato che “alla fine, hai bisogno di risultati”, come forniture di caccia, carri armati o missili per l’esercito ucraino.

Sig. Zelensky ha fatto pressioni su tutti i fronti per trasmettere a un vasto pubblico, e in particolare ai paesi che forniscono armi, l’imperativo morale di sostenere l’Ucraina nella guerra.

Credito…Sarahbeth Maney / Il New York Times

“In generale, Zelensky sta davvero seguendo le notizie da Hollywood e cerca opportunità di supporto”, ha detto in un’intervista Serhiy Leshchenko, un consigliere del capo di stato maggiore del presidente.

La spinta a sostenere l’Ucraina durante gli Oscar è iniziata una settimana fa, dopo che Mr. Zelensky ha parlato in una videochiamata da Kiev con il sig. Kutcher e la sig. Kunis, per ringraziare la coppia per aver raccolto 35 milioni di dollari per i rifugiati ucraini e gli aiuti umanitari in una campagna GoFundMe, Mr. disse Leshchenko.

SM. Kunis ha recentemente recitato in “Breaking News in Yuba County” e ha in programma l’uscita di un film da Netflix, “Luckiest Girl Alive”.

“Gli ucraini sono persone orgogliose e coraggiose che meritano il nostro aiuto nel momento del bisogno”, ha scritto nell’appello per la raccolta fondi. “Questo attacco ingiusto all’Ucraina e all’umanità in generale è devastante e il popolo ucraino ha bisogno del nostro sostegno”.

Dopo la videochiamata, il sig. Gli assistenti di Zelensky hanno cercato un posto dell’ultimo minuto alla cerimonia degli Oscar.

Sig. Zelensky ha sempre avuto uno spiccato senso dell’immagine e della narrazione in politica. All’inizio di questo mese, ha affermato di essere consapevole del fatto che i suoi ripetuti appelli televisivi alla resistenza e la continua presenza nella capitale assediata lo avevano trasformato in un simbolo di coraggio in molti paesi.

Credito…Lynsey Addario per il New York Times

Gli Oscar sono anche una scelta naturale per un appello del suo governo per l’assistenza umanitaria, poiché molti dei suoi principali aiutanti sono anche veterani dell’industria cinematografica.

Il capo dell’amministrazione presidenziale, Andriy Yermak, era un avvocato dei media e produttore cinematografico. Il capo dell’agenzia di intelligence interna, Ivan Bakanov, era stato il direttore dello studio Kvartal 95. Un consigliere presidenziale capo, Serhiy Shefir, era uno sceneggiatore e produttore i cui crediti principali includevano una commedia romantica di successo, “Eight First Dates” e una serie televisiva, “The In-laws”.

Prima di diventare presidente dell’Ucraina, il sig. Zelensky ha interpretato un presidente nella sua serie televisiva, “Servant of the People”, che è stata rilasciata su Netflix questo mese. Il personaggio, un insegnante, viene spinto alla presidenza dopo aver intrapreso una filippica contro la corruzione, che viene filmata dai suoi studenti in un video che diventa virale.

Maria Varenikova ha contribuito con reportage da Kiev e Matt Stevens da New York.

Leave a Comment