Come convertire la tua arte digitale in NFT e venderla

Cos’è un NFT?

Gli NFT sono token non fungibili. L’aggettivo “non fungibile” è spesso usato in economia per rappresentare caratteristiche come l’unicità e la non intercambiabilità. Nello spazio crittografico, la non fungibilità indica semplicemente che un oggetto non può essere scambiato con un altro.

Un “token” come unità di conto è fondamentalmente un certificato di validità memorizzato sulla blockchain decentralizzata, che rende le risorse digitali tracciabili e accessibili a tutti. Di conseguenza, gli NFT sono una valuta virtuale unica nel suo genere che può rientrare praticamente in qualsiasi categoria e di solito assumere la forma di dipinti, video, musica, oggetti da collezione nei videogiochi o qualsiasi altro tipo di produzione digitale creativa.

Dal momento che gli NFT sono esplosi all’inizio del 2021, tutti ora acquistano e vendono questi token in tutto il mondo. Ma come può qualcuno convertire la vera arte in NFT e come può venderli? È difficile? La codifica è necessaria per creare un NFT?

In poche parole, i passaggi sono abbastanza semplici. Per comprendere la procedura principale e le sue specifiche, leggi questa guida rapida di seguito.

Cos’è l’arte crittografica?

L’arte è il caso d’uso più comune per gli NFT e non sorprende che l’arte crittografica in forma NFT sia recentemente esplosa in popolarità. Il fatto che la nuova tecnologia blockchain crei le condizioni che ora consentono agli artisti di guadagnare decine di milioni di dollari dai loro dipinti digitali ha attratto molte persone creative che prima potevano solo sognare un tale livello di facilità e accessibilità.

Le sensazionali aste di alto profilo di NFT legate all’arte digitale hanno ricevuto una notevole attenzione da parte del pubblico. Le vendite più costose hanno fatto notizia quando hanno raggiunto milioni. Nel 2022, l’NFT più costoso con un prezzo di $ 91,8 milioni è stato “Merge” dell’artista digitale pseudonimo Pak.

Nel 2021, Everydays: the First 5000 Days NFT collection dell’artista Mike Winkelmann, noto come Beeple, è stata un’altra asta molto costosa ed è stata venduta per 69,3 milioni di dollari.

La cripto arte è associata a pezzi d’arte unici creati da artisti famosi e venduti all’asta su mercati che includono non solo piattaforme NFT popolari ma anche case d’aste tradizionali come Sotheby’s e Christie’s. Tuttavia, la maggior parte dell’arte nello spazio crittografico viene creata da sconosciuti principianti di talento.

Tuttavia, alcune collezioni NFT tra cui quella pioniera denominata CryptoPunks o la più pubblicizzata recentemente denominata Bored Ape Yacht Club sono esempi di arte generativa. Questo tipo di arte viene solitamente creato con l’aiuto di vari sistemi autonomi. Le immagini in queste raccolte popolari sono create assemblando una selezione di semplici componenti dell’immagine in diverse combinazioni.

Imparentato: Come valutare il valore di un NFT?

Come trasformare la tua arte in un NFT?

Se ti stai già chiedendo se dovresti convertire la tua arte in un NFT, la risposta è ovviamente “sì, perché non provare”. Il processo di creazione di un NFT non è né complesso, costoso né tecnico. Tutto ciò che serve è un insieme di capacità creative e un personal computer.

Ancora una volta, vale la pena notare che gli NFT possono potenzialmente convertire non solo immagini ma anche brani musicali, video, GIF e altri elementi digitali. Quindi, per prima cosa, devi scegliere un campo artistico adatto a te. A seconda di ciò, capirai di quali abilità avrai bisogno per diventare un vero creatore di NFT.

Ad esempio, come artista grafico, ti verrà richiesto di utilizzare strumenti di editing grafico come Adobe Illustrator, Adobe Photoshop, MS Paint, CorelDraw e simili. Puoi anche provare modi alternativi come la modellazione tridimensionale (3D) che è nota per essere più difficile per i principianti. Se scegli l’animazione 3D, dovrai utilizzare strumenti di modellazione 3D come Blender o Cinema 4D per progettare grafica e personaggi animati che verranno poi convertiti in NFT.

Dopodiché, dovrai trovare un’idea unica per la tua singola opera d’arte o forse una collezione completa e pensare al contenuto in cui alla fine si trasformerà.

La codifica è necessaria per gli NFT?

È abbastanza facile creare un NFT dall’arte digitale senza codifica. Il processo per crearli è chiamato conio. Fondamentalmente è l’atto di pubblicare una singola istanza del token sulla blockchain. Gli NFT vengono coniati una volta creati, in modo simile a come vengono create e aggiunte in circolazione le monete metalliche.

Dopo questa procedura, la particolare opera d’arte digitale diventa sicura e a prova di manomissione, oltre che difficile da manipolare. Poiché questo articolo digitale è diventato un NFT, ora può essere acquistato, venduto e monitorato digitalmente quando viene rivenduto o ritirato.

Per gli artisti, coniare NFT nell’arte digitale è il nuovo modo di monetizzare il proprio lavoro in modo equo. Sulla maggior parte dei mercati NFT, gli artisti possono programmare una clausola di royalty al momento del conio in modo che le vendite secondarie delle loro opere generino un reddito passivo per loro. Se la domanda per l’opera d’arte aumenta e diventa famosa e aumenta di valore, gli artisti possono trarne vantaggio.

Il conio è un processo automatizzato fornito sulla maggior parte dei mercati NFT. Per avviarlo, dovrai eseguire alcuni semplici passaggi indicati di seguito:

Tuttavia, puoi provare a programmare tu stesso un NFT se hai già esperienza in questo settore e vuoi diventare uno sviluppatore NFT. Per approfondire la programmazione NFT, devi tenere presente che la rete Ethereum ha ancora il monopolio sullo sviluppo di NFT.

Il solito linguaggio di codifica utilizzato per lo sviluppo NFT è Solidity, che è stato progettato per lo sviluppo di contratti intelligenti che girano sulla blockchain di Ethereum. Altri sono Javascript e HTML/CSS. Inoltre, il file system interplanetario viene solitamente utilizzato per memorizzare gli NFT degli artisti.

Scegliere il mercato NFT per creare e vendere i tuoi NFT

Una parte essenziale del processo di conio di NFT è la scelta di una piattaforma NFT adeguata. La scelta giusta dipende da vari fattori come il formato di file supportato, la corrispondenza del portafoglio crittografico, l’accessibilità alla piattaforma per gli utenti e un prezzo per coniare un NFT o una commissione di transazione, che è un pagamento effettuato per compensare l’energia di calcolo richiesta per elaborare e convalidare le transazioni.

Ci sono un sacco di vari mercati NFT online nello spazio crittografico e ognuno di essi funziona in modo leggermente diverso. La cosa cruciale per gli artisti è sapere se la piattaforma è curata o se è self-service e scegliere quella più adatta, visitata e user-friendly per loro.

Le piattaforme NFT self-service o non curate forniscono accesso gratuito a tutti gli artisti. Per caricare NFT su di essi, devi solo registrarti tramite portafoglio crittografico e pagare la commissione di transazione per coniare un NFT. I più popolari sono i mercati NFT self-service di massa come OpenSea e Rarible.

Le piattaforme NFT curate sono più selettive riguardo agli artisti. Per registrarti e iniziare a coniare la tua arte su queste piattaforme, dovrai presentare una domanda con tutti i dettagli sulla collezione NFT e la tua precedente esperienza artistica.

Un altro svantaggio visibile dei mercati NFT curati è il lungo periodo di attesa per la decisione degli esperti. A causa di questi rigorosi criteri di selezione, tuttavia, la maggior parte delle migliori opere d’arte digitali sono esposte su tali piattaforme in modo che gli acquirenti abbiano più fiducia negli artisti che collaborano con queste piattaforme. Le famose piattaforme curate sono SuperRare e Nifty Gateway, solo per citarne alcune.

Imparentato: Il mercato NFT: come acquistare e vendere token non fungibili

Configurazione di un portafoglio di criptovaluta

Un portafoglio di criptovaluta è uno strumento di cui avrai bisogno per accedere alle piattaforme NFT, firmare transazioni e gestire i tuoi saldi.

Prima di configurarlo, la cosa più importante è assicurarsi che il portafoglio corrisponda alla criptovaluta utilizzata sulla piattaforma NFT che intendi utilizzare. Poiché la maggior parte dei mercati NFT sono basati su Ethereum, accettano la criptovaluta nativa di Ethereum Ether (ETH) come pagamento. Pertanto, è necessario avere un portafoglio crittografico con un po’ di ETH a portata di mano.

Ci sono molti portafogli crittografici con già milioni di utenti. Molti di loro hanno varie funzionalità e alcuni di loro hanno le proprie applicazioni mobili ed estensioni del browser per un facile accesso alle piattaforme basate su blockchain.

La scelta di un portafoglio di criptovaluta adatto dipende dal tipo di sicurezza che sei disposto ad avere. I tipi principali di essi includono portafogli di custodia, non custodia e hardware. Un portafoglio di custodia è anche noto come portafoglio ospitato poiché i fondi degli utenti vengono automaticamente archiviati in esso da una terza parte, in modo simile al modo in cui le banche conservano i soldi nei conti correnti e nei conti di risparmio.

È considerato il più intuitivo e facile da configurare. Un portafoglio non di custodia offre agli utenti il ​​controllo completo della sicurezza delle proprie criptovalute e non fa affidamento su terze parti per mantenere i fondi al sicuro. Un portafoglio hardware, noto anche come portafoglio freddo, è un dispositivo fisico che può mantenere offline le criptovalute degli utenti e proteggerle anche nello scenario peggiore quando il computer di qualcuno viene violato.

Come vendere arte digitale come NFT

È probabile che la vendita NFT sia l’endpoint del tuo conio NFT. La maggior parte delle piattaforme NFT ha una funzione per scegliere un metodo di vendita o un’opzione per impostare un prezzo per il tuo NFT mentre lo coni.

La vendita e l’asta a prezzo fisso sono attualmente le due principali modalità di vendita di NFT. Una vendita a prezzo fisso è considerata il modo più semplice, oltre che abbastanza trasparente e diretto. Per vendere il tuo NFT appena coniato in questo modo, dovrai solo specificare il prezzo a cui vuoi venderlo. Alcune piattaforme chiedono anche di impostare una percentuale di royalty, l’importo che riceverai in caso di vendite future della tua arte, quindi fai attenzione anche a questo.

Un altro modo per vendere la tua NFT è tramite un’asta in modo che gli acquirenti possano sfogliare e fare offerte per la tua arte digitale. Alcune aste potrebbero essere solo online, mentre altre potrebbero concludersi con un’asta dal vivo a tutti gli effetti. Di solito ne esistono di due tipi.

Il primo tipo è un’asta inglese, un’asta a prezzo crescente in cui alla fine vince l’offerta più alta. Un’asta a tempo è una forma specifica di asta inglese quando un NFT può essere offerto in un periodo di tempo definito e alla fine, il collezionista che ha presentato l’offerta più alta ha vinto. Il secondo tipo è un’asta olandese, un’asta a prezzo decrescente in cui il prezzo scende finché qualcuno non acquista il tuo NFT.

Sta a te scegliere quale modalità di vendita NFT scegliere. Ogni modo ha i suoi pro e contro, sia che si tratti di una possibile mancanza di comprensione del valore reale della tua opera d’arte quando si imposta un prezzo fisso o di una dipendenza dal tempo durante le vendite attraverso le aste.