GE costruisce la pala eolica riciclabile più grande del mondo

Una collaborazione multi-aziendale che produce turbine eoliche riciclabili ha dato i suoi frutti dopo che il consorzio ha prodotto il prototipo della sua turbina eolica completamente riciclabile, ha affermato GE nel suo comunicato stampa.

Mentre il mondo cerca di soddisfare la sua domanda di energia da fonti rinnovabili, la produzione di infrastrutture per l’energia solare ed eolica è aumentata vertiginosamente. Sebbene queste piattaforme aiutino a ridurre le emissioni, stanno creando problemi propri in termini di rifiuti generati, una volta completata la loro vita.

Di cosa sono fatte le turbine eoliche?

Mentre le torri utilizzate per sollevare le turbine sono realizzate in acciaio riciclabile, le pale delle turbine e il principio che tiene le parti critiche per il funzionamento delle turbine non sono così rispettosi dell’ambiente. Le pale della turbina sono progettate per essere leggere e vedono un ampio uso di fibra di vetro e schiuma di plastica termoindurente al loro interno.

Una turbina eolica può durare in genere 20-25 anni, dopodiché deve essere sostituita. Le stime suggeriscono che nei prossimi 20 anni, oltre 720.000 tonnellate di turbine usciranno dal loro servizio e i rifiuti dovranno essere gestiti.

Di fronte alla magnanimità della situazione, la costruzione di ponti con turbine in pensione non si presenta come una strategia a lungo termine per affrontarli.

L’approccio di GE

Nel settembre del 2020, LM Wind Power, una società di energia rinnovabile di GE, ha riunito menti innovative provenienti dai settori della produzione, delle scienze dei materiali e del riciclaggio nell’ambito di un progetto chiamato Zero sprechi Blade ReseArch o ZEBRA per rendere le turbine eoliche il più riciclabili possibile.

Dopo oltre un anno di sviluppo dei materiali, test e prove a livello di sottocomponenti, il consorzio ha progettato e costruito la pala termoplastica più grande del mondo presso lo stabilimento di produzione di LM Wind Power in Spagna.

La lama da 203 piedi (62 m) utilizza resina termoplastica di Arkema e tessuti di vetro di Owens Corning, società partner del progetto ZEBRA. Combinando i due, il progetto afferma di raggiungere i livelli di prestazione di una normale turbina eolica con l’ulteriore vantaggio di essere riciclato alla fine del suo ciclo di vita.

In questo metodo unico, la resina utilizzata nella pala della turbina può essere trattata chimicamente per depolimerizzare e separare dalla fibra, che può essere riutilizzata. Oltre a ciò, il metodo di produzione è automatizzato, il che ha il vantaggio di ridurre gli sprechi e il consumo di energia.

Il progetto ora condurrà test di durata strutturale su vasta scala delle lame, a seguito dei quali verranno convalidati anche i metodi di riciclaggio, afferma il comunicato stampa. La convalida dovrebbe essere completata entro il 2023, dopodiché potrà iniziare la produzione su vasta scala di turbine eoliche riciclabili.

.

Leave a Comment