I cortili delle scuole ricoperti di asfalto di Los Angeles sono un’ingiustizia ambientale

La Castellanos Elementary si trova a soli due isolati dall’autostrada 10 intasata dai veicoli, in una parte del quartiere di Pico-Union con pochi parchi e molte officine di riparazioni auto.

È uno dei nuovi campus del LA Unified School District, costruito 12 anni fa. Ma gli oltre 450 studenti della scuola charter bilingue, quasi tutti latini, non hanno quasi nessuno spazio verde: solo un’area giochi larga 100 piedi di erba e terra ruvida senza un sistema di irrigazione funzionante. Il campus recintato, recintato e recintato è per lo più pavimentato con asfalto che assorbe i raggi del sole e irradia calore per tutto il giorno.

Ci sono pochi alberi per ombreggiare l’asfalto, quindi gli studenti spesso si riuniscono all’ombra degli edifici a due piani della scuola per stare al fresco. I bambini sono costantemente graffiati dall’asfalto, ha detto la responsabile delle operazioni scolastiche Carla Rivera, e nei giorni più caldi a volte devono essere tenuti all’interno.

L’esperienza è tristemente tipica delle scuole di Los Angeles, dove troppi bambini sono costretti a imparare e giocare in campus pavimentati, recintati e spesso privi di alberi che fanno un appropriato paragone con i cortili delle carceri oi parcheggi. Queste condizioni sono dannose per l’apprendimento, la salute e il benessere e particolarmente dannose perché sono così comuni nelle stesse comunità di colore a basso reddito che già soffrono per la mancanza di chioma arborea, spazio nel parco e una maggiore esposizione al calore e all’inquinamento.

I bambini giocano in un campo aperto alla Castellanos Elementary di Los Angeles, una delle poche superfici del campus che non è asfaltata.

(Wally Skalij / Los Angeles Times)

Un campo senza erba, sterrato, con porte da calcio a ciascuna estremità.

Un’area giochi alla Castellanos Elementary di Los Angeles che manca di un sistema di irrigazione funzionante.

(Wally Skalij / Los Angeles Times)

Il nuovo sovrintendente di LA Unified, Alberto Carvalho, ha subito individuato come un problema la mancanza di spazi verdi nei campus distrettuali, sottolineandolo ripetutamente durante le visite scolastiche nelle prime settimane di lavoro. Ha detto al comitato editoriale del Times il mese scorso che “dove mettiamo i bambini a giocare a palla, a fare esercizio, a fare salti mortali, a giocare a campana, non ha senso”. Ha anche notato che molte delle scuole prive di spazio verde si trovano negli stessi quartieri che soffrono di carenza di parchi.

“Quindi, quando mai i bambini riescono a vedere qualcosa di diverso dalla giungla di cemento che li circonda?” disse Carvalho. “Penso che sia nostra responsabilità morale fornirlo”.

Ha promesso di rilasciare un piano entro i suoi primi 100 giorni ai cortili delle scuole verdi, a cominciare dai campus dominati dall’asfalto nei quartieri con la maggiore necessità di spazi aperti. Ha detto che sarebbe stato un “piano sistemico a livello distrettuale” piuttosto che “un approccio simbolico e una tantum”.

‘Quindi, quando mai i bambini riescono a vedere qualcosa di diverso dalla giungla di cemento che li circonda? Penso che sia nostra responsabilità morale provvedere a questo.’

Alberto Carvalho, nuovo sovrintendente di LA Unified

Questo impegno è benvenuto, ma non avrebbe dovuto richiedere una nuova leadership per prestare attenzione a questo problema evidente. Gruppi e sostenitori della comunità hanno lanciato l’anno scorso una campagna per esortare il distretto a rimuovere l’asfalto dai cortili scolastici più lastricati, a sostituirlo con servizi simili a parchi come alberi, terra, pacciame e piante e a fornire al pubblico l’accesso ai propri spazi esterni dopo la scuola e nei fine settimana. Il Los Angeles Living Schoolyards Coalitioncomposto da gruppi comunitari, organizzazioni no profit e ricercatori, vuole che LAUSD rinverdisca 28 siti scolastici in tempo per le Olimpiadi di Los Angeles del 2028.

Non è solo una questione di estetica, ma di opportunità educative e di giustizia ambientale. La ricerca mostra che l’esposizione all’aria aperta e l’accesso allo spazio del parco fanno bene alla salute mentale e fisica e allo sviluppo dei bambini: riducono lo stress, aumentano la capacità di concentrazione e migliorano il rendimento scolastico. La sostituzione dell’asfalto è anche necessaria per proteggere le comunità dal caldo estremo che sta peggiorando con il cambiamento climatico.

I cortili delle scuole di Los Angeles stanno contribuendo all’effetto isola di calore, in cui quartieri con pochi alberi e molte superfici lastricate che assorbono il calore – dove è più probabile che vivano residenti asiatici, neri e latini – può essere 10 gradi in più rispetto alle aree circostanti. Sebbene il riscaldamento globale stia amplificando queste disparità, sono il prodotto di decenni di politiche discriminatorie, tra cui il razzismo ambientale e il ridimensionamento storico, che hanno escluso le comunità di colore dagli investimenti immobiliari, dai parchi e dagli spazi aperti gravandole con industrie inquinanti.

Una mano tiene un lettore di temperatura con 112 gradi sul monitor puntato su uno scivolo blu per bambini in un parco giochi.

Robin Mark mostra una lettura della temperatura superficiale di 112 gradi su una diapositiva alla Castellanos Elementary di Los Angeles. A volte gli studenti devono essere tenuti all’interno a causa del caldo e della mancanza di ombra.

(Wally Skalij / Los Angeles Times)

Fortunatamente, la Castellanos Elementary trasformerà presto una parte del suo caldo paesaggio duro in un cortile di scuola vivente in un progetto che dovrebbe aprirsi quest’anno. Quando sarà completato, ci sarà un campo erboso multiuso, più di due dozzine di nuovi alberi, strutture ludiche, aree all’aperto ombreggiate con panche di tronchi e massi, un arroyo che cattura l’acqua piovana e vernice che riflette la luce solare per raffreddare l’asfalto che rimane , tra gli altri miglioramenti. Il progetto di inverdimento urbano da 1,5 milioni di dollari del Trust for Public Land, modellato su progetti simili a Oakland, New York City e altre comunità, è stato finanziato con fondi statali per il clima dal programma cap-and-trade della California e dai contributi di gruppi filantropici.

Come parte del processo durato anni per pianificare l’inverdimento della scuola, agli studenti di Castellanos è stato chiesto cosa volevano e molte delle loro richieste sono state incorporate nel progetto. La loro lista dei desideri è straziante perché mostra ai bambini la comprensione intuitiva di ciò che meritano e di ciò che è stato loro negato: una pista da corsa color arcobaleno, un gazebo all’ombra, un giardino, un’area giochi nella natura, un nuovo sistema di irrigazione e un “parco giochi per bambini grandi”.

Ma la rimozione di più di 1.500 piedi quadrati di asfalto a Castellanos Elementary è in definitiva solo un progetto in un distretto con più di 1.000 scuole. I gruppi di difesa affermano che, nonostante un certo successo nei singoli siti scolastici, la burocrazia statale e distrettuale rappresenta un ostacolo alla rimozione dell’asfalto dai campus scolastici in tutta la città, a volte a causa delle preoccupazioni per l’aumento dei costi di manutenzione o per i requisiti di spazio per attività come basket, tetherball e quattro piazza che limita il numero di alberi e la quantità di paesaggio che può essere piantato.

“Rendere più ecologici i campus scolastici è più che aggiungere un orto o qualche albero da ombra in un campus; Si tratta di affrontare le ingiustizie sistemiche che crivellano il sistema di istruzione pubblica e devono essere affrontate in modo completo e coordinato “, ha affermato Robin Mark, direttore del programma di Los Angeles per il Trust for Public Land, un’organizzazione no profit che lavora per colmare il divario di equità nell’accesso .ai parchi e all’aria aperta.

Due mappe con evidenziazioni verdi, rosse, arancioni e gialle che mostrano vegetazione/parchi e aree prive di vegetazione.

Le mappe mostrano come l’accesso al parco di Los Angeles migliorerebbe se ogni scuola fosse trasformata in uno spazio verde con accesso pubblico fuori orario.

(La fiducia per il suolo pubblico)

La conversione dei cortili delle scuole costerà denaro, anche se meno di 2 milioni di dollari per scuola, che è molto meno di quanto costerebbe costruire un parco o ampliarne uno esistente. I leader dovrebbero fare di questi progetti una priorità assoluta per garantire finanziamenti pubblici e privati. I gruppi di difesa affermano che ci sono potenziali finanziamenti disponibili da una tassa sui pacchi approvata dagli elettori della contea di Los Angeles per pagare parchi e spazi aperti, nonché soldi messi da parte per trattare e catturare le acque piovane e i fondi per l’inverdimento urbano in Gov. di Gavin Newsom Proposta da 37 miliardi di dollari per combattere il cambiamento climatico.

I funzionari di LA Unified dovrebbero anche lavorare a stretto contatto con l’amministrazione Newsom, che in un piano per il caldo estremo all’inizio di quest’anno ha raccomandato di collaborare con distretti scolastici e gruppi comunitari per accelerare i progetti di ecocompatibilità scolastica nelle comunità vulnerabili al clima. Dovrebbero essere perseguiti anche accordi di uso congiunto per fornire un ragionevole accesso pubblico ai cortili scolastici verdi, ove possibile.

Il problema non è la mancanza di spazio – LAUSD è il più grande proprietario terriero dell’area di Los Angeles – ma come viene utilizzato. Coprire così tanto terreno con la pavimentazione è stata una strategia distrettuale per risparmiare denaro sulla manutenzione (l’asfalto è più facile da curare, giorno per giorno, rispetto a erba, alberi e piante) e per fornire flessibilità per altri usi come le aule portatili. Ma i vantaggi di un ambiente esterno sano in cui i bambini possono giocare e imparare sono più preziosi di così. I dirigenti dei distretti scolastici dovrebbero conoscere meglio e devono lavorare con urgenza per iniziare subito a rendere più ecologici i cortili scolastici.

Due pareti gialle con dei rettangoli su un parco giochi di asfalto grigio scuro.

L’inverdimento dei cortili scolastici costerà denaro, anche se meno di 2 milioni di dollari per scuola, che è molto meno di quanto costerebbe costruire un parco o ampliarne uno esistente.

(Wally Skalij / Los Angeles Times)

Leave a Comment