Il futuro della consulenza nutrizionale

Di Lisa Drayer, CNN

(CNN) — La maggior parte di noi sa che dovremmo mangiare più frutta, verdura e cereali integrali.

Allora perché il National Institutes of Health dovrebbe spendere $ 150 milioni per rispondere a domande come “Cosa e quando dovremmo mangiare?” e “Come possiamo migliorare l’uso del cibo come medicina?”

La risposta potrebbe essere la nutrizione di precisione, che mira a comprendere gli effetti sulla salute della complessa interazione tra la genetica, il nostro microbioma (i batteri che vivono nel nostro intestino), la nostra dieta e il livello di attività fisica e altre caratteristiche sociali e comportamentali.

Ciò significa che ognuno potrebbe avere il proprio insieme unico di requisiti nutrizionali.

Come è possibile? Ho chiesto a tre esperti che conducono ricerche sulla nutrizione di precisione: il dott. Frank Hu, professore di nutrizione ed epidemiologia e presidente del Dipartimento di Nutrizione presso la Harvard TH Chan School of Public Health, e Martha Field e Angela Poole, entrambi assistenti alla divisione di scienze nutrizionali presso il College of Human Ecology della Cornell University.

Di seguito è riportata una versione modificata della nostra conversazione.

CNN: In che modo la nutrizione di precisione è diversa dai consigli nutrizionali attuali?

Dott. Frank Hu: L’idea di un’alimentazione di precisione è avere il cibo giusto, nella giusta quantità, per la persona giusta. Invece di fornire raccomandazioni dietetiche generali per tutti, questo approccio di precisione adatta le raccomandazioni nutrizionali alle caratteristiche individuali, incluso il background genetico, il microbioma, i fattori sociali e ambientali e altro ancora. Questo può aiutare a ottenere risultati di salute migliori.

CNN: Perché non esiste una ricetta valida per tutti quando si tratta di ciò che dovremmo mangiare?

Hu: Non tutti rispondono alla stessa dieta allo stesso modo. Ad esempio, data la stessa dieta dimagrante, alcune persone possono perdere molto peso; altre persone possono aumentare di peso. Un recente studio su JAMA ha randomizzato alcune centinaia di individui in sovrappeso a una dieta sana a basso contenuto di carboidrati o povera di grassi. Dopo un anno, c’è stata una perdita di peso quasi identica per i due gruppi, ma c’era un’enorme variazione tra gli individui all’interno di ciascun gruppo: alcuni hanno perso 20 libbre. Altri hanno guadagnato 10 libbre.

Marta Campo: Gli individui hanno risposte uniche alla dieta e la “regolazione fine” di un’alimentazione di precisione è la comprensione di tali risposte. Ciò significa comprendere le interazioni tra la genetica, le differenze individuali nel metabolismo e le risposte all’esercizio.

CNN: Come mangiamo ora in base a principi di nutrizione di precisione?

Hu: Ci sono alcuni esempi di diete personalizzate per la gestione delle malattie, come una dieta senza glutine per la gestione della celiachia, o una dieta senza lattosio se si è intolleranti al lattosio. Per le persone con una condizione nota come PKU (fenilchetonuria), dovrebbero consumare (a) una dieta priva di fenilalanina. È una condizione rara ma un classico esempio di come i tuoi geni possono influenzare il tipo di diete che dovresti consumare.

Angela Poole: Se avessi una storia familiare di colesterolo alto, diabete o cancro al colon, aumenterei l’assunzione di fibre alimentari, mangiando molte fonti diverse, inclusa una varietà di verdure.

Campo: Se hai la pressione alta, dovresti essere più consapevole dell’assunzione di sodio. Chiunque abbia un problema di malassorbimento potrebbe avere bisogno di livelli più elevati di micronutrienti come le vitamine del gruppo B e alcuni minerali.

CNN: C’è una ricerca che mostra che le persone metabolizzano il caffè in modo diverso. Quali sono le implicazioni qui?

Hu: Alcune persone portano geni che metabolizzano velocemente la caffeina; altri portano geni lenti. Se porti genotipi veloci (metabolizzanti), puoi bere molto caffè con caffeina perché la caffeina viene scomposta rapidamente. Se sei un metabolizzatore lento, diventi nervoso e potresti non riuscire a dormire se bevi caffè nel pomeriggio. Se è così, puoi bere caffè decaffeinato e ottenere comunque i benefici dei polifenoli del caffè, che sono associati a un ridotto rischio di malattie cardiache e diabete senza gli effetti della caffeina.

CNN: Qual è il ruolo dei nostri geni individuali nel rischio di malattie? E il nostro comportamento può mitigare il nostro rischio di malattia?

Hu: La nostra salute è influenzata sia dai geni che dalle diete, che interagiscono costantemente tra loro perché determinati fattori dietetici possono attivare o disattivare alcuni geni correlati alla malattia. Abbiamo pubblicato una ricerca che mostra che la riduzione del consumo di bevande zuccherate può compensare gli effetti negativi dei geni dell’obesità. Questa è davvero una buona notizia. I nostri geni non sono il nostro destino.

Un’altra area della nutrizione di precisione è misurare i metaboliti del sangue o delle urine, piccole molecole prodotte durante la scomposizione e l’ingestione del cibo. Ad esempio, avere una maggiore concentrazione di aminoacidi a catena ramificata (BCAA) predice fortemente il rischio futuro di diabete e malattie cardiovascolari. I livelli ematici di BCAA dipendono dalla dieta, dai geni e dal microbioma intestinale degli individui. Abbiamo scoperto che una dieta sana (in stile mediterraneo) può mitigare gli effetti dannosi dei BCAA sulle malattie cardiovascolari. Quindi misurare i BCAA nel sangue può aiutare a valutare il rischio di sviluppare diabete e malattie cardiovascolari e incoraggiare cambiamenti nella dieta cronica che possono ridurre il rischio di malattie lungo la strada.

Campo: Gli effetti ambientali a volte possono essere della stessa entità degli effetti genetici rispetto al rischio di malattie.

CNN: I nostri microbiomi individuali potrebbero essere in grado di dettare quale tipo di dieta dovremmo consumare. Puoi parlarci di questa ricerca emergente? E cosa ne pensi dei test del microbioma?

Poole: La ricerca ha dimostrato che in alcune persone il livello di zucchero nel sangue aumenta se mangiano banane che se mangiano biscotti, e questo è stato associato alla composizione del microbioma. Gli scienziati hanno utilizzato i dati del microbioma per costruire algoritmi in grado di prevedere la risposta al glucosio di un individuo, e questo è un grande progresso. Ma non è una scusa per me per buttare giù i biscotti invece delle banane. Allo stesso modo, se l’algoritmo suggerisce di mangiare pane bianco invece di pane integrale a causa delle risposte della glicemia, non mangerei solo pane bianco tutto il tempo.

Al momento, non sono pronto a spendere molti soldi per vedere cosa c’è nel mio microbioma intestinale… e il microbioma cambia nel tempo.

Hu: I test del microbioma non sono economici e la promessa che questo test può aiutare a sviluppare un piano alimentare personalizzato in grado di migliorare la glicemia e il colesterolo nel sangue … a questo punto i dati non sono conclusivi.

CNN: In che modo i consigli nutrizionali saranno diversi tra 10 anni?

Poole: Penso che riceverai una lista della spesa personalizzata su un’app: cibi che vuoi acquistare e cibi che vuoi evitare, in base alle risposte della glicemia agli alimenti, al tuo livello di attività fisica e altro ancora.

Hu: Avremo più e migliori biomarcatori e test di nutrigenomica e microbioma più convenienti e accurati, nonché algoritmi informatici migliori che predicono la tua risposta all’assunzione di cibo.

Ma queste tecnologie non possono sostituire principi nutrizionali generali come limitare il sodio e gli zuccheri aggiunti e mangiare cibi vegetali più sani. Tra qualche anno, potresti essere in grado di ottenere una risposta più utile da Alexa se le chiedi cosa dovresti mangiare, ma come altre risposte di Alexa, dovrai prenderla con le pinze.

Il filo della CNN
™ & © 2022 Cable News Network, Inc., una società WarnerMedia. Tutti i diritti riservati.

Leave a Comment