Newsletter della community: Riconsiderare i modelli di roditori, ripensare i primi interventi | Spettro

Illustrazione di Laurene Boglio

I tweet della ricerca sull’autismo di questa settimana hanno suonato più note di cautela: su modelli murini, interventi precoci, associazioni genetiche e pipeline di reclutamento che perdono.

Primo tra i tweet moderati, il campo deve farlo riconsiderare i modelli di roditori, secondo una nuova recensione di Jill Silverman, professore associato di psichiatria e scienze comportamentali presso l’Università della California, Davis. L’articolo è nato da un seminario per esperti di scienze comportamentali e ribadisce l’idea che i topi possono ricapitolare con successo alcuni problemi di neurosviluppo sottostanti ma non modellano perfettamente una condizione reale, come l’autismo, e non potrebbero mai.

“Spero che questo renda la scienza dell’#autismo andare, andare, andare!” Silverman ha twittato.

“Vorrai leggere questo”, ha twittato l’Autism Science Foundation, aggiungendo che il suo chief science officer, Alycia Halladay, che è coautrice della recensione, presenta in anteprima il lavoro nel podcast scientifico settimanale della fondazione.

Anche i ricercatori sull’autismo devono farlo ripensare quanto bene alcuni interventi precoci tradurre attraverso metodi e contesti di consegna, secondo uno studio “che fa riflettere (deludente)”, ha twittato Tony Charman, presidente di psicologia clinica infantile al King’s College di Londra nel Regno Unito. Sebbene un intervento chiamato Pediatric Autism Communication Therapy (PACT) sembri avvantaggiare i bambini se somministrato in clinica, non ha alcun effetto se somministrato sia in ambito domestico che scolastico, ha rilevato il nuovo studio.

Andrew Whitehouse, professore di ricerca sull’autismo presso il Telethon Kids Institute di Perth, in Australia, ha offerto “enormi complimenti al gruppo di studio” in un tweet, aggiungendo: “questo è l’aspetto dell’acquisizione di conoscenze e del progresso scientifico”.

Matthew Hurles, responsabile della genetica umana presso il Wellcome Sanger Institute di Hinxton, nel Regno Unito, ha messo in guardia dal non interpretare erroneamente le sue ultime scoperte, che si è preso la briga di spiegare in un thread di 17 tweet. Lui ei suoi colleghi si sono rivolti alla biobanca britannica per valutare varianti genetiche dannose nei geni vincolati, noto per causare condizioni di sviluppo neurologico. Hanno scoperto che un elevato carico complessivo di tali varianti è associato a una maggiore possibilità di essere senza figli, specialmente negli uomini, e che il legame non è mediato dall’infertilità ma piuttosto da fattori cognitivi e comportamentali.

“Molto importante notare che un elevato carico genetico non è affatto predittivo dell’assenza di figli a livello individuale, la scelta personale e i fattori sociali sono molto più importanti”, ha scritto Hurles. “Non abbiamo scoperto un ‘gene per l’assenza di figli'”.

Jonathan Sebat, professore di psichiatria e medicina cellulare e molecolare all’Università della California, a San Diego, lo ha definito un ottimo articolo che “mostra che l’idoneità riproduttiva è legata agli effetti delle varianti sullo sviluppo e sul comportamento in particolare”.

“Questo è fantastico!” ha twittato il laboratorio di Tuuli Lappalainen al New York Genome Center di New York City.

E un preprint di questa settimana, twittato da PsyArXiv-bot, messo in guardia contro conferma delle diagnosi di autismo per gli studi che vogliono reclutare più donne con la condizione. Il preprint di John Gabrieli, professore di scienze e tecnologia della salute presso il Massachusetts Institute of Technology, e dei suoi colleghi sostiene che “l’affidarsi alla diagnosi di comunità piuttosto che alle valutazioni diagnostiche di conferma ha portato a rapporti significativamente più uguali tra i sessi”, risultati che “forniscono prove per un pipeline di reclutamento per la ricerca “che perde” per le donne nella ricerca sull’autismo”.

Questo è tutto per la newsletter della community di questa settimana! Se hai suggerimenti per post sociali interessanti che hai visto nella sfera della ricerca sull’autismo, sentiti libero di inviare un’e-mail a news@spectrumnews.org.

Cita questo articolo: https://doi.org/10.53053/UFUN7175

Leave a Comment