Nuove intuizioni genetiche sulla causa comune di infarto nelle donne più giovani – Harvard Gazette

La dissezione spontanea dell’arteria coronaria (SCAD), una lacrima in un’arteria che fornisce sangue al cuore, è una causa comune di attacchi cardiaci gravi o fatali che si verificano nelle donne di età inferiore ai 50 anni.

Sebbene la causa della SCAD sia sconosciuta, i fattori di rischio includono sesso femminile, parto recente, crescita irregolare delle cellule nelle pareti delle arterie (displasia fibromuscolare), storia di emicrania, depressione/ansia e uso di ormoni nei contraccettivi orali o nei trattamenti per l’infertilità.

Ora, i ricercatori del Massachusetts General Hospital hanno identificato una potenziale base genetica della SCAD: mutazioni nei geni che controllano la produzione di collagene fibrillare, la proteina più abbondante nella matrice extracellulare o “scaffolding” che dà forma, forza e stabilità ai vasi sanguigni .

Descrivono i loro risultati in uno studio pubblicato su JAMA Cardiology.

“Questo ci mostra che la matrice extracellulare, la parte strutturale del vaso sanguigno, è importante in questo disturbo, in particolare la parte collagene di quella matrice”, afferma Mark E. Lindsay, un ricercatore specializzato in arteriopatia genetica all’MGH.

Sebbene al momento non ci siano terapie che possano aiutare a generare o ripristinare il collagene nei vasi sanguigni, la scoperta fornisce una road map per i ricercatori che studiano la SCAD e potrebbe portare allo sviluppo di nuove terapie o strategie per prevenire la dissezione spontanea dell’arteria negli individui a rischio.

In collaborazione con il laboratorio di Pradeep Natarajan, direttore della cardiologia preventiva dell’MGH, Lindsay e colleghi hanno utilizzato la tecnica genetica nota come sequenziamento dell’intero esoma, che esamina la regione del genoma umano coinvolta nella produzione e nella regolazione delle proteine. Hanno confrontato gli esomi di 130 donne e uomini con SCAD con quelli di 46.468 persone senza SCAD.

Hanno identificato rare varianti genetiche nei geni del collagene fibrillare che insieme si sono verificati a un livello 17 volte superiore rispetto a uno sfondo di altri 2.506 geni trovati nelle arterie coronarie.

Inoltre, hanno scoperto che gli individui con SCAD avevano più probabilità di avere queste cosiddette varianti rare “dirompenti” (anormali) all’interno dei geni del collagene fibrillare rispetto a quelli senza SCAD.

La scoperta è stata ulteriormente supportata dall’evidenza che i topi con copie inattive delle varianti geniche più comuni identificate nei casi di SCAD avevano un rischio maggiore di dissezione arteriosa e ingrossamento rispetto a quelli dei topi wild-type, con conseguenti alterazioni del collagene nei vasi sanguigni. Questo effetto è stato particolarmente pronunciato nei topi femmine.

“I nostri risultati hanno implicazioni per i test genetici di pazienti con SCAD e altre dissezioni arteriose, suggerendo che potrebbe essere utile aggiungere geni per alcune isoforme di collagene aggiuntive agli attuali pannelli di test”, afferma Lindsay.

Il programma multidisciplinare MGH SCAD è stato fondato nell’ambito del programma Corrigan Women’s Heart Health presso MGH da Malissa Wood e i suoi colleghi nel 2013. Il programma fornisce un approccio olistico alla cura dei pazienti SCAD e incorpora valutazioni genetiche cardiache, vascolari e cliniche oltre alla collaborazione con membri del team di riabilitazione cardiaca, ostetrico-ginecologi, psicologi, radiologi e pazienti e le loro famiglie. Centinaia di pazienti hanno ricevuto cure nell’ambito del programma MGH SCAD e sono stati arruolati nel registro di ricerca MGH SCAD utilizzato in questo studio.

“I nostri pazienti sono fortemente motivati ​​ad aiutarci a comprendere meglio la SCAD e a partecipare con entusiasmo a questa importante ricerca genetica”, afferma Wood.

Lo studio è stato supportato da MGH of Cardiology, Division of Cardiology’s Bioreposity (CVBio), Corrigan Women’s Heart Center.

Leave a Comment