Nuovi incroci di animali sotto la I-25 Castle Rock potrebbero aiutare a prevenire le collisioni di veicoli con animali selvatici

PALMER LAKE – Cercare di schivare e intrecciarsi su sei corsie di traffico autostradale interstatale tra le due città più grandi del Colorado – dove 87.000 veicoli al giorno si muovono a 75 mph – non è per i deboli di cuore.

E per la fauna selvatica che tenta di attraversare l’Interstate 25 a sud di Castle Rock, è spesso un risultato letale.

Quasi 200 animali – tra cui 119 cervi, 18 orsi neri, 10 leoni di montagna e un alce – sono stati colpiti dagli automobilisti negli ultimi 4 anni e mezzo sul tratto di 18 miglia della I-25 tra Denver e Colorado Springs noto come il Gap, con conseguenti milioni di dollari di danni alla proprietà e costi per lesioni personali.

Ma ora è in atto un sistema da 20 milioni di dollari per ridurre quelle collisioni fino al 90%: cinque sottopassaggi per la fauna selvatica sostenuti da 28 miglia di recinzioni per la fauna selvatica alte 8 piedi su entrambi i lati dell’autostrada consentiranno un passaggio sicuro per gli animali che migrano quotidianamente nell’area in cerca di cibo, compagni e habitat.

“Tutti i tipi di animali – lo chiami – sono passati di qui”, ha detto Chuck Attardo, responsabile ambientale I-25 presso il Dipartimento dei trasporti del Colorado. “Questo è uno dei più grandi habitat contigui del Front Range che è ancora protetto”.

Preservare l’habitat e fornire alla fauna selvatica un modo per attraversare in sicurezza le migliaia di strade e autostrade del Colorado, che fungono da barriere innaturali al movimento degli animali, è diventata una priorità per i funzionari statali. Gov. Jared Polis ha firmato un ordine esecutivo due anni fa a sostegno della protezione dell’habitat della fauna selvatica e delle rotte migratorie, nonché della sicurezza pubblica.

E alla fine di settembre, il governatore ha annunciato il rilascio del Big Game Migration and Wildlife Connectivity Policy Report, che ha formulato raccomandazioni politiche per mantenere intatto meglio l’habitat animale e ridurre le quasi 4.000 collisioni tra veicoli e animali selvatici che si verificano in media ogni anno in Colorado, causando più di $ 80 milioni di proprietà e danni personali.

Quindi, quando è stato il momento di espandere la I-25 a sud dell’area metropolitana diversi anni fa, il biologo della fauna selvatica e coordinatore dell’uso del suolo Brandon Marette, con Colorado Parks and Wildlife, ha affermato che sarebbe stata l’occasione perfetta per “far progredire la scienza degli incroci della fauna selvatica. “

“Avevamo bisogno di affidabilità di viaggio per gli automobilisti che si recavano tra Denver e Colorado Springs e avevamo bisogno di affidabilità per spostare gli animali tra habitat diversi”, ha affermato. “Questo era il nostro obiettivo: renderlo il più accomodante possibile”.

A tal fine, i sottopassaggi sono grandi – tre di loro sono alti 18 piedi e larghi 100 piedi mentre un altro è largo 300 piedi – e sono fiancheggiati da bastoncini accatastati e vegetazione per replicare un paesaggio naturale. Ci sono anche 67 “rampe di fuga” per gli animali che si ritrovano intrappolati all’interno del corridoio autostradale tra gli incroci.

“Volevamo portare le conoscenze sul campo nella progettazione effettiva di queste strutture”, ha affermato Marette.

Date le sue dimensioni generose, CDOT afferma che la rete di sottopassaggi nel Gap lo rende uno dei più grandi progetti di mitigazione della fauna selvatica del Nord America.

Per alci e cervi, animali da preda che tendono ad essere “ombrosi” nell’entrare in spazi ristretti in cui le loro linee visive per l’attività dei predatori sono limitate, i sottopassi più grandi e più ampi sono cruciali, ha affermato. I primi filmati di videosorveglianza hanno mostrato alci, cervi e un orso che già utilizzavano i tunnel.

“È stato molto incoraggiante”, ha detto Marette.

I funzionari della fauna selvatica avranno un’idea migliore di quanti animali entreranno nei tunnel della I-25 tra pochi anni. Solo tre settimane fa, hanno iniziato a installare 59 videocamere lungo il corridoio che cattureranno l’attività ad ogni incrocio.

Ci sono anche piani per un enorme cavalcavia per la fauna selvatica da 20 milioni di dollari vicino all’uscita della Groenlandia, che misura 400 piedi di lunghezza per 200 piedi di larghezza e in gran parte rivolto agli alci. L’inaugurazione del cavalcavia è prevista provvisoriamente per il 2023.

Le lezioni sull’efficacia degli attraversamenti in Colorado possono essere tratte da uno studio quinquennale condotto da CPW e CDOT e pubblicato a marzo sulle sette strutture di attraversamento della fauna selvatica installate sul Colorado 9 tra Kremmling e Green Mountain Reservoir.

La ricerca ha documentato 112.678 passaggi riusciti di cervi muli attraverso le sette strutture, con un tasso di successo complessivo del 96% e ha dimostrato il successo delle strutture di attraversamento nel mantenere la connettività per i cervi muli attraverso l’autostrada per tutte le classi di età e genere della popolazione. relazione dichiarata.

Il rapporto stima una diminuzione del 92% degli incidenti con veicoli della fauna selvatica segnalati alle forze dell’ordine in quel tratto di strada e “il conteggio delle carcasse supplementari del 90% rispetto ai livelli pre-costruzione”. Ciò si traduce in una media di 13 incidenti in meno e 56 morti in meno di cervi muli ogni anno, secondo il rapporto.

Hyoung Chang, Il Denver Post

Recinti di cervi alti otto piedi vicino al cantiere di un sottopasso per la fauna selvatica sulla I-25 vicino all’uscita 163 di County Line Road a Monument martedì 19 novembre 16, 2021.

Leave a Comment