Decine di miliardi di dollari di proprietà che affrontano il clima e il rischio di erosione, mostra l’analisi

Le mareggiate, l’innalzamento del livello del mare e l’erosione delle spiagge potrebbero minacciare proprietà residenziali australiane per un valore di 25 miliardi di dollari nei prossimi 30 anni, secondo un’analisi dei dati sui rischi costieri.

La società di servizi finanziari e analisi CoreLogic ha utilizzato 30 anni di dati sulle maree e sul ritiro della costa per calcolare una valutazione del rischio climatico per le proprietà residenziali entro 800 metri dalla costa.

Il Queensland ha la più alta concentrazione di proprietà nella categoria di rischio “Molto alto”, in particolare nelle aree densamente popolate di Sunshine Coast e Gold Coast.

Il dottor Wiart, responsabile delle soluzioni per il clima e la gestione del rischio, ha affermato che sarebbe caso per caso, ma i proprietari di immobili “devono averlo in mente”, soprattutto se hanno mutui a lungo termine.

Anche il New South Wales, la Tasmania e l’Australia meridionale avevano un gran numero di singole case classificate a rischio fisico e finanziario “Molto alto” a causa della loro vicinanza alla costa, bassa elevazione, erosione del litorale e valori immobiliari elevati.

Top 10 periferie per numero di edifici più a rischio

Sobborgo

No. di abitazioni

Abitazioni in appartamento

Valore dell’immobile a rischio

Paradise Point, QLD

406

43

$ 1.466,9 milioni

Cronulla, NSW

8

254

$ 486,4 milioni

Porto di Melbourne, VIC

29

202

$ 483,8 milioni

Manly, NSW

21

109

$ 462,1 milioni

Aspendale, VIC

112

136

$ 455,3 milioni

Runaway Bay, QLD

136

219

$ 424,1 milioni

Brighton, VIC

50

43

$ 415,4 milioni

Caloundra, QLD

20

523

$ 380,5 milioni

Collaroy, NSW

34

74

$ 375,9 milioni

Spiaggia dorata, QLD

100

294

$ 340,6 milioni

Fonte: CoreLogic

Paradise Point è in cima alla lista dei sobborghi con il maggior numero di case ad altissimo rischio di cambiamento climatico.(Notizie ABC: Ashleigh Stevenson)

Paradise Point si trova all’estremità settentrionale della Gold Coast, dove più di 6.500 persone vivono nelle comunità chiuse sul Broadwater e sui canali artificiali.

Le barche di lusso sono in abbondanza e l’impennata dei prezzi degli immobili ha visto il valore medio della casa superiore a $ 1,5 milioni.

Ma CoreLogic ha scoperto che la periferia blue-chip ha la più alta concentrazione di case unifamiliari più vulnerabili ai cambiamenti climatici.

Il rapporto afferma: “Come conseguenza del loro alto valore al dettaglio, stimato in 1,4 miliardi di dollari in 6,4 chilometri quadrati, nessun altro sobborgo ha una concentrazione così elevata di ricchezza residenziale soggetta ad alto rischio costiero”.

Anche i sobborghi di Sydney di Cronulla e Manly si classificano in alto a causa dei loro elevati valori di appartamenti residenziali e della densità di condomini nelle immediate vicinanze della costa.

Port Melbourne nel Victoria ha ricevuto una valutazione di rischio simile.

Il sindaco di Bayside City, Alex del Porto, ha detto a ABC Radio Melbourne che il suo consiglio stava usando sacchi di sabbia e rifornendo la spiaggia per proteggere i tratti della sua costa a Brighton, ma ha avvertito che “non è solo Dendy Street Beach”.

“Abbiamo 17 chilometri di battigia e stiamo davvero assistendo all’erosione su tutto il nostro litorale e su tutta la baia”, ha detto.

Il signor del Porto ha attribuito il problema all’innalzamento del livello del mare e alle mareggiate e ha invitato i governi statali e federali a installare meccanismi di protezione come frangiflutti e inguine per fermare l’erosione.

“Altrimenti perderemo tutte le spiagge nel modo in cui stiamo andando”, ha detto.

Il cambiamento climatico COVID aumenta il rischio

Negli ultimi due anni, la popolarità del lavoro da casa è stata un catalizzatore per molte persone che si sono trasferite dalle capitali alle aree regionali.

“Non è tanto che il [climate change] il rischio stesso è aumentato drammaticamente di recente, ma è il fatto che, come società, viviamo più vicino al mare”.

I dati di CoreLogic mostrano che una casa residenziale, appartamenti e fattorie su 10 si trovano entro 1 chilometro dalla costa australiana, per un valore di oltre 1 trilione di dollari di ricchezza immobiliare.

Una casa della Tasmania su cinque è stata costruita entro 1 km dalla costa, mentre il Queensland ha proprietà per un valore di $ 218,4 miliardi di dollari nella stessa zona, con la più alta concentrazione di ricchezza a Brisbane, Sunshine Coast e Gold Coast.

Una donna sta scattando foto su una spiaggia fortemente erosa
Wollongong ha una delle più alte concentrazioni di ricchezza di proprietà residenziali a rischio nel NSW.(ABC Illawarra: Timothy Fernandez)

Nel New South Wales, questi mercati si trovano sulla costa centrale, a Newcastle, nella Greater Sydney ea sud fino a Wollongong nell’Illawarra.

Anche la costa meridionale di Victoria e la costa metropolitana di Adelaide sono elencate come prime regioni costiere.

Il punteggio potrebbe influire sulla capacità di ottenere un mutuo per la casa, un’assicurazione

CoreLogic ha affermato che mentre le mareggiate presentano un rischio immediato per le proprietà costiere, anche l’erosione costiera graduale avrebbe un impatto significativo nel tempo.

Il dottor Wiart ha detto che era qualcosa che le banche dovevano considerare quando concedono mutui per la casa.

“La prima istanza è che l’istituto finanziario riceva una sorta di bandiera rossa o venga avvisato”, ha affermato il dottor Wiart.

“E poi forse per affrontarlo a lungo termine se hanno molti asset messi a rischio”.

L’Insurance Council of Australia ha affermato che la pianificazione dell’eredità da parte dei governi australiani ha lasciato alcune comunità costiere altamente vulnerabili alle inondazioni di marea e all’erosione costiera.

Ha confermato che la maggior parte dei proprietari di case non sarebbe stata coperta per “azioni del mare”.

Ma un portavoce del consiglio ha affermato che l’industria è disposta a lavorare con i governi su misure in risposta ai cambiamenti climatici, inclusa la riscrittura di codici di pianificazione e costruzione che, a suo avviso, svolgono un ruolo fondamentale nel garantire assicurazioni convenienti.

CoreLogic ha affermato che sarebbe saggio per i comuni riconsiderare i permessi di pianificazione per futuri sviluppi in aree ad alto rischio.

“È già stato stabilito che tali rischi sono presenti, quindi è decisamente saggio e di buon governo… e che le comunità valutino tali rischi e siano abbastanza onesti al riguardo”, ha affermato il dott. Wiart.

.

Leave a Comment