Il sondaggio State Of Switch mette in evidenza NSO, Joy-Con Drift e speranze per una lunga generazione:

Immagine: Nintendo Life:

All’inizio di febbraio ti abbiamo indirizzato verso il 2022 State of Switch Survey, un processo annuale gestito da Switch Weekly che intervista migliaia di persone su un’ampia gamma di argomenti. I risultati di queste voci sono stati ora pubblicati e vale la pena leggerli; ci sono stati alcuni risultati interessanti, se non necessariamente sorprendenti.

Eravamo particolarmente interessati alla sezione Nintendo Switch Online, con lo sfondo che Nintendo ha confermato il Mario Kart 8 Deluxe Booster Course Pack per l’Expansion Pack durante il processo di sondaggio. Per cominciare, l’88,9% degli intervistati ha confermato di avere l’abbonamento NSO standard, il che non sorprende in quanto è un requisito per il gioco online (e i salvataggi nel cloud). Oltre un terzo delle persone approfitta dell’appartenenza alla famiglia, con oltre il 55% di coloro che lo fanno con un gruppo che include amici e “altri”, consentendo agli utenti di accedere a un prezzo basso.

L’adozione dell’Expansion Pack, tuttavia, rimane modesta. Il sondaggio ha mostrato che solo il 32,1% degli intervistati iscritti a NSO è passato al servizio più recente. Anche dopo l’aggiunta del contenuto di MK8, solo circa un terzo degli intervistati afferma che “ripensaci”. Le lamentele comuni da parte di coloro che hanno scelto di non aggiornare erano familiari: sembra che molti possessori di Switch ritengano che sia troppo costoso e non offra abbastanza valore.

Nel frattempo, su quel vecchio argomento della deriva dei Joy-Con, un enorme 68% + degli intervistati ha affermato di aver riscontrato il problema, un numero che continua a crescere man mano che i sistemi e i controller invecchiano. Circa un quarto ha dichiarato di aver acquistato sostituzioni “più di una volta”, mentre il controller Pro e le alternative Joy-Con di terze parti sono popolari. Da un lato l’età del sistema e dei controller non sorprende, ma ciò nonostante è stato sicuramente uno degli aspetti negativi più notevoli della generazione Switch fino ad oggi.

Il sondaggio fornisce anche un interessante promemoria del fatto che la base di appassionati di possessori di Switch pone ancora un’enfasi significativa sulle copie fisiche dei giochi. La percentuale combinata degli intervistati di titoli “digitali” rispetto alle cartucce era del 53% di download; se si considera quanti giochi sono scaricabili solo su Switch, in realtà è un numero piuttosto basso. Questo è un rapporto che è appena cambiato negli anni del sondaggio, dimostrando che il mercato fisico è ancora vivo e vegeto per i giochi Switch, almeno tra i fan devoti.

La sezione finale che metteremo in evidenza riguarda i pensieri dei fan sulla longevità della generazione Switch. La risposta mediana a “quanti anni ancora i possessori di Switch si aspettano/sperano che Nintendo continuerà a supportare la piattaforma:“sono trascorsi quattro anni, portandoci al 2026. Ciò corrisponde alle dichiarazioni pubbliche di Nintendo secondo cui ritiene che lo Switch sia circa a metà del suo ciclo di vita e gli intervistati probabilmente includono ancora una forma di “Pro” o un aggiornamento come parte del ciclo di vita di Switch. Considerando il fatto che oltre il 22% degli intervistati abbia già uno Switch OLED, a pochi mesi dal suo rilascio, è chiaro che c’è ancora una ragionevole soddisfazione per ciò che la piattaforma Switch ha da offrire, anche quando si tratta solo di aggiornamenti relativi alla batteria, alla qualità costruttiva o allo schermo.

Il sondaggio ha un sacco di statistiche interessanti (sì, i fan vogliono ancora un ritorno di F-Zero), quindi ti consigliamo di dare i risultati completi di dare un’occhiata al link qui sotto.

.

Leave a Comment