La testa di Roscosmos mette nuovamente in discussione il futuro della ISS mentre la NASA sottolinea la cooperazione

WASHINGTON – Il capo di Roscosmos ha rinnovato le minacce di porre fine alla partecipazione russa alla Stazione Spaziale Internazionale anche se la NASA afferma che le operazioni alla stazione rimangono normali.

Dmitry Rogozin, capo di Roscosmos, ha pubblicato il 2 marzo un collegamento sul suo account Twitter a un video dell’emittente statale russa Russia Today. Nel video, Rogozin ha suggerito che avrebbe riconsiderato la cooperazione sulla ISS se gli Stati Uniti avessero mantenuto le sanzioni alla Russia per la sua invasione dell’Ucraina.

“Gli americani sono persone pragmatiche. Vogliono mantenere la cooperazione con la Russia all’interno della Stazione Spaziale Internazionale nonostante le numerose sanzioni “, ha affermato Rogozin tramite un traduttore. “Come mai? Perché è impossibile gestire la stazione spaziale senza di noi. Siamo responsabili della navigazione e della consegna del carburante. Non sto parlando dell’interdipendenza di tutti i sistemi di controllo”.

“Pertanto, controlleremo da vicino le azioni dei nostri partner americani e, se continueranno a essere ostili, torneremo sulla questione dell’esistenza della Stazione Spaziale Internazionale”, ha affermato. “Non mi piacerebbe uno scenario del genere perché mi aspetto che gli americani si calmino”.

In un’intervista separata con il servizio di notizie russo TASS, Rogozin ha offerto commenti simili, ma ha suggerito di riferirsi al futuro della ISS dopo il 2024, piuttosto che a una sospensione a breve termine della cooperazione. “Come faranno a far fronte a questa ISS allora? Non lo so “, ha detto in una traduzione dell’articolo in lingua russa.

In contrasto con la retorica di Rogozin, la sua controparte della NASA ha sottolineato la continua cooperazione con la Russia alla stazione. “Nonostante le sfide qui sulla Terra, e sono sostanziali, la NASA si è impegnata con i sette astronauti e cosmonauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale”, ha affermato l’amministratore della NASA Bill Nelson in un commento durante una riunione del 1 marzo del Consiglio consultivo della NASA.

“La NASA continua il suo rapporto di lavoro con tutti i nostri partner internazionali per garantire la loro sicurezza e le continue operazioni sicure della ISS”, ha affermato. Questi sono gli unici commenti pubblici che Nelson ha fatto sulla partnership con la ISS da quando la Russia ha iniziato la sua invasione dell’Ucraina. 24.

Altri funzionari dell’agenzia hanno enfatizzato le normali operazioni in corso della stazione, anche mentre fanno un po’ di pianificazione se ciò dovesse cambiare. “Cerchiamo sempre come ottenere una maggiore flessibilità operativa”, ha affermato Kathy Lueders, amministratore associato della NASA per le operazioni spaziali, in un febbraio 2019. 28 briefing sulla prossima missione commerciale dell’Ax-1 alla stazione. “I nostri fornitori di merci stanno esaminando come aggiungere diverse capacità”.

Un esempio che ha citato è stata la navicella cargo Cygnus di Northrop Grumman. La navicella spaziale NG-17 Cygnus arrivata alla stazione il 12 febbraio 21 effettuerà un test ad aprile della sua capacità di rilanciare la stazione con i suoi propulsori, un servizio che oggi è fornito solo dalla navicella cargo Russian Progress e dal segmento russo della stazione stessa. Ha detto che SpaceX potrebbe fornire anche “capacità aggiuntive” non specificate.

“Ci siamo guardati più da una prospettiva di flessibilità operativa”, ha affermato, riconoscendo che non ci sono piani per la NASA e altri partner della ISS occidentale per gestire la stazione senza la Russia.

Un consulente della NASA raccomanda che la NASA lavori su piani di emergenza. “Quando parlo con i miei amici che sono ancora al lavoro presso il centro di controllo della ISS, stanno operando normalmente e speriamo sicuramente che rimangano gli stessi”, ha affermato Wayne Hale, ex direttore del volo dello shuttle e responsabile del programma dello shuttle che attualmente fa parte del Consiglio consultivo della NASA, alla riunione del consiglio del 1 marzo.

“Ma questo vecchio direttore di volo ritiene che la situazione indichi che la NASA dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di radunare una squadra di tigri per preparare piani di emergenza nel caso in cui la situazione cambi”, ha aggiunto. “Speriamo che non accada, ma ci siamo sempre preparati per gli imprevisti”.

Un altro membro del consiglio ha espresso la speranza di una continua cooperazione con la Russia sulla ISS. “Ora è il momento di fare un grande affare sulla nostra eccitazione per lo spazio e anche, se dura – e apprezzo la cautela – la nostra collaborazione con la Russia sulla stazione spaziale”, ha detto Jane Harman, un ex membro del Congresso. “Potrebbe avere un futuro che potrebbe essere una buona cosa”.

Leave a Comment