L’ESCLUSIVO USA aumenta le multe per le case automobilistiche che non rispettano le regole sul risparmio di carburante nella vittoria di Tesla

Il traffico è visto su un’autostrada a New York, USA, 2 luglio 2021. REUTERS / Eduardo Munoz

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

WASHINGTON, 27 marzo (Reuters) – La National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) degli Stati Uniti ha ripristinato domenica un forte aumento delle sanzioni per le case automobilistiche i cui veicoli non soddisfano i requisiti di efficienza del carburante per gli anni modello 2019 e oltre.

La decisione è stata una vittoria per Tesla (TSLA.O) che potrebbe costare ad altre case automobilistiche centinaia di milioni di dollari o più.

Confermando un precedente rapporto di Reuters, NHTSA ha affermato che la decisione “aumenta la responsabilità dei produttori per aver violato gli standard di risparmio di carburante della nazione” e l’aumento della sanzione “incentiva i produttori a migliorare il risparmio di carburante”.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

L’amministrazione del presidente Donald Trump nei suoi ultimi giorni di gennaio 2021 ha ritardato un regolamento del 2016 che ha più che raddoppiato le sanzioni per le case automobilistiche che non soddisfano i requisiti CAFE (Corporate Average Fuel Economy) a partire dall’anno modello 2019.

La regola finale di NHTSA, che entra in vigore 60 giorni dopo la sua pubblicazione, ha ripristinato le sanzioni più elevate e le ha ulteriormente aumentate per l’anno modello 2022. L’agenzia non ha riscosso sanzioni per gli anni modello dal 2019 al 2021 mentre la questione era in fase di revisione ed è oggetto di impugnazioni giudiziarie.

La regola finale è stata firmata giovedì dall’alto funzionario della NHTSA, Steven Cliff, prima della sua pubblicazione ufficiale.

Per gli anni modello dal 2019 al 2021, la multa è di $ 14, rispetto a $ 5,50, per ogni 0,1 miglia per gallone di nuovi veicoli non conformi agli standard di consumo di carburante richiesti, moltiplicati per il numero di veicoli non conformi venduti. Per l’anno modello 2022, questo sale a $ 15.

Le case automobilistiche hanno protestato contro l’aumento delle sanzioni nel 2016, avvertendo che potrebbero aumentare i costi del settore di almeno $ 1 miliardo all’anno. La decisione dovrebbe costare alla casa madre di Chrysler Stellantis (STLA.MI), ad esempio, fino a $ 572 milioni secondo le stime precedenti della società, aumentando al contempo il valore dei crediti di conformità venduti da Tesla.

Le case automobilistiche i cui veicoli ottengono un risparmio di carburante superiore a quello richiesto possono vendere crediti alle case automobilistiche che non soddisfano le regole CAFE.

Sotto il presidente Barack Obama, le sanzioni più elevate avrebbero dovuto iniziare con l’anno modello 2019, ma l’amministrazione Trump ha fissato la data di entrata in vigore come anno modello 2022 a seguito di una decisione del tribunale.

NHTSA ha stimato che per l’anno modello 2019, le case automobilistiche dovrebbero $ 294 milioni al nuovo tasso, rispetto a $ 115,4 milioni al di sotto del tasso precedente.

NHTSA ha aggiunto che le case automobilistiche che hanno pianificato per il 2019 fino al 2021 “pensando che le sanzioni non sarebbero aumentate lo hanno fatto a proprio rischio”.

Il capo di un gruppo commerciale che rappresenta quasi tutte le principali case automobilistiche tranne Tesla ha detto domenica che sarebbe un “risultato migliore” se le sanzioni “fossero investite in veicoli elettrici, batterie e infrastrutture di ricarica invece di scomparire nel fondo generale del Tesoro”.

Ad agosto, la NHTSA ha proposto di aumentare i requisiti CAFE dell’8% annuo per il 2024 fino al 2026, invertendo un regolamento dell’era Trump che annullava requisiti più elevati a partire dall’anno modello 2021. L’NHTSA dovrebbe emettere le sue regole CAFE finali fino al 2026 questa settimana.

Domenica, Stellantis ha affermato che vorrebbe “lavorare con l’amministrazione e il Congresso per consentire alle agenzie di utilizzare i proventi delle sanzioni per sostenere gli investimenti nelle tecnologie e nelle infrastrutture necessarie per accelerare un solido mercato statunitense per i veicoli elettrici”.

Tesla non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Il Congresso nel 2015 ha ordinato alle agenzie federali di adeguare le sanzioni civili per tenere conto dell’inflazione. Le multe statunitensi per il risparmio di carburante hanno perso il 75% del loro valore originale, essendo aumentate solo una volta dal 1975, da $ 5 a $ 5,50 nel 1997.

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Segnalazione di David Shepardson; Montaggio di Cynthia Osterman

I nostri standard: i principi di fiducia di Thomson Reuters.

.

Leave a Comment