Elon Musk rischia una nuova lotta con la SEC per il rapporto in ritardo sul palo di Twitter

Elon Musk potrebbe aver appena scelto un’altra battaglia con la Securities and Exchange Commission, creando una potenziale resa dei conti su come ha rivelato il suo investimento in Twitter.

L’amministratore delegato di Tesla lunedì ha rivelato di aver acquisito una partecipazione del 9,2% in Twitter, rendendolo il suo maggiore azionista, in una SEC modulo che gli investitori sono tenuti a presentare quando possiedono più del 5% di una società. Il deposito, datato 14 marzo, ha rivelato che Musk ha acquistato circa 73,5 milioni di azioni per circa 2,9 miliardi di dollari.

Ma gli esperti di legge sulla sicurezza affermano che il deposito è arrivato diversi giorni dopo il dovuto, perché la SEC richiede a chiunque acquisisca più del 5% della quota comune di una società di rivelare le proprie partecipazioni entro 10 giorni di calendario.

Musk sembra aver aspettato 21 giorni dopo il 14 marzo per presentare il modulo. Un portavoce di Musk non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Elon Musk, CEO di Tesla, partecipa all’inaugurazione della fabbrica Tesla di Berlino Brandeburgo a Gruenheide, in Germania, martedì 22 marzo 2022. (Patrick Pleul / Pool tramite AP / AP Newsroom)

“È sconcertante”, ha detto a FOX Business Marc Steinberg, professore di diritto presso la Southern Methodist University School of Law. “Ovviamente ha un’ottima consulenza legale, soprattutto per quanto riguarda la presentazione di un modulo alla SEC e quando presentarlo”.

ELON MUSK ACQUISTA PARTECIPAZIONE IN TWITTER DOPO AVER SBAGLIATO IL SUO APPROCCIO ALLA “LIBERA PAROLA”

Inoltre, il documento che Musk ha registrato presso la SEC – modulo 13G – indica che intendeva essere un investitore passivo e che non intendeva assumere un ruolo più ampio nella società. Tali moduli richiedono all’azionista di includere una certificazione in cui si afferma di non aver acquisito le azioni per influenzare o controllare la società. Musk non ha incluso quella dichiarazione nel suo modulo; ha scritto “non applicabile”.

L’annuncio di Twitter di martedì che Musk entrerà a far parte del consiglio di amministrazione dopo “conversazioni nelle ultime settimane” potrebbe complicare ulteriormente le cose. Musk ha lasciato intendere che spera di apportare “miglioramenti significativi” all’azienda nei prossimi mesi; il suo mandato scade nel 2024.

Gli azionisti che sperano di ricoprire una posizione nel consiglio di amministrazione o di cambiare in altro modo la società sono generalmente tenuti a presentare un modulo più lungo e approfondito noto come 13D entro 10 giorni dall’acquisto di almeno una quota del 5%.

“[Musk] essere un candidato alla carica di amministratore non è un investitore passivo”, ha affermato Steinberg, un ex avvocato responsabile delle forze dell’ordine presso la SEC. “Penso che sia praticamente un consenso sul punto di vista che un amministratore abbia la capacità di influenzare le politiche e le pratiche dell’organizzazione. , e quella persona non è un investitore passivo”.

“Sappiamo anche da Elon che una delle sue cose preferite da fare è trollare la SEC. La mia presunzione è che potrebbe essere sul vago di proposito.”

È probabile che la SEC indagherà Musk su quando esattamente ha raggiunto la soglia del 5% delle azioni che richiede agli azionisti di segnalare le proprie partecipazioni, secondo Michael Dambra, professore associato di contabilità e diritto presso l’Università di Buffalo.

Se la SEC determinasse che Musk ha violato la regola di divulgazione, potrebbe essere colpito da una sanzione pecuniaria, che è storicamente piuttosto piccola, circa $ 100.000. Una multa di quelle dimensioni sarebbe solo uno schiaffo sul polso per Musk, che è la persona più ricca del mondo con un patrimonio netto di $ 288 miliardi, secondo il Bloomberg Billionaire Index.

“Sappiamo anche da Elon che una delle sue cose preferite da fare è trollare la SEC”, ha detto. “La mia presunzione è che potrebbe essere sul vago di proposito.”

Il sigillo della US Securities and Exchange Commission è appeso al muro della sede della SEC (Reuters / Jonathan Ernst / Foto Reuters)

Dambra ha detto che pensa che anche la SEC sarà interessata all’intento di Musk con l’investimento del 9,2%, dato l’annuncio immediato che entrerà a far parte del consiglio. Non è chiaro quali siano le intenzioni di Musk con l’acquisto o il posto nel consiglio.

Negli ultimi mesi, il fondatore di SpaceX ha lanciato una raffica di critiche rivolte a Twitter, che ha accusato di soffocare la libertà di parola. In un tweet di martedì, Musk ha lasciato intendere che spera di apportare “miglioramenti significativi” a Twitter nei prossimi mesi dopo essere stato nominato nel consiglio di amministrazione dell’azienda, un mandato che scade nel 2024.

“In definitiva, ciò che è interessante qui è, quali sono le conseguenze?” disse Dambra. “Storicamente, come vedete, le punizioni per la divulgazione, di solito sono piccole, circa $ 100.000. Sono piuttosto piccole. Ha importanza per Elon rispetto alla sua capacità di troll? Probabilmente no.”

Questo non sarebbe il primo incontro di Musk con la SEC.

Nel settembre 2018, la SEC ha accusato Musk di aver reso “falso e fuorviante” gli investitori dopo aver twittato bruscamente ad agosto che stava pensando di prendere Tesla private a $ 420 per azione e si era già assicurato il finanziamento (le azioni di Tesla sono aumentate vertiginosamente sul tweet iniziale, in aumento di oltre il 10%). L’accordo a cui si riferiva Musk non è mai andato a buon fine.

CLICCA QUI PER LEGGERE DI PIÙ SU FOX BUSINESS

Musk e Tesla alla fine hanno concordato un accordo con il governo che richiedeva a entrambi di pagare $ 20 milioni di multe alla SEC. Musk ha anche dovuto rinunciare al suo ruolo di presidente del consiglio di amministrazione della società, mentre Tesla è stata costretta a mettere in atto controlli per supervisionare la comunicazione online di Musk.

Il mese scorso, Musk ha chiesto a un giudice federale di cancellare l’accordo raggiunto, sostenendo che la SEC sta abusando della sua politica sui social media per indagare continuamente sulle sue dichiarazioni. La SEC ha negato tale accusa.

Leave a Comment