Galassia attiva RXJ0134.2-4258 studiata in dettaglio

Gli spettri di raggi X di RX J0134.2-4258 osservati da XMM-Newton. Anche gli spettri ROSAT (arancione) e ASCA (verde) vengono tracciati per il confronto. Credito: Jin et al., 2022.

Utilizzando i satelliti XMM-Newton e NuSTAR, gli astronomi hanno condotto uno studio completo ea lungo termine a più lunghezze d’onda di una galassia attiva nota come RXJ0134.2-4258. I risultati della campagna di osservazione, pubblicati il ​​25 marzo su arXiv.org, fanno più luce sulla natura di questa sorgente, rivelandone le peculiari proprietà.

I nuclei galattici attivi (AGN) sono buchi neri supermassicci in accrescimento che risiedono al centro di alcune galassie, emettendo potenti radiazioni ad alta energia mentre accrescono gas e polvere. Questi nuclei possono formare getti, aventi per lo più forme cilindriche, coniche o paraboliche, che si osservano anche su scale megaparsec.

Le galassie di Seyfert1 (NLS1) a linea stretta sono una sottoclasse di AGN, caratterizzata da una larghezza di linea di Balmer (Hβ), che è stretta rispetto all’AGN a linea larga standard, ma comunque più ampia delle linee strette. Di solito hanno masse di buchi neri più piccole e rapporti di Eddington più elevati rispetto all’intera popolazione AGN, tuttavia, alcuni NLS1 possono accumularsi con rapporti di Eddington normali o bassi.

Con uno spostamento verso il rosso di 0,237, RXJ0134.2-4258 è una di queste galassie NLS1. Scoperta nel 1999 dall’indagine ROSAT all sky, la galassia mostra uno spettro ottico tipico di un NLS1 estremo, comprese le strette linee di Balmer. Si stima che la massa del buco nero in questo sistema sia di circa 15 milioni di masse solari, mentre il suo rapporto di Eddington è stato calcolato essere relativamente alto, a un livello di circa 10,0.

Precedenti osservazioni di RXJ0134.2-4258 hanno scoperto che mostra alcune proprietà altamente insolite rispetto ad altri tipici NLS. Ad esempio, mostra una notevole variabilità dei raggi X, simile a un complesso di raggi X NLS1, ma lo spettro diventa più difficile quando più luminoso, cosa che normalmente non si osserva negli AGN con rapporti di Eddington elevati. Un team di astronomi guidato da Chichuan Jin dell’Università dell’Accademia cinese delle scienze di Pechino, in Cina, ha ispezionato questa sorgente ai raggi X utilizzando XMM-Newton e NuSTAR, sperando di far luce su questa natura sconcertante.

I due telescopi spaziali hanno osservato RXJ0134.2-4258 in uno dei suoi stati di flusso di raggi X più bassi. È stato scoperto che gli spettri dei raggi X nella media temporale di questa sorgente hanno mostrato variazioni drammatiche in termini sia di flusso che di forma spettrale negli ultimi 23 anni. È stato aggiunto che in nessuno di questi spettri è stato rilevato alcun significativo eccesso di soft.

I ricercatori hanno sottolineato che lo spettro medio temporale delle osservazioni di XMM-Newton ha mostrato un forte aumento al di sopra di 4 keV, suggerendo la presenza di una componente separata di raggi X duri. Hanno anche eseguito un’analisi del ritardo temporale, scoprendo che questo componente è in ritardo rispetto ai raggi X morbidi di circa 4.000 secondi nella banda delle basse frequenze. Nessun altro ritardo è stato trovato al di sotto di 4 keV.

Inoltre, gli astronomi hanno confrontato i loro risultati con studi precedenti su RXJ0134.2-4258. Di conseguenza, è stato scoperto che questo NLS1 ha sperimentato proprietà di temporizzazione spettrale dei raggi X molto diverse durante i suoi stati di basso e alto flusso di raggi X, il che include una variabilità dei raggi X molto più debole nello stato di basso flusso.

Gli autori dell’articolo hanno concluso che le proprietà osservate e la variabilità dei raggi X di RXJ0134.2-4258 possono indicare la presenza di un vento a disco grumoso in questa sorgente. Hanno aggiunto che tali venti sono previsti in NLS1 altamente super-Eddington.


I ricercatori scoprono una galassia Seyfert 1 a linea stretta simile a un blazar


Maggiori informazioni:
Chichuan Jin et al, Campagna multi-lunghezza d’onda sul Super-Eddington NLS1 RX J0134.2-4258 – I. Spettri e variabilità dei raggi X peculiari. arXiv:2203.13419v1 [astro-ph.HE]arxiv.org/abs/2203.13419

© 2022 Rete Scienza X

Citazione: Galassia attiva RXJ0134.2-4258 studiata in dettaglio (2022, 4 aprile) recuperata il 5 aprile 2022 da https://phys.org/news/2022-04-galaxy-rxj01342-.html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza il permesso scritto. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

Leave a Comment