I democratici si trovano sulla difensiva sui prezzi del gas

Quando Rep. Mike Levin è tornato a casa, il democratico della California racconta agli elettori delle tre P che secondo lui sono responsabili del prezzo del gas che ha superato i 6 dollari al gallone: ​​la pandemia, Vladimir Putin e il presunto sgombero dei prezzi da parte delle compagnie petrolifere.

Ma molti dei suoi elettori nel 49° distretto della California meridionale sono convinti che il presidente Biden ei Democratici che guida siano in una certa misura responsabili di una questione che ha acquisito un’urgenza improvvisa per gli elettori americani in un anno elettorale.

Prendi Gloria Languen, 50 anni, che non sorrideva mentre finiva di caricare 3,2 galloni nella sua macchina durante il fine settimana, stanziando abbastanza benzina per andare al suo lavoro di insegnante in una scuola elementare a Del Mar, dove è più economico fare rifornimento.

“Spero di vincere alla lotteria in modo da potermi permettere una Tesla”, ha detto, scherzando sull’acquisto di un’auto elettrica. “È così difficile sapere cosa fare o chi dare la colpa”.

Il gioco della colpa per gli alti prezzi del carburante è a tutto gas a Washington e nei distretti congressuali di tutto il paese, come decidono persone come Languren chi merita la maggior parte della sua rabbia per l’improvviso colpo al portafogli. Un democratico conservatore che si autodefinisce ora repubblicano a causa delle preoccupazioni economiche, Languen è il tipo di elettore che aiuterà a determinare se i democratici possono aggrapparsi alle loro fragili maggioranze al Congresso a novembre.

Nel frattempo, democratici come Levin – che rappresenta uno stato con alcuni dei prezzi del gas più alti del paese – stanno lottando per trovare soluzioni rapide o addirittura soluzioni a lungo termine al problema del prezzo del gas, insieme a livelli record di inflazione in generale. Il problema sta testando il mantra secondo cui i Democratici sono il partito che “consegna”.

Biden ha riconosciuto il problema, dicendo agli americani in un discorso la scorsa settimana: “So quanto fa male”. Nel tentativo di abbassare i prezzi, Biden ha annunciato il rilascio di 1 milione di barili di petrolio al giorno per i prossimi sei mesi dalla Strategic Petroleum Reserve, una mossa che molti Democratici alla Camera hanno applaudito. Biden e altri democratici hanno ripetutamente indicato un’economia che è cresciuta in modo significativo dopo la pandemia, citando il tasso di disoccupazione più basso degli ultimi anni.

Qual è la riserva strategica di petrolio?

“Questo non accade solo automaticamente, non accade solo magicamente”, ha affermato martedì il presidente del Caucus democratico della Camera Hakeem Jeffries (DNY). “Succede come risultato della leadership presidenziale e della collaborazione con le maggioranze democratiche alla Camera e al Senato”.

Ma nelle ultime settimane in interviste a Capitol Hill, i Democratici della Camera che corrono nei distretti oscillanti e i loro aiutanti hanno riconosciuto in privato che un messaggio del genere è sordi per molti elettori che stanno subendo gli effetti di un più alto costo della vita.

Temono anche che l’appello emotivo agli americani sui prezzi del gas – con Biden e altri che affermano che pagare di più alla pompa è un piccolo sacrificio per mostrare solidarietà agli ucraini che combattono l’invasione della Russia – non possa sostenere un elettorato sempre più irritabile.

“La nostra sfida è solo parlare sinceramente alle persone. Non pretenderemo che la pressione economica dell’inflazione non sia reale “, ha affermato Rep. Daniel Kildee (D-Mich.). “È una conversazione difficile e richiede un messaggio più ponderato. Quello che ho trovato è solo, essere sincero con la gente e non provare a farlo girare o addolcirlo. Dì solo: ‘Guarda, questo è il risultato di una pandemia globale senza precedenti e di una guerra lanciata da un pazzo, e dobbiamo trovare un percorso attraverso di essa.'”

Sondaggi recenti mostrano che i messaggi dei Democratici finora sono rimasti piatti. Un Il sondaggio Associated Press-NORC dal 17 al 21 marzo ha rilevato che mentre il 55% degli americani ritiene che i prezzi alle stelle siano fuori dal controllo di Biden, la maggioranza degli indipendenti ha attribuito l’aumento al presidente. Un sondaggio della Quinnipiac University pubblicato la scorsa settimana ha rilevato che gli americani erano più propensi a incolpare le politiche economiche dell’amministrazione Biden per i prezzi elevati del gas, mentre il 24% ha affermato che erano il risultato della guerra in Ucraina.

I Democratici a Capitol Hill stanno chiaramente ancora cercando risposte. La presidente della Camera Nancy Pelosi (D-Calif.) La scorsa settimana ha incoraggiato il suo caucus più volte a fare un brainstorming di soluzioni sull’abbassamento dei costi del petrolio, secondo numerosi democratici presenti durante l’incontro della scorsa settimana. I membri hanno suggerito che i Democratici dovrebbero passare rapidamente a sforzi come la sospensione del federale tassa sul gas fino alla fine dell’anno e l’esplorazione di agevolazioni fiscali per contribuire ad alleviare l’onere per gli americani a basso reddito.

Rappresentante. Angie Craig (D-Minn.) Vuole dare la priorità ai biocarburanti rinnovabili nazionali per contribuire a ridurre la dipendenza degli Stati Uniti dal petrolio estero. Ha preso l’iniziativa di una lettera bipartisan inviata a Biden la scorsa settimana, delineando due percorsi a farlo tramite ordine esecutivo.

I democratici hanno ampiamente concordato sul fatto che un’altra parte della formula è attribuire la colpa alle compagnie petrolifere quando il prezzo del petrolio scende a meno di $ 100 al barile. Avranno la possibilità di andare in attacco mercoledì quando i dirigenti di sei compagnie petrolifere testimonieranno davanti alla Commissione Energia della Camera.

“Dobbiamo capire da loro perché diavolo i prezzi del gas non scendono quando un barile di petrolio… [is] andando giù “, ha detto Craig, che siede nel comitato. “Se non lo fanno [explain], allora sappiamo esattamente chi era il responsabile. Sono i dirigenti petroliferi che sono più preoccupati per i profitti che per il popolo americano”.

In una mezza dozzina di interviste a Washington, i democratici vulnerabili hanno presentato due strategie comuni che stanno usando quando parlano con gli elettori: riconoscere che sentono il dolore degli elettori per l’aumento dei prezzi e offrire soluzioni, attraverso l’azione del Congresso o una mossa unilaterale di Biden, come come ordine esecutivo

“Cerco di ascoltare”, ha detto Rep. Susan Wild (D-Pa.). “La maggior parte delle persone non vuole una spiegazione dell’inflazione. Loro lo sanno, e gli sta ferendo. Le spiegazioni cadono nel vuoto. Sembra quasi che tu stia inventando scuse. ”

Rappresentante. Elissa Slotkin (D-Mich.), Che sta affrontando una gara per la rielezione particolarmente serrata, ha riconosciuto che mentre alcuni fattori rimangono fuori dal controllo del partito quando si tratta di prezzi del gas, preferirebbe di gran lunga essere beccata mentre cerca di aiutare piuttosto che sedersi lì e lamentarsi il problema quando non ci stiamo lavorando. ”

“Non c’è niente che possa rivelare alle persone per far loro credere che le cose stanno migliorando fino a quando il dannato prezzo non scenderà”, ha affermato.

In California, Levin ha cercato di vendere una difesa più sfumata dei prezzi del gas parlando delle tre P.

Ma il suo messaggio è messo in discussione non solo dalla manciata di repubblicani che corrono per opporsi a lui, ma anche da molti dei suoi elettori. Il suo distretto – che corre lungo la costa dalla contea meridionale di Orange alla contea di San Diego – è stato a lungo una roccaforte repubblicana fino a quando Levin non ha ribaltato il seggio nel 2018, in un’elezione di medio termine alimentata dalla rabbia contro il presidente Donald Trump e i repubblicani.

Molti di quei repubblicani ora sottolineano che con Biden in carica, i prezzi del gas sono più alti rispetto a quando Trump era presidente.

“La benzina costava meno quando era presidente”, ha detto Joshua Jessler, un apprendista idraulico di 23 anni, mentre indossava una muta per andare a fare surf.

“È tutta colpa di Biden”, ha detto Bobby Ott, 39 anni, un veterano dell’esercito che lavora per ottenere una licenza di appaltatore che avevo un adesivo anti-Biden sulla sua Jeep. “La prima cosa che hanno fatto lui e i suoi compari è stata uccidere l’oleodotto Keystone. Ora vogliono incolpare Putin per i prezzi del gas. Pensano che siamo dei cretini?”

E i repubblicani della Camera hanno debuttato all’inizio di questo mese con un nuovo slogan che sperano che i candidati si schiereranno durante la campagna elettorale, chiedendo agli elettori se possono “permettersi” più anni di leadership democratica. Questi attacchi frustrano molti Democratici, che spesso faticano a trovare una risposta altrettanto incisiva.

“Allora è semplicemente venuto alla nostra attenzione. Sento molte persone incolpare il nostro presidente e il nostro governatore. Le persone sono arrabbiate “, ha detto Heather Henry, 35 anni, un’agente immobiliare e dipendente di un fitness club che si considera politicamente indipendente. “I politici si schierano. Una parte dice di abbassare la tassa sul gas. L’altra parte vuole cambiamenti verdi. Nessuno vuole lavorare insieme e gli elettori sono intrappolati nel mezzo. ”

Confondere ulteriormente i messaggi dei Democratici è un rinnovato grido dei repubblicani di perforare di più sui terreni pubblici mentre spingono Biden a ripristinare l’oleodotto Keystone XL dal Canada. Alcuni democratici concordano che più trivellazioni potrebbero offrire una soluzione temporanea, ma questa argomentazione è contraria ai liberali che credono che la guerra in Ucraina e il divieto degli Stati Uniti sul petrolio russo dovrebbero accelerare una transizione attesa da tempo verso le energie rinnovabili.

Durante la riunione settimanale del Caucus democratico della Camera di martedì, i liberali hanno prudentemente avvertito i colleghi più moderati di non andare “a tutto tondo ‘Drill, baby, drill'”, chiedendo loro di considerare l’abbinamento di tale strategia con soluzioni a lungo termine basate sulle energie rinnovabili, secondo a tre persone nella stanza che hanno parlato in condizione di anonimato per discutere di conversazioni private.

“Ciò che è interessante ora è che c’è un argomento molto reale – nella nostra democrazia inquadrata, nella definizione di altre persone, nella sicurezza nazionale – argomento per la transizione, che non credo che saremmo mai stati in grado di esprimere così chiaramente”, Rep. Pramila Jayapal (D-Wash.), Che presiede il Congressional Progressive Caucus, ha detto lunedì.

Julia Bodey, 35 anni, che guida una Tesla nel distretto di Levin, ha ribadito l’argomento a favore della produzione di alternative energetiche domestiche.

“Forse questo problema del gas convincerà le persone che dobbiamo allontanarci dal petrolio”, ha detto. “Allora è semplicemente venuto alla nostra attenzione. C’è molta tensione nella comunità: alcune persone incolpano Biden, il che penso sia ingiusto. Sta facendo un buon lavoro, non un A-plus ma meglio dell’ultimo ragazzo. ”

Se gli elettori democratici restano fermi, potrebbe non essere per devozione a Levin, ma perché i suoi due principali rivali appaiono significativamente a destra sulla maggior parte delle questioni.

Levin il mese scorso ha inviato un questionario agli elettori chiedendo loro di descrivere le questioni per loro più importanti. Sabato ha proseguito con a twittare assicurando al pubblico che anche lui “sente male per gli alti prezzi del gas” ed è “impegnato a concentrarsi su soluzioni che sviluppino risultati reali”. Si è collegato al suo editoriale su un sito web di notizie locali in cui incolpava i prezzi elevati delle tre P.

Pressato sul fatto che gli elettori con cui parla siano ricettivi al suo messaggio, Levin ha detto che “continuerà a dire la verità”.

“In definitiva, spero che le persone capiscano cosa sta causando l’aumento dei prezzi”, ha detto a Capitol Hill.

Perry riportato da Encinitas, California. Emily Guskin a Washington ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Comment