Il telescopio Hubble della NASA individua un pianeta simile a Giove che si sta formando in modo “non convenzionale”.

Questa è l’illustrazione artistica di un enorme esopianeta di nuova formazione chiamato AB Aurigae b (Credit: NASA, ESA, Joseph Olmsted (STScI))

Il telescopio spaziale Hubble della NASA ha fatto una nuova scoperta: fotografare direttamente le prove di un protopianeta simile a Giove che si forma attraverso quello che i ricercatori descrivono come un “processo non convenzionale” e “intenso e violento”.

Secondo l’agenzia spaziale, questa scoperta supporta una teoria a lungo dibattuta su come si formano pianeti come Giove, un processo chiamato “instabilità del disco”.

“In questo metodo, invece di avere un pianeta che cresce e si accumula da un piccolo nucleo che accumula materia e gas, il disco protoplanetario attorno a una stella si raffredda e la gravità lo fa frantumare in uno o più frammenti di massa planetaria”, la NASA ha scritto in un comunicato stampa lunedì.

Il pianeta di nuova formazione, chiamato AB Aurigae b, è probabilmente circa nove volte più massiccio di Giove e orbita attorno alla sua stella ospite a una distanza di 8,6 miliardi di miglia – oltre due volte più lontano di Plutone dal Sole, secondo la NASA.

L’agenzia afferma che a distanza ci vorrebbe molto tempo, se non mai, prima che un pianeta delle dimensioni di Giove si formi con un altro metodo chiamato accrescimento del nucleo, portando i suoi ricercatori a concludere che l’instabilità del disco ha consentito al pianeta di formarsi a una tale dimensione distanza.

“La natura è intelligente; può produrre pianeti in una gamma di modi diversi”, ha offerto Thayne Currie, ricercatore capo dello studio.

Questa nuova scoperta ha combinato i dati di due strumenti Hubble: lo Space Telescope Imaging Spectrograph e la Near Infrared Camera e Multi-Object Spectrograph.

“Interpretare questo sistema è estremamente impegnativo”, ha continuato Currie. “Questo è uno dei motivi per cui avevamo bisogno di Hubble per questo progetto: un’immagine pulita per separare meglio la luce dal disco e da qualsiasi pianeta”.

La NASA ha notato che la longevità di Hubble di 32 anni in orbita ha svolto un ruolo importante nell’aiutare il team a misurare l’orbita del protopianeta

“Non siamo riusciti a rilevare questo movimento nell’ordine di un anno o due anni”, ha aggiunto Currie. “Hubble ha fornito una base temporale, combinata con i dati Subaru, di 13 anni, che era sufficiente per essere in grado di rilevare il movimento orbitale”.

Il team afferma che questa scoperta apre la strada a studi futuri sulla composizione chimica di dischi protoplanetari come AB Aurigae, anche con il James Webb Space Telescope della NASA.

“Questa nuova scoperta è una forte prova che alcuni pianeti giganti gassosi possono formarsi a causa del meccanismo di instabilità del disco”, ha sottolineato Alan Boss della Carnegie Institution of Science di Washington, DC. “Alla fine, la gravità è tutto ciò che conta, poiché gli avanzi del processo di formazione stellare finiranno per essere riuniti dalla gravità per formare pianeti, in un modo o nell’altro”.

Il telescopio Hubble della NASA individua la stella più lontana mai vista

Questa nuova prova arriva sulla scia di un’altra scoperta fatta la scorsa settimana dal telescopio di Hubble: la scoperta della singola stella più lontana fino ad oggi.

“Abbiamo sicuramente visto le galassie più lontane, ma questo è il nuovo detentore del record per la stella più lontana che conosciamo”, ha detto l’astronoma della NASA Jane Rigby al FOX Television Stations Group.

La scoperta è un enorme salto indietro nel tempo rispetto al precedente detentore del record a stella singola, rilevato da Hubble nel 2018.

L’astronomo Brian Welch della Johns Hopkins University di Baltimora e l’autore principale dell’articolo che descrive la scoperta, ha soprannominato la stella “Earendel” che in inglese antico significa “stella del mattino”. L’articolo è stato pubblicato mercoledì sulla rivista Nature.

IMPARENTATO: Il telescopio Hubble della NASA individua la stella più lontana mai vista

Il team di ricerca stima che Earendel sia almeno 50 volte la massa del nostro Sole e milioni di volte più luminoso, rivaleggiando con le stelle più massicce conosciute.

Gli astronomi si aspettano che Earendel rimarrà molto ingrandito per gli anni a venire. Sarà osservato dal telescopio spaziale James Webb della NASA, lanciato a dicembre.

.

Leave a Comment