Lark Shields: il nuovo commissario di Fish & Wildlife punta sulla linea

Questo commento è di Lark Shields, residente a Craftsbury.

Mercoledì genn. 19, c’è stata un’audizione su un disegno di legge per vietare i rifiuti sfrenati – H.411 – nella commissione per le risorse naturali della Vermont House.

I rifiuti sfrenati sono la caccia o la cattura di animali selvatici senza alcun piano per utilizzare quell’animale per carne, pelliccia, pelle, piume o tassidermia. Lo sforzo legislativo derivava da una lettera del 2018 scritta da un guardiacaccia in pensione del Vermont che si era stancato di vedere l’uccisione dispendiosa della fauna selvatica nelle nostre foreste da parte di cacciatori e cacciatori non etici. Ha specificamente notato l’uccisione non necessaria di coyote.

Durante l’audizione, il nuovo commissario del Vermont Fish & Wildlife Department, Christopher Herrick, ha fatto il suo debutto legislativo a testimoniare su H.411, giunto al suo terzo anno di dibattito. È importante notare che, non per colpa sua, il commissario è ancora nuovo al lavoro e non ci si può aspettare che conosca le sfumature dell’argomento in discussione.

Detto questo, ha deciso di fare da solo e di presentare i punti di discussione del dipartimento senza il supporto di un esperto in materia. Quello che accadde dopo fu prevedibile e frustrante in parti uguali.

Nella sua testimonianza, che ha toccato un tono di pacata ostilità, il commissario ha letto ad alta voce un elenco di requisiti su cui ha insistito se lui – e, per estensione, il Dipartimento per la pesca e la fauna selvatica – dovessero sostenere un divieto sullo spreco arbitrario di fauna selvatica . .

Ha chiesto che il comitato esentasse sia i corvi che i coyote dal disegno di legge. Quindi, per essere chiari, sta dicendo che vuole continuare a consentire lo spreco sfrenato solo di quelle specie specifiche.

Se non lo sai già, corvi e coyote vengono uccisi per divertimento e tiro al bersaglio nel Vermont. La decisione dell’assessore di escluderli dal disegno di legge induce a presumere che il commissario non volesse prendere le critiche da un piccolo ma vociante gruppo di cacciatori e cacciatori immorale. Interpellato sul motivo per cui volesse escludere quelle specie da legislatori curiosi, ha citato ragioni basate sull’emozione – nel caso dei coyote – e su una fondamentale mancanza di conoscenza del becco reale – nel caso dei corvi.

Ha affermato che i coyote sono spietati assassini di cervi e quindi ha insinuato che dovrebbero essere uccisi. Ha giustamente chiesto ai membri del comitato se hanno mai visto un coyote abbattere un cervo e come “non è un bello spettacolo” – apparentemente prendendo un’altura morale su come Madre Natura ha progettato un predatore, come il coyote, nella sua giustificazione continuare a ucciderli inutilmente.

Questo è lo stesso tipo di disinformazione basata sulla paura che odia i predatori che vediamo dai funzionari del governo in Occidente nel loro incessante massacro di lupi.

E per l’uccisione dei corvi, il commissario ha affermato che era per difendere le fattorie, ma una disposizione chiave già nel disegno di legge consente l’uccisione della fauna selvatica, compresi i corvi, a difesa della proprietà. Sarebbe stato utile se il commissario avesse letto il disegno di legge prima di testarlo.

Mentre leggeva ad alta voce la sua testimonianza, seduto dietro di lui, guardando con sincero consenso, c’era un lobbista per cacciatori e cacciatori di trappole. Quell’ottica la dice lunga. E poi la grande sorpresa della sua testimonianza è arrivata quando il commissario ha proposto un’esenzione secondo cui cacciatori e cacciatori di pelli possono uccidere la fauna selvatica per fertilizzanti ed essere ancora coperti dalla legge sui rifiuti sfrenati.

Sì, fertilizzante.

Quindi, nel contesto di un disegno di legge per vietare l’uccisione non necessaria della fauna selvatica, ha voluto aggiungere una disposizione che consentirebbe di utilizzare specificamente l’uccisione della fauna selvatica per fertilizzare il vostro giardino. Evidentemente uccidere un animale per cibo, pelliccia, piume, pelle o tassidermia non era del tutto sufficiente.

Era un’aggiunta sospetta di una sola parola – fertilizzante – che creava una scappatoia che avrebbe reso difficile l’applicazione della legge. Da un punto di vista più cinico, si potrebbe accertare che una fornitura di fertilizzanti è una pillola velenosa che rende l’intero conto sdentato.

Non a caso, il Gov. Scott ha nominato un nuovo commissario che non ha qualifiche in quanto si riferisce alla comprensione delle scienze ambientali e delle esigenze della biodiversità. Il nuovo commissario sembra anche non essere disposto a raggiungere l’altare e lavorare con il pubblico non cacciatore / non intrappolatore, la maggioranza nel Vermont. Si può presumere che Herrick stia sentendo la pressione di alcuni membri della comunità di cacciatori e trappole per ostacolare e offuscare tutta l’attività legislativa.

Herrick è entrato nell’acqua sopra la sua testa e ha bisogno di capire rapidamente come nuotare in un ambiente di opinioni recalcitranti detenute da una minoranza di “sportivi”, sullo sfondo di una società già cambiata che richiede migliori protezioni per la fauna selvatica.

Sapevi che VTDigger è un’organizzazione no profit?

Il nostro giornalismo è reso possibile dalle donazioni dei membri. Se apprezzi ciò che facciamo, contribuisci e aiuta a mantenere questa risorsa vitale accessibile a tutti.

Registrato sotto:

Commento

Tag: Christopher Herrick, fertilizzante, H.411, scudi per allodole, rifiuti sfrenati

Commento

A proposito di commenti

VTDigger.org pubblica da 12 a 18 commenti a settimana da un’ampia gamma di fonti della comunità. Tutti i commenti devono includere nome e cognome dell’autore, città di residenza e una breve biografia, comprese le affiliazioni con partiti politici, lobby o gruppi di interesse speciale. Gli autori sono limitati a un commento pubblicato al mese da febbraio a maggio; il resto dell’anno, il limite è di due al mese, spazio permettendo. La lunghezza minima è 400 parole e la massima è 850 parole. Richiediamo ai commentatori di citare le fonti per le citazioni e, caso per caso, chiediamo agli scrittori di sostenere le affermazioni. Non abbiamo le risorse per verificare i commenti e ci riserviamo il diritto di rifiutare opinioni per questioni di gusto e inesattezza. Non pubblichiamo commenti che sono avalli di candidati politici. I commenti sono voci della comunità e non rappresentano in alcun modo VTDigger. Invia il tuo commento a Tom Kearney, [email protected]