Le azioni scivolano, le obbligazioni colpiscono mentre le scommesse sull’azione della Fed aumentano

  • I rendimenti dei titoli di stato americani hanno raggiunto i massimi pluriennali
  • Dollaro al suo massimo in quasi due anni
  • Minuti della Fed in attesa dell’aumento delle scommesse su un forte aumento dei tassi
  • Il petrolio guadagna mentre i mercati attendono nuove sanzioni russe

LONDRA, 6 aprile (Reuters) – I prezzi delle azioni globali sono allentati e i rendimenti dei Treasury USA hanno raggiunto i massimi pluriennali mercoledì mentre gli investitori scommettono che la Federal Reserve statunitense abbinerà la contrazione del suo bilancio il prossimo mese con un forte aumento dei tassi di interesse per reprimere decenni- alta inflazione.

Gli investitori hanno anche atteso i dettagli dell’ultimo pacchetto di sanzioni coordinate contro la Russia dagli Stati Uniti e dai suoi alleati per le uccisioni di civili in Ucraina. Per saperne di più

Il dollaro ha raggiunto il suo massimo in quasi due anni, mentre le aspettative di nuove sanzioni hanno sollevato preoccupazioni sull’offerta di petrolio per far salire i prezzi del greggio. Per saperne di più

Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

L’indice azionario STOXX (.STOXX) di 600 società europee è sceso dello 0,8%, mentre l’indice azionario MSCI All-Country (.MIWD00000PUS) ha perso lo 0,4%.

Il governatore della Fed Lael Brainard ha dichiarato durante la notte che si aspettava una combinazione di aumenti dei tassi di interesse e un rapido deflusso del bilancio per portare la politica monetaria statunitense a una “posizione più neutrale” entro la fine dell’anno. Per saperne di più

“Quello che stiamo ottenendo qui è una reazione istintiva alla prospettiva non solo di un aumento di 50 punti base, ma potremmo anche iniziare a vedere il profilo della riduzione del bilancio molto prima di quanto i mercati stiano attualmente scontando i prezzi”, ha affermato. ha affermato Michael Hewson, capo analista di mercato di CMC Markets.

Il focus degli investitori mercoledì sarà sul rilascio dei verbali dell’ultimo incontro politico della Fed, alle 1800 GMT.

“I verbali saranno importanti per due ragioni principali. In primo luogo, per avere indizi sulla probabilità di un aumento di 50 punti base e su ciò che il comitato dovrebbe vedere per garantire un ritmo più rapido degli aumenti”, hanno affermato gli analisti di UniCredit in una nota ai clienti .

I futures S & P500 sono scesi dello 0,3%.

Il rendimento dei buoni del Tesoro a 10 anni di riferimento è salito al 2,63%, toccando i massimi degli ultimi tre anni dopo le osservazioni di Brainard.

Il rendimento a 2 anni degli Stati Uniti è salito al livello più alto da gennaio 2019 e il rendimento a 5 anni al livello più alto da dicembre 2018.

Grace Peters, responsabile della strategia di investimento EMEA presso JPMorgan Private Bank, ha affermato che il 2022 è stato probabilmente l’ultimo anno di crescita economica superiore al trend.

“Stiamo assistendo alla politica della Fed che si sta rapidamente spostando in un territorio restrittivo. Ma non abbiamo bisogno di abbandonare le azioni, significa solo che dobbiamo essere più consapevoli del rischio. A questo punto comprerei i cali ma mi sposterei su asset di qualità superiore”, ha detto Peters.

“I mercati vedono l’inversione della curva come il tempo che ticchetta verso la prossima recessione. Ma possono passare fino a due anni prima che la recessione colpisca e in quel periodo le azioni generalmente vedono un rialzo a due cifre”, ha affermato.

Bilancio

I SERVIZI IN CINA SI RIDUCONO

Ad attirare l’attenzione sono stati anche i mercati cinesi, dopo che i dati hanno mostrato che l’attività nel suo settore dei servizi si è ridotta al livello più veloce in due anni a marzo poiché un’ondata di infezioni da coronavirus ha limitato la mobilità e ha pesato sulla domanda dei clienti, ha mostrato un’indagine del settore privato attentamente osservata. Per saperne di più

L’indice Hang Seng di Hong Kong (.HSI) ha perso l’1,8% sul ritorno da una vacanza, allontanandosi dal massimo di un mese raggiunto lunedì, le blue chips cinesi (.CSI300) hanno perso lo 0,3%.

Martedì, le autorità cinesi hanno esteso il blocco del COVID-19 a Shanghai per coprire tutti i 26 milioni di persone del centro finanziario, nonostante la crescente rabbia per le regole di quarantena. Per saperne di più

Il Nikkei giapponese (.N225) ha perso l’1,6%, mentre il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia-Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) ha perso l’1,3%.

L’indice del dollaro ha toccato quota 99.603 dopo aver toccato il massimo da fine maggio 2020 nelle prime fasi degli scambi, sostenuto anche da un ribasso dell’euro, sceso a 1,0894 dollari, penalizzato dai timori che ulteriori sanzioni alla Russia danneggerebbero l’economia europea.

Il biglietto verde è stato anche scambiato contro lo yen a 123,86 yen data la convinzione della Banca del Giappone e l’azione ripetuta la scorsa settimana per mantenere il rendimento dei titoli di stato giapponesi a 10 anni al di sotto dello 0,25%.

L’aumento dei rendimenti obbligazionari a livello globale ha messo sotto pressione l’oro, che non paga alcun ritorno. L’oro spot è sceso dello 0,16% a $ 1.928,8 l’oncia.

I prezzi del petrolio si sono ripresi dalle prime perdite poiché la minaccia di nuove sanzioni alla Russia ha sollevato preoccupazioni sull’offerta, ma si temeva un indebolimento della domanda a seguito dell’aumento delle scorte di greggio negli Stati Uniti e del blocco prolungato di Shanghai.

Il greggio statunitense è salito dello 0,8% a 102,80 dollari al barile. Il greggio Brent ha guadagnato lo 0,9% a 107,61 dollari al barile.

Rendimento del Tesoro USA ai massimi degli ultimi tre anni
Registrati ora per un accesso illimitato GRATUITO a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Sujata Rao, Daniel Leussink, Alun John a Hong Kong, montaggio di Sam Holmes, Robert Birsel e Alexander Smith

I nostri standard: i principi di fiducia di Thomson Reuters.

.

Leave a Comment