Spaceborne Computer-2 completa 24 esperimenti sulla ISS

COLORADO SPRINGS – Hewlett Packard Enterprise, Microsoft e NASA condivideranno i dettagli al 37th Simposio spaziale su 24 esperimenti di ricerca completati fino ad oggi sull’HPE Spaceborne Computer-2 della Stazione Spaziale Internazionale, inclusa l’analisi dei guanti da astronauta che si basa sull’intelligenza artificiale.

Da quando lo Spaceborne Computer-2 è stato installato sulla ISS nel maggio 2021, HPE ha collaborato con Microsoft e la NASA per dimostrare una varietà di applicazioni. Gli esperimenti condotti fino ad oggi si sono concentrati sull’assistenza sanitaria degli astronauti, sull’elaborazione delle immagini, sui disastri naturali, sulla stampa 3D e sulle comunicazioni 5G.

L’esperimento sui guanti da astronauta si basa sull’intelligenza artificiale per analizzare foto e video dei guanti indossati dagli astronauti durante la riparazione delle apparecchiature e l’installazione di strumenti al di fuori della ISS. La NASA e Microsoft hanno sviluppato un modello di intelligenza artificiale per l’analisi dei guanti che cerca segni di danni ai guanti. Quando viene rilevato un danno, un’immagine annotata viene inviata automaticamente a Earth per un’ulteriore revisione.

“Introducendo le capacità di edge computing e intelligenza artificiale alla Stazione Spaziale Internazionale con Spaceborne Computer-2, abbiamo contribuito a promuovere una comunità di ricerca collaborativa in crescita che condivide l’obiettivo comune di realizzare scoperte scientifiche e ingegneristiche a beneficio dell’umanità, nello spazio e qui sulla Terra ”, ha dichiarato in una nota Mark Fernandez, investigatore principale di HPE Spaceborne Computer-2.

L’elaborazione dei bordi diventerà sempre più importante per l’esplorazione dello spazio umano perché gli astronauti che viaggiano verso la luna, Marte e altre destinazioni dello spazio profondo subiranno ritardi nelle comunicazioni. Se usati con saggezza, l’IA, il cloud computing e gli edge processor basati sullo spazio potrebbero eliminare la necessità per gli astronauti di inviare costantemente informazioni a terra per l’elaborazione e l’analisi.

Un altro esperimento ampiamente discusso cerca mutazioni nel DNA degli astronauti. Prima dello Spaceborne Computer-2, l’invio di una sequenza di DNA grezzo da 1,8 gigabit richiedeva più di 12 ore per fornire i dati ai ricercatori sul campo per l’elaborazione. Ora, i dati possono essere elaborati sulla stazione spaziale in sei minuti, compressi e inviati sulla Terra in due secondi, secondo un comunicato stampa HPE del 4 aprile.

Lo Spaceborne Computer-2 viene utilizzato anche per testare l’interpretazione automatica delle immagini satellitari. I ricercatori del Jet Propulsion Laboratory della NASA utilizzano un tipo di intelligenza artificiale chiamata deep learning per interpretare automaticamente i dati acquisiti nell’orbita della terra e delle strutture dopo disastri come inondazioni e uragani.

Un altro esperimento del Cornell University Fracture Group ha testato un software di modellazione che simula la stampa 3D di parti metalliche e prevede guasti o deformazioni che potrebbero derivarne. I test sullo Spaceborne Computer-2 hanno convalidato il software.

L’operatore di rete mobile Cumucore ha testato varie funzionalità della sua rete principale 5G su Spaceborne Computer-2. L’esperimento ha indicato che l’installazione di apparecchiature 5G su alcuni satelliti e veicoli spaziali potrebbe migliorare le comunicazioni spaziali.

Lo Spaceborne Computer-2, che HPE ha inviato in orbita nel febbraio 2021 in una capsula Northrop Grumman Cygnus in collaborazione con l’ISS National Laboratory, dovrebbe rimanere sulla ISS per circa altri due anni.

Leave a Comment