The Witcher 3 è un’esperienza completamente nuova in prima persona:

Essendo uno dei videogiochi più amati all’unanimità di tutti i tempi, è difficile immaginare: The Witcher 3: come qualcosa di diverso da ciò che è enfaticamente: un vasto, splendido gioco di ruolo in terza persona guidato da un vecchio burbero che è il migliore amico del suo cavallo. A Geralt piace anche collezionare carte e scommettere sulle gare, entrambi hobby che pratica mentre dovrebbe cercare la figlia scomparsa. Per non parlare della sua predilezione per le scazzottate.

A parte tutto quanto sopra, parte di ciò che ha reso così duraturo il gigantesco gioco di ruolo di CD Projekt Red è il modo in cui i fan possono ricordare in modo affidabile le sue paludi puzzolenti, le sierre cariche di neve e i ripugnanti piccoli demoni marci, tutto ciò a cui siamo arrivati conoscere attraverso una lente in terza persona. Ma dal 2016, le mod in prima persona create dai fan per: The Witcher 3: sono esistite, anche se non sono mai state alla pari con il supporto ufficiale per il gioco e da allora sono state nascoste su Nexus, il più grande hub di modding di Internet. Per la maggior parte, questi progetti sono sembrati esperimenti proof-of-concept molto più che componenti aggiuntivi utilizzabili progettati per modificare il flusso, il ritmo o la funzionalità del gioco.

Questo è stato fino a Gervant First Person, una mod del 2021 che fa saltare tutti i precedenti tentativi di conversione: The Witcher 3: in un gioco di ruolo in prima persona fuori dall’acqua. Sebbene tecnicamente abbia quasi un anno, il suo file principale è stato aggiornato solo il mese scorso, a riprova dei suoi continui progressi mentre tenta di reimmaginare non solo l’esplorazione o la prospettiva generale, ma anche filmati, combattimenti e tutto il resto.

“Volevo solo combattere alcuni nekker in prima persona e non ho trovato una mod adatta per quello”, dice crthdr, l’enigmatico creatore della mod Il confine:. “La prima persona non è ‘migliore’, ma è così che preferisco giocare ai giochi per computer”. Crthdr ha trascorso circa un anno a sviluppare la mod con strumenti come Witcher Script Studio, Ghidra e Rust, tra gli altri. Lo hanno quindi testato giocando parzialmente il gioco quattro volte separate per assicurarsi che funzionasse in modo coerente. “Per fortuna ho anche realizzato la mod Skip Dialogue”, dice crthdr.

La risposta blasé di Crthdr è indicativa di un più ampio disprezzo per il modo in cui il loro lavoro è percepito dagli altri. Non hanno molta impronta sui social media: non sono su Facebook, Twitter o Instagram e il loro canale YouTube non include alcuna informazione di contatto. Quando ho contattato per chiedere un colloquio, hanno spiegato che avrebbero discusso della mod e nient’altro, e dato che l’inglese non è la loro prima lingua, le loro risposte sarebbero state brevi e al punto. Ai loro occhi, la mod non è mai stata progettata in modo che potessero parlarne: è stata progettata in modo che loro e altri come loro potessero vedere attraverso gli occhi di Geralt invece che da sopra le sue spalle.

E così è diventato evidente che per impegnarmi correttamente con questa mod, avrei dovuto installarla da solo. Se conosci già: The Witcher 3: scena di modding, l’installazione dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Le uniche mod necessarie per eseguire Gervant in prima persona sono Community Patch – Base e Community Patch – Shared Imports, entrambe abbastanza standard per qualsiasi mod progettata per le versioni 1.31 o 1.32 (vale la pena notare che queste versioni sono essenzialmente le stesse, dato che quest’ultimo aggiunge solo il supporto per il cinese semplificato). L’installazione manuale può essere una seccatura, ma avviarla tramite The Witcher 3 Mod Manager unisce automaticamente tutti gli script necessari. A condizione che tu non stia scherzando con dozzine di altre mod, puoi far funzionare GFP abbastanza indolore.

Una volta iniziato, noterai che la mod supporta sia le prospettive in prima che in terza persona, consentendoti di passare facilmente da una all’altra dopo aver selezionato una combinazione di tasti personalizzata per capovolgere la fotocamera. L’opzione in terza persona è esattamente la stessa della versione vanilla, ma passare a una visuale in prima persona provoca un cambiamento radicale, convertendo l’esperienza in qualcosa che sembra in buona fede Pergamene antiche: avventura. Se ti sei mai chiesto cosa: The Witcher 3: Skyrim selvaggio: sembrerebbe, questa è la mod per te.

La transizione tra le prospettive non è esattamente fluida, ed è spesso ovvio che il mondo non è mai stato progettato per facilitare il gioco in prima persona. Ad esempio, i personaggi che dovrebbero essere fuori dallo schermo occasionalmente si teletrasportano nei filmati, mentre i problemi con l’illuminazione diventano significativamente più importanti una volta che la telecamera è completamente sbloccata. Problemi simili sorgono in combattimento, che inizialmente non è intuitivo ma alla fine cresce su di te, soprattutto se stai giocando con un gamepad invece di mouse e tastiera. Anche se schivare può essere difficile, combinare spade e segni è fantastico in prima persona: c’è un vero peso nel tuo witchering che lo rende leggermente più tangibile.

Sebbene ci siano ovviamente molte complicazioni minori che derivano dal giocare a un gioco di successo in un modo in cui non è mai stato pensato per essere giocato, il fatto che una sola persona abbia realizzato questa mod è notevole e rappresenta il caso più forte mai visto per una prima persona Stregone: gioco. Sicuro, Cyberpunk 2077: è un FPS realizzato utilizzando REDEngine, lo stesso motore che alimenta: The Witcher 3:. Ma GFP ti consente di esplorare Velen, Novigrad e Skellige in prima persona a tuo piacimento. È decisamente janky, ma cos’altro puoi aspettarti da uno sviluppatore solista che lo ha creato nel suo tempo libero, gratuitamente, solo per poter picchiare un mucchio di nekker? Non tutto deve essere lucidato per essere un esperimento utile.

Al diavolo i problemi, ci sono alcuni aspetti della GFP che migliorano attivamente: The Witcher 3:. Non è esagerato suggerire che questo è uno dei mondi di gioco più belli che siano mai esistiti, quindi avere la possibilità di disabilitare vari widget HUD ed esplorare i suoi fantastici set in prima persona ti dà l’opportunità perfetta di berne davvero lo splendore tutto – come: Stregone: simulatore fotografico, GFP non ha eguali. Evidenzia anche alcune delle funzioni per lo più nascoste che strutturano sottilmente il mondo di: The Witcher 3:: puoi studiare da vicino le linee di rifornimento, le rotte di pattuglia e i lupi che formano branchi per avvicinarsi a una carcassa. È chiaro che questo mondo non è stato progettato pensando in prima persona, ma la sua capacità di incorporarlo è comunque una vera testimonianza di quanto sia magnifico.

Nell’interesse di fornire un contesto chiaro, vale la pena notare che, nel momento in cui scrivo, ho ucciso il grifone in White Orchard e completato diverse missioni secondarie come “Una padella, Spick and Span” e “A letto di morte”. La sequenza introduttiva in Kaer Morhen è disturbata a causa delle istruzioni del tutorial che interferiscono con le azioni in prima persona, il che significa che è altamente consigliato completarla in terza persona. Ma non appena ti svegli accanto a Vesemir, ottieni accesso illimitato a una versione a tutti gli effetti di The Witcher 3: come un gioco di avventura in prima persona.

Forse uno degli argomenti più importanti sul perché i witcher esperti dovrebbero dare un vortice a questa mod è che è estremamente facile perdersi. Il mondo sembra fondamentalmente diverso in prima persona: sembra più denso, per prima cosa, ma gode anche di un’immensa distanza di visualizzazione, creando un’atmosfera imponente in cui città e torri possono essere viste da miglia di distanza. Questa scala può essere ulteriormente aggravata spegnendo l’HUD, trasformando luoghi come Velen e Skellige in aree completamente nuove che conservano tutto il calore e la familiarità degli originali. Ovviamente non è progettato in modo professionale come la visuale in terza persona del gioco reale, ma non è questo ciò che è importante qui. GFP illustra in modo convincente il motivo per cui implementare il tipo di ibridazione prima persona/terza persona che potresti aspettarti di trovare in un gioco di ruolo Bethesda in Il Witcher: potrebbe funzionare; è probabilmente il primo progetto del suo genere a tentare questo e ad emergere con successo.

Ci sono anche molti chiari esempi di questo, che indicano sia l’attenzione ai dettagli di CDPR che la visione di crthdr quando si tratta di convertirlo in prima persona. Ad esempio, quando nuoti, noterai che Geralt alza la testa per inspirare ogni due o tre bracciate. Anche i sensi di Witcher sono più palpabili in prima persona, in particolare quando si seguono tracce o tracce di odori. Semplicemente non importa se questa mod sembra lucida o janky. (Per la cronaca, oscilla tra i due). La cosa importante qui è che accentua quanto sia raffinato questo mondo e allo stesso tempo funge da prototipo non ufficiale di come potrebbe apparire un futuro migliore.

Nonostante tutto ciò, crthdr è troppo modesto per ammettere quanto sia radicale il progetto. “La mod è fatta per: Witcher 3: fan a cui piacciono i giochi in prima persona “, spiegano. “A quei ragazzi piace il mod. Al resto non interessa. Tecnicamente, ovviamente CDPR avrebbe potuto farlo meglio e più velocemente. Semplicemente non era affatto nella loro lista di cose da fare. Alla maggior parte delle persone non interessa la prima persona, e fare ibridi prima persona/terza persona è probabilmente considerato troppo lavoro. Personalmente preferisco la prima persona”.

Mentre gli stessi crthdr potrebbero ritenere che il loro lavoro non sia un grosso problema, chiunque si impegni con GFP probabilmente se ne andrà pensando esattamente il contrario. Questo è il tipo di progetto non ufficiale sufficientemente ben considerato da indurre una vera introspezione all’interno di quelli ufficiali.

The Witcher 3: la prossima patch di nuova generazione fornisce un motivo più che valido per gli avidi cacciatori di mostri per tornare in The Continent, ma se vuoi un’esperienza completamente diversa in questo mondo, dovresti dare un’occhiata anche a GFP.

Leave a Comment