Verbale Fed incontri marzo 2022:

I funzionari della Federal Reserve hanno discusso di come vogliono ridurre i loro trilioni di titoli obbligazionari alla riunione di marzo, con un importo di consenso di circa $ 95 miliardi, secondo i verbali pubblicati mercoledì.

I funzionari “generalmente concordavano” sul fatto che un limite di 60 miliardi di dollari in titoli del Tesoro e 35 miliardi di dollari in titoli garantiti da ipoteca sarebbe stato autorizzato a scendere, gradualmente in tre mesi. Quel totale sarebbe circa il doppio del tasso dell’ultimo sforzo, dal 2017 al 2019, e rappresenterebbe parte di un passaggio storico da una politica monetaria estremamente facile.

Oltre al discorso sul bilancio, i funzionari hanno anche discusso del ritmo dei futuri aumenti dei tassi di interesse, con i membri che propendono per mosse più aggressive.

Alla riunione, la Fed ha approvato il suo primo aumento dei tassi di interesse in più di tre anni. L’aumento di 25 punti base – un quarto di punto percentuale – ha sollevato il tasso di prestito a breve termine di riferimento dal livello quasi zero in cui si trovava da marzo 2020.

Il verbale, tuttavia, indicava potenziali aumenti dei tassi di 50 punti base nelle prossime riunioni, un livello coerente con i prezzi di mercato per il voto di maggio. In effetti, il mese scorso c’era un sentimento considerevole per andare più in alto. L’incertezza sulla guerra in Ucraina ha dissuaso alcuni funzionari dall’andare con una mossa di 50 punti base a marzo.

“Molti partecipanti hanno notato che uno o più aumenti di 50 punti base nell’intervallo target potrebbero essere appropriati in riunioni future, in particolare se le pressioni inflazionistiche rimangono elevate o intensificate”, si legge nel verbale.

Le azioni sono scese in seguito al rilascio della Fed mentre i rendimenti dei titoli di stato sono rimasti più alti. Tuttavia, il mercato è uscito dai minimi quando i trader si sono adattati al nuovo atteggiamento della banca centrale.

I verbali erano “un avvertimento per chiunque pensi che la Fed sarà più accomodante nella loro lotta contro l’inflazione”, ha affermato Quincy Krosby, chief equity strategist di LPL Financial. “Il loro messaggio è: ‘Ti sbagli.'”

In effetti, i politici negli ultimi giorni sono diventati sempre più stridenti nelle loro opinioni su come domare l’inflazione.

Il governatore Lael Brainard ha dichiarato martedì che la riduzione dei prezzi richiederà una combinazione di aumenti costanti e una riduzione aggressiva del bilancio. I mercati prevedono che la Fed aumenterà i tassi per un totale di 250 punti base quest’anno. Il verbale rilevava che “tutti i partecipanti hanno espresso il loro forte impegno e determinazione ad adottare le misure necessarie per ripristinare la stabilità dei prezzi”.

Krosby ha affermato che la posizione dei responsabili politici quindi non avrebbe dovuto sorprendere.

“La Fed ha orchestrato uno sforzo concertato per avvertire il mercato, dicendo al mercato senza mezzi termini che questo è serio, questo è fondamentale, combatteremo l’inflazione”, ha detto. “Quello che hanno dalla loro parte è un mercato del lavoro ancora sano, e questo è importante. Quello che non vuoi è che la Fed commetta un errore politico”.

La relativa aggressività della Fed si è estesa al discorso sul bilancio. Alcuni membri non volevano limiti alla quantità di deflusso mensile, mentre altri hanno affermato di essere bravi con limiti “relativamente alti”.

Il riepilogo del bilancio vedrà la Fed consentire a un livello limitato di proventi dei titoli in scadenza di decrescere ogni mese mentre reinveste il resto. Le partecipazioni di buoni del Tesoro a breve termine sarebbero prese di mira in quanto sono “valutate come attività sicure e liquide dal settore privato”.

Sebbene i funzionari non abbiano espresso alcun voto formale, il verbale indicava che i membri erano d’accordo che il processo potesse iniziare a maggio.

Tuttavia, è ancora in discussione se il ballottaggio raggiungerà effettivamente i 95 miliardi di dollari. La domanda di MBS è ora attenuata con la domanda di rifinanziamento bassa e i tassi di interesse in aumento. I funzionari hanno riconosciuto che il deflusso passivo dei mutui potrebbe non essere sufficiente, con le vendite a titolo definitivo da considerare “dopo che il deflusso del bilancio era a buon punto”.

Anche durante la riunione, i funzionari della Fed hanno fortemente aumentato le loro prospettive di inflazione e abbassato le loro aspettative di crescita economica. L’aumento dell’inflazione è il fattore trainante dell’inasprimento della banca centrale.

I mercati stavano esaminando il rilascio del verbale per i dettagli su dove si dirigerà la politica monetaria da qui. In particolare, il presidente della Fed Jerome Powell ha dichiarato nella sua conferenza stampa post-riunione che i verbali forniranno dettagli sull’idea di una riduzione del bilancio.

La Fed ha ampliato le sue partecipazioni a circa $ 9 trilioni, o più del doppio, durante gli acquisti mensili di obbligazioni sulla scia della crisi pandemica. Quegli acquisti sono terminati solo un mese fa, nonostante l’evidenza di un’inflazione ruggente superiore a qualsiasi cosa gli Stati Uniti avessero visto dall’inizio degli anni ’80, un’impennata che l’allora presidente Paul Volcker ha represso trascinando l’economia in una recessione.

.

Leave a Comment