Aleph Farms testerà l’Ag-Tech della carne coltivata sulla missione Axiom ISS – Arco parabolico

Aleph Farms Neta Lavon Zvika Tamari Space Florida Space Life Sciences Laboratory.

Di David Bullock
Scrittore del personale

Il cibo fresco è un elemento che gli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale bramano dopo lunghi periodi nello spazio. Ma le navi di rifornimento dalla Terra arrivano solo pochi mesi e il cibo non rimane fresco per molto tempo. Il problema sarà ancora più acuto per gli astronauti in missioni di lunga durata sulla luna e su Marte.

Aleph Farms sta lavorando per risolvere parte del problema sviluppando una tecnologia che consentirebbe ai futuri esploratori spaziali di coltivare le proprie bistecche da cellule bovine. Venerdì, la compagnia israeliana invierà un esperimento alla Stazione Spaziale Internazionale a bordo di una navicella spaziale SpaceX Crew Dragon che aiuterà gli scienziati a capire meglio come far crescere le cellule.

“Studiare l’effetto dell’ambiente spaziale nella crescita delle cellule aiuterà Aleph Farms a capire meglio come i suoi processi possono evolversi in ambienti estremi, consentendo lo sviluppo di un sistema automatizzato a circuito chiuso che produce bistecche durante le missioni spaziali a lungo termine e in altri climi rigidi sulla terra “, ha affermato la società in un comunicato stampa.

L’esperimento è stato portato alla stazione della prima missione privata di Axiom Space sulla ISS. L’ex astronauta della NASA Michael Lopez-Alegria è al comando del volo Ax-1, che porterà tre clienti paganti e un carico di esperimenti per un soggiorno di otto giorni a bordo della stazione.

“Quello che stiamo cercando di dimostrare in questo esperimento sono i due mattoni principali nel processo di coltivazione della carne”, ha affermato Zvika Tamari, capo della ricerca spaziale presso Aleph Farms. “Quando coltivi la carne, prendi una scorta iniziale di cellule e le moltiplichi, in un processo chiamato proliferazione. Una volta ottenuto un numero enorme di cellule, si continua a differenziare le cellule in diversi tipi cellulari… Questi sono i due mattoni principali per coltivare la carne e non sono mai stati dimostrati nello spazio… “Perché le cellule crescono ed evolvono in modo diverso in microgravità rispetto alla Terra , Tamari e Lavon sono curiosi di vedere come andrà a finire l’esperimento.

Aleph vede un’opportunità di mercato man mano che i viaggi spaziali privati ​​si espandono e la NASA e i suoi partner internazionali inviano astronauti sulla luna e infine su Marte.

“Speriamo di poter essere un fornitore di carne per i nuovi turisti che volano fuori dalla Terra e per le nuove colonie che si stabiliranno nello spazio”, ha affermato Neta Lavon, CTO di Aleph.

“L’agricoltura cellulare continua a raggiungere nuove vette grazie alla ricerca spaziale ed è anche una soluzione integrale per ulteriori esplorazioni nello spazio profondo”, ha affermato Lavon. “La missione Rakia rappresenta un’esperienza di apprendimento unica per il nostro team di Aleph Farms, che sta lavorando instancabilmente insieme ai nostri partner per adattare i nostri processi di produzione di carne coltivata ai vincoli imposti dall’ambiente spaziale in questa missione”.

Rakia è il nome della missione intrapresa da uno dei partecipanti al volo spaziale di Ax-1, Eytan Stibbe. Il secondo Israele nello spazio eseguirà una serie di esperimenti e attività STEM per conto del suo paese.

Aleph sta lavorando con SpacePharma – che ha uffici in Svizzera, California e Israele – e Space Life Science Laboratory di Space Florida a Cape Canaveral. SpacePharma sta fornendo il suo sistema SPAd, altrimenti noto come “Lab-on-a-Chip”, in modo che Aleph possa far crescere le proprie cellule bovine in un dispositivo microfluido sul chip.

L’esperimento è il secondo test ISS per l’azienda israeliana di tecnologia agricola. Il primo esperimento è volato a settembre 2019.

Anche Aleph non è estraneo alla NASA, poiché ha partecipato alla Deep Space Food Challenge della NASA.

Prima di fornire bistecche ai viaggiatori spaziali, Aleph prevede di sviluppare un mercato per la carne bovina a basso costo dell’azienda qui sulla Terra.

“Prevediamo di lanciare questo prodotto entro la fine di quest’anno”, ha affermato Lavon. “Dobbiamo ottenere l’approvazione del Ministero della Salute per iniziare a vendere. E una volta ottenuto questo, prevediamo di iniziare a vendere prima ai ristoranti. E una volta che abbiamo questo, [we can then] trasferirsi nei supermercati e così via. Poiché la nostra visione è quella di fornire carne ovunque, in qualsiasi momento e a chiunque, negli ultimi anni abbiamo iniziato a considerare lo spazio come qualcosa a cui dovremmo guardare con attenzione”.

L’azienda è nata cinque anni fa in un incubatore in Israele. Da allora hanno raccolto $ 120 milioni da fondi VC che hanno contribuito da tutto il mondo.

La serie A da 12 milioni di dollari di Aleph è stata guidata da VisVires New Protein, con Cargill Protein e M-Industry come nuovi investitori. Gli investitori esistenti includevano Strauss Group, Peregrine Ventures, CPT Capital, Jesselson Investments, New Crop Capital e Technion Investment Opportunity Fund.

Aleph ha avuto anche un Round B a maggio 2021 generando $ 105 milioni. Il Round B è stato guidato dal Growth Fund of l Catterton e DisruptAD, con la partecipazione di Skyviews Life Science, nonché un consorzio di aziende leader nel settore alimentare e della carne a livello mondiale, tra cui Thai Union, BRF e CJ CheilJedang. Hanno partecipato anche investitori esistenti, tra cui VisVires New Protein, Strauss Group, Cargill, Peregrine Ventures e CPT.

Leave a Comment