Google ha un nuovo Nest Wifi in lavorazione:

Le prove scoperte dal nostro team suggeriscono che Google potrebbe preparare un altro prodotto nella sua gamma di dispositivi di rete mesh Nest Wifi. Ma cosa dovrebbe offrire Google in una nuova versione della sua soluzione di rete domestica?

Nuovo Google/Nest Wifi:

Storicamente, l’hardware di rete di Google – che include dispositivi meno recenti come la serie OnHub ora ritirata e quelli più recenti come Google Wifi e Nest Wifi – ha quasi sempre un nome in codice legato al vento. Ad esempio, il router e il punto di accesso Nest Wifi hanno nomi in codice rispettivamente “Mistral” e “Vento”.

Il nostro team di APK Insight ha scoperto il lavoro su un dispositivo Google con nome in codice “Sirocco”. Come prima il “maestrale”, lo “scirocco” è un tipo di vento mediterraneo, particolarmente caldo e polveroso, proveniente dal deserto del Sahara.

Sebbene sia improbabile che ci dica qualcosa di utile sul dispositivo stesso, il nome in codice ventoso: fortemente: indica un nuovo prodotto della famiglia Nest Wifi in lavorazione. Inoltre, confrontando varie parti del codice, scopriamo che Sirocco è trattato in modo molto simile agli altri recenti dispositivi Wifi di Google.

Quindi cosa riserverebbe questo dispositivo “Sirocco” per la gamma Nest Wifi? Per ora, tutto ciò che possiamo fare è speculare.

Di cosa ha più bisogno Nest Wifi?

L’ultimo lancio di punta dell’hardware di rete di Google è stato il sistema Nest Wifi nel 2019, che offriva un router di base migliorato abbinato a punti mesh che fungevano anche da altoparlanti intelligenti Google Assistant. L’anno successivo, la società ha proseguito con una riedizione di Google Wifi del 2016, offrendo una connessione mesh a un prezzo più conveniente e con alcune piccole modifiche hardware rispetto al sistema originale.

Dato che stiamo arrivando a tre anni dal lancio di Nest Wifi, siamo in perfetto orario per un nuovo prodotto di rete mesh di punta. Negli anni successivi, la tecnologia è costantemente migliorata, offrendo ampie opportunità affinché il prossimo Nest Wifi sia migliore del precedente.

Wi-Fi 6/6E:

L’unica cosa che manca in particolare al Nest Wifi del 2019 è il supporto per Wi-Fi 6, il che è comprensibile in una certa misura in quanto lo standard non è stato formalmente finalizzato fino alla fine del 2020. Detto questo, i dispositivi hanno iniziato a essere spediti con il supporto Wi-Fi 6 nel 2019, in particolare con la serie iPhone 11. Google non ha adottato il Wi-Fi 6 nei propri smartphone Pixel fino al rilascio di Pixel 6 e Pixel 6 Pro.

Il più grande miglioramento del Wi-Fi 6 è la capacità di servire in modo efficiente più dispositivi in ​​un’area, qualcosa che è diventato fondamentale man mano che le nostre case intelligenti continuano ad espandersi. Quando ogni lampadina della tua casa potrebbe essere potenzialmente un dispositivo connesso, Wi-Fi 6 diventerà costantemente una necessità.

Dopo il lancio, Wi-Fi 6 è stato ampliato per offrire una gamma aggiuntiva di connettività wireless, un aggiornamento soprannominato “Wi-Fi 6E”. In generale, la banda a 6 GHz appena aggiunta utilizzata dal Wi-Fi 6E riduce ulteriormente l’interferenza del segnale tra i tuoi dispositivi (e quelli dei tuoi vicini).

Immagine: Alleanza Wi-Fi:

Onestamente, a questo punto, Wi-Fi 6 è un’aspettativa minima da qualsiasi router moderno, in particolare uno nella stessa categoria di prezzo di Google Wifi e Nest Wifi. Per quanto riguarda il Wi-Fi 6E, sarebbe un ottimo modo per rendere a prova di futuro il prossimo Nest Wifi, ma è tutt’altro che garantito che sia incluso.

Altre funzioni dell’Assistente Google:

Ciò che distingue il sistema Nest Wifi dalle altre opzioni di rete mesh è che i punti di accesso avevano un altoparlante dell’Assistente Google integrato. Oltre a ciò, Google è anche riuscita a far sì che i punti si fondassero bene nella casa, trasformando un gadget noioso, monouso, spesso nascosto in un membro ben posizionato e multiuso delle decorazioni della casa.

L’altoparlante integrato integrava la capacità dell’Assistente Google di gestire la tua rete tramite comandi vocali, consentendoti di fare cose come accendere/spegnere la tua rete ospite. Per la prossima generazione di Nest Wifi, sarebbe fantastico vedere l’Assistente Google continuare a essere al centro, sia attraverso controlli più intelligenti o più dispositivi Assistant/Wifi a doppio scopo.

Più porte:

Uno degli svantaggi principali dell’hardware Nest Wifi di Google oggi è la mancanza di porte. Il Google Wifi originale e il router Nest Wifi dispongono ciascuno solo di due porte Ethernet: una per connettersi al modem e l’altra per collegare un dispositivo alla rete. Nel frattempo, i punti di accesso Nest Wifi dotati di altoparlanti non dispongono affatto di una porta Ethernet.

Lo speaker è ottimo, la mancanza di porte non lo è:

Sebbene l’obiettivo generale di una rete mesh sia migliorare il segnale Wi-Fi in tutta la casa, alcuni dispositivi funzionano semplicemente meglio utilizzando una connessione Ethernet. Ad esempio, le smart TV hanno spesso antenne Wi-Fi deboli ma offrono una porta Ethernet integrata. In questi casi, un Google Wifi che funge da extender mesh potrebbe essere posizionato nelle vicinanze per fornire una connessione più forte. Sarebbe bello per la prossima generazione di Nest Wifi offrire almeno una porta Ethernet in più su ciascun dispositivo.


Cos’altro vorresti vedere l’offerta di Google in questa possibile prossima generazione di Nest Wifi? Fatecelo sapere nei commenti.

FTC: Utilizziamo link di affiliazione automatici per guadagnare reddito. Di più.


Dai un’occhiata a 9to5Google su YouTube per ulteriori notizie:

https://www.youtube.com/watch?v=5Iv29f1oprw:

Leave a Comment