I ricercatori scoprono un nuovo disturbo dello sviluppo neurologico

I ricercatori hanno scoperto un nuovo disturbo dello sviluppo neurologico dopo aver scoperto il suo legame con un gene oncosoppressore. Credito: Edmonton Società per lo sviluppo economico

Ricercatori australiani hanno scoperto un nuovo disturbo del neurosviluppo dopo aver scoperto il suo legame con un gene oncosoppressore.

La collaborazione di ricerca internazionale, guidata dal Murdoch Children’s Research Institute (MCRI) e pubblicata nel Giornale americano di genetica umanaha collegato un gene oncosoppressore riconosciuto a una nuova sindrome del neurosviluppo, ponendo fine al viaggio diagnostico per 32 famiglie in tutto il mondo.

Lo studio ha rilevato che le variazioni del gene FBXW7 erano associate alla condizione appena identificata, che causa ritardo dello sviluppo da lieve a grave, disabilità intellettiva, ipotonia e problemi gastrointestinali.

Ricercatore per bambini di Murdoch Sarah Stephenson ha affermato che poiché il gene FBXW7 regola il ciclo di vita delle cellule, la crescita cellulare e la sopravvivenza, il team di ricerca ha ipotizzato che la proliferazione cellulare anormale durante lo sviluppo del cervello possa essere alla base dell’ampio spettro di anomalie cerebrali identificate in questo nuovo disturbo.

“FBXW7 ora si unisce a un numero in forte aumento di geni di disabilità intellettiva/disturbo dello spettro autistico che sono stati implicati in disturbi che influenzano lo sviluppo del sistema nervoso, portando a funzioni cerebrali atipiche, influenzando le emozioni, la capacità di apprendimento, l’autocontrollo e la memoria”, ha affermato.

Lo studio ha utilizzato strumenti diagnostici all’avanguardia, sequenziamento genomico e piattaforme globali di condivisione dei dati per identificare 35 persone, di età compresa tra 2 e 44 anni, provenienti da 32 famiglie in sette paesi che ospitano il gene FBXW7, che presentava varianti associate al gene mai descritto prima. sindrome del neurosviluppo.

Quasi tutte le persone affette presentavano ritardo dello sviluppo e disabilità intellettiva, da borderline a grave, il 62% aveva una diminuzione del tono muscolare, il 46% ha notato difficoltà di alimentazione e costipazione e il 23% aveva convulsioni. L’imaging cerebrale ha anche dettagliato le differenze strutturali sottostanti variabili che interessano il cervelletto, le fibre nervose e la sostanza bianca.

Il team ha quindi ridotto i livelli del gene in un modello di mosca, che ha influenzato la capacità delle mosche di saltare in risposta a uno stimolo. Ciò ha supportato l’osservazione che le 28 varianti in FBXW7 erano la causa della condizione. Ha inoltre ulteriormente consolidato il ruolo fondamentale del gene nello sviluppo in senso lato e, in particolare, del cervello.

Il professor Tiong Tan di Murdoch Children, anche lui genetista clinico presso il Victorian Clinical Genetics Services (VCGS), ha affermato che i risultati hanno evidenziato il potere dei programmi di malattie non diagnosticate che utilizzano nuove tecnologie di sequenziamento genomico e condivisione e collaborazione internazionale dei dati per portare diagnosi a bambini e famiglie che hanno cercavamo risposte, spesso da molti anni.

Attingendo alla ricerca e all’esperienza clinica di MCRI e VCGS, Rare Diseases Now (RDNow) ha stabilito un percorso per i bambini che rimangono non diagnosticati dopo un test genomico come il sequenziamento dell’esoma.

“Le caratteristiche cliniche sono così variabili con questo disturbo dello sviluppo neurologico che in alcuni casi sarebbe stato difficile diagnosticare senza gli strumenti genomici e le competenze associate”, ha detto il professor Tan.

“La diagnosi ha dato chiusura e certezza alle famiglie, personalizzerà l’assistenza clinica di ogni individuo colpito e ha rivelato i rischi genetici e riproduttivi. È una condizione dominante, quindi una persona affetta avrà una probabilità del 50-50 di trasmetterla a ciascuno dei i loro figli. Questa diagnosi consentirà alle persone colpite di prendere decisioni sulle loro opzioni riproduttive”.

Il professor Tan ha affermato che il passo successivo è stato testare questi risultati nelle cellule staminali umane, che sarebbero state ingegnerizzate in cellule cerebrali per l’analisi in laboratorio, e sviluppare una migliore comprensione di come il cervello è stato colpito in questa condizione.


Nuovo disturbo dello sviluppo neurologico associato a mutazioni o delezioni del gene PAX5


Maggiori informazioni:
Tiong Yang Tan, le varianti della linea germinale nel soppressore tumorale FBXW7 portano a un’ubiquitinazione ridotta e a una sindrome dello sviluppo neurologico, L’American Journal of Human Genetics (2022). DOI: 10.1016/j.ajhg.2022.03.002. www.cell.com/ajhg/fulltext/S0002-9297(22)00098-2

Fornito da Murdoch Children’s Research Institute

Citazione: I ricercatori scoprono un nuovo disturbo dello sviluppo neurologico (2022, 7 aprile) recuperato il 7 aprile 2022 da https://medicalxpress.com/news/2022-04-neurodevelopmental-disorder.html

Questo documento è soggetto a copyright. Al di fuori di qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza il permesso scritto. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

Leave a Comment