Il rapporto del WWF afferma che il commercio online di animali selvatici è in aumento in Myanmar

BANGKOK – Un rapporto del World Wildlife Fund mostra che gli acquisti illegali di fauna selvatica online stanno crescendo in Myanmar e rappresentano una minaccia sia per la salute pubblica che per le specie in via di estinzione.

Il rapporto pubblicato venerdì ha rilevato che l’applicazione dei divieti su tali transazioni si è indebolita in mezzo a disordini politici a seguito di un’acquisizione militare del 2021.

Il numero di tali rapporti è aumentato del 74% rispetto a un anno prima, arrivando a 11.046, quasi tutti relativi alla vendita di animali vivi. Per le 173 specie commercializzate, 54 sono minacciate di estinzione globale, afferma il rapporto.

I ricercatori hanno identificato 639 account Facebook appartenenti a commercianti di animali selvatici. Il più grande gruppo di trading online aveva più di 19.000 membri e dozzine di post a settimana, ha affermato.

Gli animali e le parti di animali acquistati e venduti riguardavano elefanti, orsi e gibboni, antilopi tibetane, pangolini in pericolo di estinzione e una tartaruga gigante asiatica. I mammiferi più popolari erano varie specie di languri e scimmie, spesso acquistati come animali domestici.

Anno Domini

La maggior parte degli animali pubblicizzati per la vendita sono stati prelevati in natura. Includevano anche gli zibetti, che insieme ai pangolini sono stati identificati come potenziali vettori nella diffusione di malattie come la SARS e il COVID-19.

Shaun Martin, che dirige il progetto di criminalità informatica regionale Asia-Pacifico del WWF, ha affermato che il monitoraggio del commercio online di animali selvatici mostra specie diverse tenute vicine, a volte nella stessa gabbia.

“Con il track record dell’Asia come terreno fertile per molte recenti malattie zoonotiche, questo forte aumento del commercio online di fauna selvatica in Myanmar è estremamente preoccupante”, ha affermato.

Il commercio non regolamentato di specie selvatiche e le conseguenti interazioni tra le specie selvatiche e l’uomo aumentano i rischi di mutazioni nuove e possibilmente resistenti ai vaccini di malattie come il COVID-19 che potrebbero evolvere inosservate in ospiti non umani in varianti di malattie più pericolose, esperti dire.

Il COVID-19 è una delle tante malattie riconducibili agli animali. Si pensava che l’uccisione e la vendita di quella che è conosciuta come carne di animali selvatici in Africa fosse una fonte di Ebola. L’influenza aviaria probabilmente proveniva da polli in un mercato di Hong Kong nel 1997. Si ritiene che il morbillo si sia evoluto da un virus che infettava il bestiame.

Anno Domini

“Il commercio illegale di animali selvatici è una seria preoccupazione dal punto di vista della conservazione e conservazione della biodiversità e del suo potenziale impatto sulla sicurezza sanitaria”, ha affermato Mary Elizabeth G. Miranda, esperta di zoonosi e malattie e CEO del Field Epidemiology Training Program Alumni Fondazione nelle Filippine.

I social media e altre piattaforme online si sono uniti a uno sforzo mondiale per reprimere il fiorente commercio di uccelli, rettili, mammiferi e parti di animali. In Myanmar, gran parte del commercio di animali selvatici avviene tramite Facebook, che in qualità di membro della Coalition to End Wildlife Trafficking online ha preso provvedimenti per bloccare o rimuovere account di persone coinvolte in tali transazioni.

Ma come è vero altrove, i nuovi account spesso vengono visualizzati non appena quelli vecchi vengono chiusi, ostacolando l’applicazione, osserva il rapporto. Anche il facile accesso online agli animali sta aumentando la domanda, aggravando il problema.

Anno Domini

Le discussioni sugli acquisti di specie protette si sono svolte spesso in gruppi aperti di Facebook, suggerendo che tali rapporti rimangono “in gran parte privi di rischi”, afferma il rapporto. Poiché i pagamenti e le consegne vengono spesso effettuati utilizzando app di messaggistica, controllare il problema è doppiamente difficile.

Evidenziando la mancanza di applicazione, le persone nel commercio illegale di specie selvatiche in Myanmar usano spesso metodi rudimentali per spostare gli animali e i prodotti animali in giro, con gli autobus che rappresentano il solito mezzo di trasporto.

Lo studio del WWF in Myanmar si è concentrato sul commercio online di animali e altre creature all’interno del paese, sebbene ci fossero alcune importazioni dalla vicina Thailandia, principalmente di uccelli come cacatua e pappagalli e di coccodrilli, in India.

Alcuni accordi potrebbero riguardare l’invio di animali o parti in Cina, ha affermato.

Il gruppo di conservazione ha affermato di pianificare studi futuri per comprendere meglio il ruolo del Myanmar nel commercio globale di specie in via di estinzione.

Copyright 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

.

Leave a Comment